Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Livorno - Denunciato un 21enne da parte dei carabinieri

Uccide un gatto e lo cucina in strada per mangiarlo

Condividi la notizia:

Livorno - Uccide gatto in strada

Livorno – Uccide gatto in strada

Livorno – 21enne uccide un gatto e lo cucina sul marciapiede.

È accaduto questa mattina vicino alla stazione di Campiglia Marittima in provincia di Livorno.

Un 21enne di origini straniere ha ucciso un gatto e lo ha cucinato sul marciapiede accendendo un fuoco.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri che hanno identificato il ragazzo e lo hanno portato in caserma.

Per il 21enne dovrebbe scattare la denuncia per uccisione di animali.

Su Facebook è stato divulgato anche un filmato che ritrae il ragazzo intento ad accendere il fuoco mentre una donna si indigna per l’accaduto. 

Il video è stato poi ripreso anche dalla candidata del centrodestra alla presidenza della Toscana, l’eurodeputata leghista Susanna Ceccardi.

“Una scena mostruosa – ha commentato la Ceccardi – si è verificata stamani alla stazione di Campiglia Marittima in provincia di Livorno. Un immigrato ha arrostito un gatto su un falò improvvisato nella piazza della stazione davanti alle persone in attesa di prendere il treno. Un episodio agghiacciante nella sua brutalità, ma purtroppo del tutto vero. Mi complimento con i carabinieri che hanno tratto in arresto l’aguzzino, adesso chiediamo una condanna esemplare perché nella nostra civiltà gli animali di affezione non si toccano e meritano la massima umanità ed il rispetto per tutto l’amore incondizionato che offrono senza chiedere niente in cambio”.

“Lo shock di una signora – ha aggiunto la Ceccardi su Facebook postando il video -, le sue urla disperate per cercare di fermare un immigrato che arrostisce un povero gattino davanti a tutti. Ma come si può arrivare a tanta crudeltà? È questo il nuovo ‘stile di vita’ che dovremmo seguire? È questo il sistema di ‘accoglienza’ della Regione Toscana? Questa non è integrazione. È una scena quasi irreale per la sua mostruosità, si fa fatica a guardare, ma è importante che si conosca la verità”.


Condividi la notizia:
30 giugno, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR