Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Montalto di Castro - Il primo cittadino: "È un'assurdità, farò appello" - Continua la sostituzione del vice Luca Benni

Sospensione da sindaco, il tribunale rigetta il ricorso di Sergio Caci

Condividi la notizia:

Montalto di Castro - Il sindaco Sergio Caci

Montalto di Castro – Il sindaco Sergio Caci

Montalto di Castro – Sergio Caci resta sospeso dalla carica di sindaco di Montalto di Castro. “Il tribunale di Civitavecchia – fa sapere Caci via Facebook – ha rigettato il ricorso contro il provvedimento di sospensione dalla carica di sindaco”.

A fine novembre per Caci era scattata la legge Severino dopo la condanna a tre anni e due mesi per peculato, abuso d’ufficio e falso ideologico.

“Ho appreso – inizia Caci – della pubblicazione dell’ordinanza del tribunale di Civitavecchia con la quale il collegio ha rigettato il ricorso da me proposto avverso il provvedimento di sospensione dalla carica di sindaco di Montalto di Castro”.

Caci spiega che “il collegio ha ritenuto la sollevata questione di legittimità costituzionale non fondata. Dall’esame dell’ordinanza emergono errori che inficiano la correttezza della pronuncia. Il collegio ha confuso gli effetti che la sospensione determina a seconda che si tratti di primo o secondo mandato elettorale e ha erroneamente ritenuto che la misura garantirebbe in qualsiasi caso lo svolgimento del mandato nella misura del 30% senza pregiudizio del diritto all’elettorato passivo. Avverso tale ordinanza i miei avvocati stanno predisponendo l’atto di appello che verrà depositato entro pochi giorni”.

Un pensiero per il suo comune. “I prossimi mesi – afferma Caci – saranno decisivi per Montalto di Castro, soprattutto per l’importante decisione della commissione tributaria regionale relativa ai contenziosi con Enel. Una battaglia che da anni stiamo portando avanti, che ci ha visti già vincitori in commissione provinciale, per restituire ai montaltesi il giusto ristoro per la presenza della centrale. Una mia battaglia. L’amministrazione avrà così la possibilità di programmare molte iniziative, alle quali sono certo aderiranno i consiglieri comunali più illuminati”.

Caci dice di sentirsi “uno dei pochi”. E su Facebook pubblica una foto con degli articoli di giornale sui sindaci ai quali il ricorso contro la Severino è invece stato accolto. “Mi sento trattato in modo diverso dalla maggior parte dei sindaci colpiti da questo provvedimento – scrive Caci -, per molti dei quali la sospensione si è risolta in pochi giorni. Sono stato processato per motivi assurdi e perseguitato quotidianamente con un accanimento mai visto prima, ma continuo a lottare per trovare giustizia. Non mi sono arricchito con operazione economiche, tantomeno derivate da decisioni del consiglio comunale. Forse ho il peccato di essere poco arrogante e cattivo, ma non vorrei che queste caratteristiche venissero scambiate per debolezza o avessero fatto degenerare anche l’attività di controllo: carrierismo e protagonismo potrebbero distorcere la visione della realtà, anche inconsapevolmente. A rimetterci è la verità”.

Per Caci la Severino è scattata dopo la condanna per aver “regalato” a un suo conoscete dei bagni a 18mila euro, sborsati dal comune. Per giustificare l’uscita di quei soldi dalle casse comunali, secondo i magistrati, sarebbe stata usata la determina dei lavori eseguiti alla Marina dopo l’alluvione del 2012.

“In questi anni – continua Caci – mi sono trovato accusato di tutto: di far costruire baracche abusive, mentre scrivevo di farle abbattere, di dare posti di lavoro e di non darli, di aiutare i deboli per voto di scambio, anche a chi il voto neanche può darlo, di ristrutturare case popolari, di inquinamento del mare, quando fiorivano le alghe (analisi Arpa), ecc. Consentitemi di dire che non è normale. Mi sacrifico, ma chi sta sbagliando, sia egli consapevole o inconsapevole, verrà chiamato a rispondere delle proprie azioni”.

A sostituire Caci resta il vicesindaco Benni. “Chiedo scusa a mia moglie e alla mia famiglia per la prova a cui il mio impegno politico le sta sottoponendo. Ringrazio Luca Benni, vicesindaco e sopratutto amico, chiamato a sopperire alla mia assenza causata da una legge assurda. Grazie a Silvia, Rita, Ornella, Giovanni, Fabio e Alessandro per l’amicizia, la stima e il grande lavoro che stanno facendo. Grazie agli amici dei gruppi politici di Montalto e Pescia. Grazie a Forza Italia, al coordinatore provinciale Alessandro Romoli e ai membri del direttivo, al senatore Francesco Battistoni e all’onorevole Alessandro Battilocchio. Ultimo, ma non per importanza, un particolare ringraziamento al ‘residente Antonio Tajani”.

Caci conclude: “Nulla scalfirà la mia passione politica, il mio impegno sociale, i sani principi che mi hanno insegnato le persone a me vicine. Non permetterò che azioni esterne o interessi colpiti, modifichino il sentimento e il voto popolare”.


Condividi la notizia:
27 giugno, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR