Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Operazione Erostrato - Per l'avvocato che assiste l'imprenditore d'origine calabrese: "Al più illecita concorrenza o associazione per delinquere di tipo semplice"

Mafia viterbese, la difesa del boss Giuseppe Trovato: “Inutilizzabili le dichiarazioni del pentito Dervishi”

di Silvana Cortignani

Condividi la notizia:

[DTDinfo id=”adsenseinterno”]
Giuseppe Trovato

Il (presunto) boss Giuseppe Trovato

L'avvocato Giuseppe Di Renzo

L’avvocato Giuseppe Di Renzo – Difende Trovato

Mafia a Viterbo - Sokol Dervishi

Il pentito (e imputato) Sokol Dervishi

Viterbo – “Mafia viterbese, la difesa del boss Giuseppe Trovato: “Inutilizzabili le dichiarazioni del pentito Dervishi”.

Udienza fiume ieri a Roma per sentire gli avvocati dei boss Ismail Rebeshi e Giuseppe Trovato le cui discussioni sono proseguite per circa sette ore. L’avvocato Giuseppe Di Renzo, che assiste Trovato, chiede la derubricazione in illecita concorrenza mediante minaccia o violenza oppure la riqualificazione del 416 bis in associazione a delinquere di tipo semplice e l’esclusione del metodo mafioso dai cosiddetti reati scopo. 

Ho contestato non tanto la qualificazione dell’associazione come mafia minore, sul modello del clan Fasciani di Roma, o piccola mafia oppure mafia delocalizzata o mafia silente – spiega Di Renzo –  perché io ritengo che qui manchi proprio il presupposto fondante dell’associazione, cioè un programma stabile e predeterminato, una cassa comune, gerarchie, ruoli, ruolo di direzione, meccanismi di affiliazione, meccanismi di assoggettamento della popolazione, un ampio programma associativo incidente sulla vita sociale, sulla vita politica, sulla vita pubblica, sul tessuto imprenditoriale”.

Di Renzo ha messo inoltre messo in discussione le dichiarazioni del pentito Sokol Dervishi. “Inutilizzabili”, ha detto il legale. E ancora: “Sono successive all’avviso di conclusione delle indagini preliminari”.  In conclusione: “La montagna ha partorito un topolino”. 

“Le dichiarazioni del collaboratore, in particolare, sono state trasmesse dopo la richiesta di rinvio a giudizio e prima del decreto di fissazione dell’udienza preliminare”, ha detto Di Renzo, aprendo così, poco dopo le 13, la sua arringa difensiva. “Non c’è stata discovery sul punto”, ha proseguito. “E non è stato fatto neppure l’avviso ai difensori”.

Infine l’ultima stoccata all’accusa: “Il rito abbreviato è stato scelto non per fronteggiare pesanti limiti edittali delle pene, ma come scelta consapevole, maturata dopo la collaborazione di Dervishi”.

In ballo l’aggravante dell’associazione di stampo mafioso, per cui Trovato e Rebeshi rischiano una condanna a 20 anni in primo grado, che oltre ai presunti vertici del gruppo criminale italo-albanese attivo a  Viterbo tra il 2017 e il 2018, riguarda anche gli otto coimputati a processo col rito abbreviato davanti al gup di piazzale Clodio Emanuela Attura.

Ecco le altre richieste dell’accusa: Spartak “Ricmond” Patozi (16 anni), Shkelzen “Zen” Patozi (14 anni), Gabriele “Gamberone” Laezza (14 anni), Luigi “Gigi” Forieri (12 anni e 4 mesi), Gazmir “Gas” Gurguri (10 anni e 8 mesi), Fouzia “Sofia” Oufir (10 anni e 8 mesi), Martina Guadagno (9 anni e 4 mesi) e il pentito Sokol “Codino” Dervishi (8 anni). Tutti e dieci sono in carcere, dislocati in altrettanti distinti penitenziari italiani, ormai da quasi un anno e mezzo. 

L’eventuale esclusione dell’aggravante del 416 bis del codice penale riguarda, di riflesso, anche i due imprenditori viterbesi e l’operaio d’origine romena (Manuel Pecci, Emanule Erasmi e Ionel Pavel), cui viene contestata la “sola” aggravante del metodo mafioso che hanno scelto l’ordinario, in corso davanti al collegio di via Falcone e Borsellino, la cui sorte è appesa a quella degli altri arrestati nel blitz sfociato in tredici misure di custodia cautelare il 25 gennaio 2019. Per loro il processo riprenderà il 24 giugno. 

Tornando all’udienza di ieri, per prima ha parlato l’avvocatessa Tiziana D’Agosto che col collega Di Renzo, entrambi iscritti al foro di Lamezia Terme, assiste Trovato e la compagna Fouzia Oufir. 

“Non c’è l’associazione mafiosa – ha esordito la D’Agosto – perché non c’è l’alea di necessaria intimidazione che deve precedere i reati scopo. Impropriamente si intende provare attraverso i reati scopo che sarebbero per i pm la prova logica e diretta del reato associativo”.

In altre parole: “In realtà prima dei reati scopo, a Viterbo, si sarebbe dovuta avvertire l’alea di mafiosità, il che non c’è stato”. 

Al termine dell’udienza, che si è conclusa attorno alle cinque di ieri pomeriggio, il gup ha rinviato a giovedì per le repliche dei pm e le spontanee dichiarazioni di Rebeshi, prima della sentenza. 


“Azioni idonee a coartare le vittime e un numero indeterminato di persone”

Nessun dubbio, per i pm Giovanni Musarà e Fabrizio Tucci, sulla sussistenza dell’aggravante del metodo mafioso. Per la coppia di magistrati il sodalizio si è reso responsabile di:”Azioni con i caratteri propri della intimidazione delle organizzazioni criminali di stampo mafioso o comunque con modalità idonee a coartare psicologicamente le vittime e la volontà di un numero indeterminato di persone in modo tale da richiamare alla mente di queste ultime comportamenti ritenuti propri di chi appartenga a sodalizi criminali di stampo mafioso. Con l’aggravante di essere stato commesso il fatto da persone che fanno parte dell ‘associazione di cui all’art. 416 bis cp”.


Obiettivo compro oro, anno di fuoco 2017

Bruciare le macchine sarebbe stata la la prassi per assoggettare le vittime e, nel caso dei compro oro, costringerli a chiudere bottega. Anno di fuoco il 2017: tra le vittime maggiormente tartassate dal sodalizio di Trovato e Rebeshi la coppia di gestori di compro oro composta da Eleonora Macrì e Gabriele Petrini e Fabiola Bacianino (tra le 19 parti civili su 47 parti offese) costretti a forza di attentati incendiari a chiudere le proprie attività. 

Giuseppe Trovato, titolare di tre negozi di compro oro a Viterbo, decide, secondo l’accusa, di prendere il controllo di tutte le attività del settore e imporre le proprie condizioni a clienti e concorrenti. Per questo è considerato “l’ideatore e mandante di tutte le condotte nonché l’esecutore di alcune delle azioni criminose”. Complici, fin dalla prim’ora, l’altro capo, Ismail Rebeshi, l’ex braccio destro ora pentito Sokol Dervishi, Gabriele Laezza, Spartak Patozi e il fratello Shkelzen Patozi.


Due macchine bruciate, lumini da morto e teste mozzate di animali…

Tra le vittime che hanno pagato più cara la ferocia di mafia viterbese, secondo l’accusa, c’è la titolare del compro oro di via Genova, Fabiola Bacianini. Tra le 19 parti civili su 47 parti offese del processo, è stata costretta a chiudere la sua attività dopo essere stata terrorizzata da un mese e mezzo di vessazioni, con un bilancio pesantissimo, sia da un punto di vista psicologico che materiale. La notte tra il 24 e il 25 settembre 2017, è toccato alla sua Lancia Musa, mentre la notte tra il 4 e il 5 ottobre 2017 è stata data alle fiamme anche la sua Citroen C3.

Pochi giorni dopo, la notte del 16 ottobre, la banda ha infranto il vetro antisfondamento del negozio, lasciando all’ingresso del negozio due lumini votivi quale minaccia di morte e scrivendo, con vernice spray, sulla porta di ingresso la frase: “Dammi li sordi”. La notte tra il 9 ed il 10 novembre 2017, le furono lasciate due teste mozzate di animali con conficcati in fronte due proiettili sulla porta d’ingresso del negozio. Trovato, secondo l’accusa, avrebbe provato anche ad appiccare il fuoco, ma a causa del maltempo e del vento che tirava non sarebbe riuscito a far propagare le fiamme. Bastò lo stesso per convincere la vittima a chiudere l’attività che era la sua unica fonte di reddito. 


7 aprile-12 novembre, raffica di intimidazioni alla coppia Petrini-Macrì

Gabriele Petrini e Eleonora Macrì sono stati anche loro vittime di una raffica di intimidazioni e plurimi attentati incendiari. La prima a prendere fuoco, la notte tra il 7 e l’8 aprile 2017, è stata una Audi. Da settimane Trovato, secondo l’accusa, si appostava davanti alla loro attività e abitazione: “Reiteratamente, con fare minaccioso, facendo in modo che potessero vederlo ed avvertirne il controllo intimidatorio”. La notte tra il 25 e il 26 giugno 2017, la banda ha fatto trovare una testa d’agnello mozzata all’interno dell’utilitaria della coppia, una Seicento poi data alle fiamme il 9 novembre 2017. Gesto seguito da una spedizione notturna al negozio, il 12 novembre 2017, quando la serranda fu imbrattata con della vernice per disegnarci sopra un enorme fallo.


Cinque auto date alle fiamme tra il 4 marzo e il 18 aprile 2017

Oltre all’incendio dell’Audi di Macrì-Petrini, la notte tra il 7 e l’8 aprile, ci furono, nel giro di un mese e mezzo, altri quattro attentati incendiari addebitati a mafia viterbese. La notte tra il 4 e il 5 marzo 2017, è toccato alla Mondeo di un commerciante di preziosi in via Garbini: la banda puntava a fargli chiudere l’attività o quanto meno a praticare prezzi di acquisto con i clienti non concorrenziali a quelli di Trovato. La notte tra il 31 marzo e il primo aprile 2017, fu data alle fiamme (da Trovato, con l’immancabile braccio destro Dervishi, Spartak Patozi e Gazmir Gurguri) la Smart di un procacciatore di affari e clienti per conto di gestori di compro oro.

Doppio attentato e notte di fuoco quella tra il 18 e il 19 aprile 2017. Nella tarda serata del 18 aprile, la banda esperta in attentati incendiari, in trasferta a Capodimonte, diede alle fiamme una Bmw dello stesso commerciante di preziosi cui pochi giorni, la notte tra il 4 e il 5 marzo, prima avevano incendiato la Mondeo: un incendio talmente violento che le fiamme si propagarono fino alla palazzina, dichiarata inagibile in conseguenza dei danni riportati. Dopo di che, durante la notte, hanno proseguito la spedizione punitiva incendiando l’Audi parcheggiata nel cortile condominiale del carabiniere Massimiliano Pizzi, anche lui tra le 19 parti civili su 47 parti offese, “colpevole” di avere arrestato, a febbraio, il fratello di Rebeshi, trovato in possesso di 38 chili di marijuana.

Silvana Cortignani


Condividi la notizia:
9 giugno, 2020

Mafia viterbese ... Gli articoli

  1. Mafia viterbese, oggi l'interrogatorio di parrucchiere e falegname
  2. Il boss Trovato: "Anche io vittima di intimidazioni, qualche politico ce l’ha con me..."
  3. "Non c'era bisogno di far salire i calabresi a Viterbo per fare come la 'ndrangheta..."
  4. "Non c'era bisogno di far salire i calabresi a Viterbo per fare come la 'ndrangheta..."
  5. Ristoratore ustionato al salone di bellezza: "Pecci venne come un pavone perché protetto dal boss Trovato"
  6. Mafia viterbese, udienza a Mammagialla per sentire il pentito Dervishi in videoconferenza
  7. Il boss Rebeshi: "Ti sbudello" - La vittima: "Hai vinto tu, la discoteca è tua"
  8. Auto bruciate ai carabinieri, Ionel Pavel al supertestimone: "Hai visto cosa ho fatto?"
  9. I boss Trovato e Rebeshi: "A Laezza mo' lo aggiustamo noialtri..."
  10. Il "consigliere" Forieri al boss Trovato: "A Camilli una testa d'animale con scritto 'per Piero'"
  11. "Non c'è nulla nella sentenza, tutto inventato"
  12. "La mafia viterbese assoggettava e imponeva l'omertà alle vittime e a tutta la collettività"
  13. "La mafia viterbese si è interessata delle elezioni comunali"
  14. "L'organizzazione di Trovato e Rebeshi esprimeva la forza intimidatrice tipica delle mafie storiche"
  15. Auto bruciate e teste di animali mozzate, entra nel vivo il processo a Pecci-Pavel-Erasmi
  16. Talucci e Della Rocca: "Attentati per una mancata autorizzazione a un locale notturno"
  17. Gli bruciano la macchina sotto casa, il carabiniere: "Meglio Tor Bella Monaca che Viterbo"
  18. Mafia viterbese, oltre duecentomila euro di provvisionali alle 19 parti civili
  19. “Minchia, calabresi e albanesi, la meglio fusione che c’è...”
  20. Metodo mafioso, riprende dopo 10 condanne il processo viterbese
  21. "Mafia a Viterbo, se ci riprovano troveranno una città pronta a contrastarli"
  22. "Ora è più difficile per le organizzazioni criminali attecchire nella Tuscia"
  23. Martina Guadagno lascia il carcere dopo la condanna
  24. Otto anni per associazione di stampo mafioso agli imprenditori Luigi Forieri e Gabriele Laezza
  25. Mafia viterbese, 13 anni e 4 mesi a Giuseppe Trovato e 12 anni a Ismail Rebeshi
  26. Il boss Rebeshi, dal controllo del traffico di cocaina all'esclusiva delle serate danzanti al Theatrò
  27. Mafia viterbese, chiesta l'assoluzione e l'immediata scacerazione del boss Ismail Rebeshi
  28. Ultima chance per i boss, Rebeshi rilascia spontanee dichiarazioni
  29. Mafia viterbese, spunta il movente amoroso...
  30. "L'assessore Ubertini vittima di mafia viterbese, si è ribellato alla banda del boss Trovato"
  31. "Viterbo a ferro e fuoco, fu vera mafia", il comune chiede mezzo milione alla banda di Rebeshi e Trovato
  32. "Ismail Rebeshi è uno schiacciasassi che non guarda in faccia nessuno"
  33. "Apri una macelleria che non sei capace a fare il compro oro..."
  34. Mafia viterbese, due anni di attentati e intimidazioni ricostruiti dal maggiore Egidio
  35. Mafia viterbese, sfilano le prime vittime di attentati incendiari e intimidazioni
  36. Mafia viterbese, saranno sentiti il 27 maggio i primi testi contro Erasmi, Pavel e Pecci
  37. Parleranno il primo giugno i legali delle 19 parti civili, tra le vittime un avvocato e un carabiniere
  38. "E' il pentito Dervishi a dire che Ionel Pavel non fa parte del sodalizio criminale"
  39. Slitta al 4 maggio il processo ai dieci imputati di associazione di stampo mafioso
  40. Okay agli arresti domiciliari, fuori dal carcere dopo oltre un anno Ionel Pavel
  41. Mafia viterbese, il processo slitta per Coronavirus
  42. Mafia viterbese, ammissione prove in videoconferenza col Piemonte per Pecci, Erasmi e Pavel
  43. "Il Coronavirus non è una medaglia... io non ce l'ho e vado in udienza"
  44. Al via a Mammagialla il processo a Manuel Pecci, Emanuele Erasmi e Ionel Pavel
  45. Il pm Musarò: "Camilli considerato parte offesa, ma potrebbe essere altro..."
  46. L'operaio Laezza rischia 14 anni di carcere, il barista Forieri 12 e la commessa Guadagno 9
  47. Mafia viterbese, l'accusa chiede 135 anni per 10 imputati
  48. Mafia viterbese, processo al via per i boss Trovato e Rebeshi
  49. Mafia viterbese, sarà abbreviato per 10 arrestati e processo ordinario per 3
  50. Mafia viterbese, resta in carcere Ionel Pavel
  51. Mafia viterbese, liberi dopo un anno Erasmi e Pecci
  52. Operazione Erostrato, chiedono la revoca degli arresti i tre imputati Pecci, Erasmi e Pavel
  53. Mafia, processo ordinario per i viterbesi Manuel Pecci e Emanuele Erasmi
  54. Mafia viterbese, nove arrestati su tredici scelgono l'abbreviato
  55. Mafia viterbese, scatta la corsa all'abbreviato e il maxiprocesso rischia di diventare mini
  56. La difesa del boss: "A Trovato consiglio l'abbreviato"
  57. "Giuseppe Trovato era la mente, voleva adottare il metodo della 'ndrangheta"
  58. Mafia viterbese, la "bomba Dervishi" spinge a una raffica di abbreviati
  59. "Abbiamo incendiato un'auto pure a Lamezia Terme..."
  60. "Il consigliere Claudio Ubertini punito per i mancati appalti pubblici sollecitati dal boss"
  61. Rebeshi: "Questo carabiniere lo fa apposta, è un bastardo" - Trovato: "Auto bruciata, bingo!"
  62. "La pistola della banda la puliva il barista Forieri con l'olio da fucili"
  63. "Ho fatto degli sbagli, ma non voglio essere rovinato per gli altri"
  64. "Trovato aiutava Rebeshi a controllare il mercato della droga, Rebeshi aiutava Trovato a incendiare i negozi..."
  65. Mafia viterbese, Sokol Dervishi collaboratore di giustizia
  66. Mafia viterbese, la costituzione di parte civile del comune è costata più di 31mila euro
  67. Mafia viterbese: abbreviato per Martina Guadagno, Luigi Forieri e Sokol Dervishi
  68. Mafia viterbese, 19 parti civili tra cui il comune
  69. Mafia viterbese, tredici arrestati e 47 vittime davanti al gup di Roma
  70. "Mafia viterbese, il comune si è costituito parte civile"
  71. Mafia viterbese, vigilia di Natale davanti al gup per i 13 indagati
  72. "Fouzia mi lava, mi stira, mi sbriga tante cose rischiose"
  73. Movida gestita dal carcere, indagate per favoreggiamento due donne del boss Rebeshi
  74. Mafia viterbese, inchiesta chiusa con 13 avvisi di fine indagine
  75. Mafia viterbese, incertezza sul rito per i tredici arrestati
  76. "Sono una delle vittime della mafia viterbese", dice in aula la titolare del compro oro di via Genova
  77. Sodale salta il battesimo di "famiglia" per andare al bingo con una "puttanella"...
  78. "Dopo Santa Rosa, vedi i fuochi d'artificio... pam pam"
  79. "Un'associazione di stampo mafioso tutta viterbese capeggiata da Giuseppe Trovato"
  80. "Sussistono il reato associativo e il metodo mafioso"
  81. Vittima della mafia non riesce a onorare un debito, condannata
  82. La mafia e le mani sulle discoteche
  83. Riesame, misure cautelari confermate per i 13 arrestati nel blitz antimafia
  84. "Non c'è l'associazione di stampo mafioso e le intercettazioni sono inutilizzabili"
  85. “Ubertini ha la mia massima fiducia”
  86. "Non mi dimetto, in tutta questa vicenda io sono una vittima"
  87. "Si ride e si piange, gli abbiamo dato indo culo..."
  88. Mafia viterbese, cinque arrestati su 13 rinunciano al riesame
  89. Oggi secondo round al riesame, lunedì tocca al boss Giuseppe Trovato
  90. "Uniti per reagire a tutte le forme di criminalità organizzata"
  91. Mafia viterbese, primi tre "no" del tribunale del riesame
  92. "E' fondamentale opporsi chiaramente alla mafia"
  93. Trasferito in un carcere in Sardegna il boss Trovato
  94. "Confesercenti in prima linea contro la mafia"
  95. "Non ci sottometteremo mai a comportamenti mafiosi"
  96. Il parrucchiere Pecci si difende davanti al tribunale del riesame
  97. 'Ndrangheta, Forieri e Trovato cercavano l'appoggio delle cosche
  98. Mafia viterbese, gli arrestati puntano al tribunale della libertà
  99. "Il naso era tutto frantumato, speriamo muoia"
  100. Anche Coldiretti alla manifestazione per dire no alla mafia
  101. Mafia viterbese, gli arrestati venerdì davanti al tribunale del riesame
  102. Mafia viterbese - Chiuso il bar di Luigi Forieri, "luogo di ritrovo di molti sodali"
  103. Anche l'Adoc alla fiaccolata contro la mafia
  104. "Un atto mostruoso, che continuo a non accettare"
  105. "Mafia viterbese, aderiamo alla manifestazione come chiaro segnale di presa di posizione"
  106. “In comune un muro invalicabile contro la mafia”
  107. Della Rocca e Grazini furono i primi a parlare di mafia
  108. Per non sentirci soli con la mafia...
  109. "La mafia nel viterbese c’è da tempo"
  110. "L'avvocato Alabiso? Me lo devo togliere dai coglioni"
  111. "Signor sindaco non minimizzi il fenomeno mafioso..."
  112. "Mafie, solo con un'azione corale possono essere sconfitte"
  113. "Fiaccolata contro le mafie, saremo in prima fila"
  114. Anche Massimiliano Smeriglio alla fiaccolata contro la mafia
  115. Mafia viterbese, è corsa al tribunale del riesame
  116. "Un panorama criminale pericoloso e inquietante"
  117. "Mai ceduto a tentativi di estorsione e minacce..."
  118. "Sì alla fiaccolata contro la mafia"
  119. "Sindaco... per me non è mai spropositato dire no alla malavita"
  120. "Gravissimo sminuire il fenomeno mafioso"
  121. Mafia viterbese, sfiorato lo scontro tra due bande criminali
  122. "Tutti trattengono il fiato, perché tutti sanno di essere colpevoli..."
  123. “A Viterbo non ci sono organizzazioni mafiose, solo delinquentelli"
  124. "Mafia viterbese, il sindaco Arena riferisca subito in consiglio comunale"
  125. "Una città che si schiera contro la mafia innanzitutto combatte il degrado"
  126. "Mai dato soldi all'organizzazione e non mi sono mai sottomesso"
  127. "Vi ho cacciato fuori dai guai e voglio un bel ringraziamento"
  128. "Rischio infiltrazioni mafiose in Comune, si faccia chiarezza"
  129. "Arena e Ubertini sono traditori di merda..."
  130. "Una fiaccolata per dire no alla mafia"
  131. Mafia viterbese, si difendono il barista e la commessa
  132. "La guerra la facciamo pure a chi ha la divisa"
  133. "Una risposta incisiva alle esigenze di sicurezza dei cittadini"
  134. "Si convochi un consiglio comunale aperto per la legalità..."
  135. "Luigi Forieri si vantava di avere legami con la 'ndrangheta"
  136. "Agivano in una delirante concezione di onnipotenza"
  137. "Un consiglio comunale aperto per parlare di legalità e sicurezza"
  138. "Viterbo mai colpita da organizzazioni criminali e questo ci preoccupa"
  139. "Mosap: "Serve tutelare le vittime della banda"
  140. "Ti ammazzo, brutto figlio di troia. Infame. Ti sparo int' 'a capa"
  141. Un interrogatorio, spontanee dichiarazioni e tanti silenzi
  142. Denunciare! Denunciare! Denunciare!
  143. "Al fianco di vittime di racket e usura"
  144. "Mafia, è la prima volta a Viterbo"
  145. "Io ti sbudello, io me la prendo anche con un bambino"
  146. "Violenza e terrore, intimidazioni ed estorsioni"
  147. "Grazie alle forze dell’ordine che lavorano per garantire sicurezza"
  148. Auto bruciate, teste di maiale mozzate e buste con proiettili
  149. 13 arresti per associazione a delinquere di stampo mafioso

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR