Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - Non compariranno più le parole “bianco, sbiancante e chiaro” - Anche Johnson & Johnson cancella gli articoli offensivi

Razzismo, L’Oréal rimuove dai prodotti i termini discriminatori

Condividi la notizia:

L'Oréal

L’Oréal

Parigi – L’Oréal, gigante del settore della cosmetica, ha annunciato che, in ottica inclusiva, rimuoverà dai propri prodotti i termini che potrebbero risultare discriminanti.

In una nota si legge che il gruppo “cancellerà dal suo packaging e dalle descrizioni dei prodotti le parole bianco/sbiancante (white/whitening), chiaro (fair, light), da tutti i prodotti destinati a uniformare la pelle”.

A inizio giugno L’Oréal si era dichiarata “solidale con la comunità nera e di essere contro ogni forma di ingiustizia”, ma è stata accusata di pensare i propri prodotti esclusivamente per un pubblico bianco.

Una delle voci più critiche è stata quella di Munroe Bergdorf, la prima modella transessuale del colosso, che aveva denunciato le violenze razziste subite dai bianchi. L’Oréal ha proposto a Bergdorf di entrare nuovamente all’interno dell’azienda come consiliera per l’inclusione.

Polemiche simili nei giorni scorsi hanno investito anche Johnson & Johnson, altro gigante della cosmesi, che ha deciso di togliere dal mercato i prodotti schiarenti ideati per il pubblico asiatico.

“ll dibattito sociale delle ultime settimane – ha spiegato in una nota l’azienda – ha evidenziato il fatto che alcuni nomi o promesse, volti a ridurre le macchie, rappresentavano il bianco o la chiarezza della pelle come migliori rispetto alla vostra carnagione davvero unica. Questa non è mai stata la nostra intenzione: una pelle meravigliosa è semplicemente una pelle sana”.


Condividi la notizia:
30 giugno, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR