Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Villa San Giovanni in Tuscia - Il vicesindaco Paolo Valeri replica all'opposizione sullo smaltimento dei rifiuti

“La differenziata la facciamo, ma il composter è inefficiente dal 2018…”

Condividi la notizia:

Paolo Valeri

Paolo Valeri

Villa San Giovanni in Tuscia – Riceviamo e pubblichiamo – L’impegno più importante che abbiamo preso con la popolazione è assumere atteggiamenti e prese di posizione tali da favorire un’atmosfera più tranquilla in paese e tra i cittadini. Ci stiamo impegnando in questo senso, non è facile e molto c’è ancora da fare.

Quindi eviterò di rispondere al gruppo di opposizione come meriterebbe in seguito a quanto hanno scritto sia nell’interrogazione scritta inviatami sia nel comunicato apparso su queste pagine, nel leggere il quale sono rimasto ancor più stupito di prima.

Nel comunicato stampa si dice che “L’amministrazione del “cambiamento” sono 13 mesi che non effettua la raccolta differenziata”. È falso, la raccolta differenziata dei rifiuti si fa, ogni giorno e nella stessa maniera come la passata amministrazione ha fatto per almeno gli ultimi sette mesi della loro attività.

Forse gli amministratori di opposizione non riescono a capire la differenza tra raccolta differenziata e smaltimento dei rifiuti. Eppure due di loro provengono dalla passata amministrazione, quindi dovrebbero saperlo. Appunto, c’è da stupirsi a leggere certe cose.

Così come i consiglieri Latini Aldo, assessore per dieci anni, e Francesca Todini, capogruppo consiliare di maggioranza per cinque anni, ora all’opposizione, dovrebbero sapere anche lo stato in cui hanno lasciato i vari impianti. Parlo del depuratore comunale, dell’impianto di dearsenificazione, del composter per i rifiuti organici, degli autoveicoli comunali ecc. ecc.

Dovrebbero sapere che abbiamo trovato tutto in uno stato di inefficienza e di generale degrado. Ci hanno lasciato un disastro e ora che fanno? Criticano dicendo che ci mettiamo troppo tempo a sistemare i loro disastri?

In particolare il composter meccanico, inefficiente dalla fine del 2018. Appena insediatici in Comune abbiamo cercato di capire in che stato fosse, senza riuscirci. Nel senso che, normalmente, al cambio di amministrazione avviene un passaggio di consegne, almeno per le questioni più importanti e urgenti.

Ciò che però è normale in ogni paese, purtroppo, non lo è stato per Villa San Giovanni. Soprattutto l’ex sindaco che, a detta del tecnico comunale uscente, era l’unico ad avere cognizione esatta dello stato del composter. Ma il nostro sindaco Fabio Latini non ha avuto il piacere di avere alcuna notizia da lui perché non si è mai presentato in Comune.

Ci siamo quindi rivolti alla società che è officina autorizzata per il centro Italia per la manutenzione di quel tipo di composter. Il sopralluogo tecnico ha dato un esito pesante: il composter non aveva ricevuto la necessaria manutenzione ordinaria da tempo.

Impianto elettrico distrutto dai roditori, riscaldatore e moto riduttore inefficienti e quindi da sostituire, camera rotante ricoperta all’interno da uno spesso stato di incrostazioni, materiale filtrante da sostituire. Insomma, un disastro, per risolvere il quale bisognava impegnare oltre 7000 euro che nel bilancio approvato dalla passata amministrazione non c’erano.

E qui ancora lo stupore cresce insieme anche a un po’ di preoccupazione. Perché l’opposizione dice che sarebbe bastato fare una variazione di bilancio per fare l’intervento. Quindi, impariamo da lorsignori che non è importante trovare i fondi necessari ma è sufficiente fare variazioni di bilancio.

Un assessore e una capogruppo uscenti che dicono cose del genere mettono i brividi e, forse, fanno capire perché la gestione economica finanziaria che abbiamo ereditato è molto preoccupante. Per fare maggiori spese bisogna prima trovare i fondi per finanziarle e in un bilancio preso in carico a metà anno e per cui abbiamo dovuto centellinare ogni spesa, tali fondi non c’erano.

Per questo l’intervento di riparazione è stato rinviato al 2020 e, passata l’emergenza covid-19 durante la quale l’officina per la manutenzione è stata chiusa, è stato appena attivato.

Il cambiamento speravamo ci fosse nell’atteggiamento dell’opposizione che invece continua a fare le inutili polemiche della passata amministrazione.

Sembrerebbe quasi voler alzare un polverone per distogliere l’attenzione sui tanti, troppi problemi economici che stanno venendo fuori. L’argomento però, è palesemente una zappa sui piedi. Per quanto ci riguarda continueremo a lavorare senza cedere a queste inutili provocazioni: ce lo chiedono i cittadini ai quali abbiamo promesso il nostro impegno in questo senso.

Paolo Valeri
Vicesindaco di Villa San Giovanni in Tuscia


– “L’amministrazione del ‘cambiamento’ non effettua la raccolta differenziata da 13 mesi”


Condividi la notizia:
26 giugno, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR