Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Il giornale di mezzanotte - Viterbo - Il consiglio comunale dà il via libera alla bigliettazione di un circuito museale che verrà ma per l'opposizione è solo fuffa

Un biglietto per visitare palazzo dei Priori e teatro dell’Unione

Condividi la notizia:

Viterbo - Il teatro Unione

Viterbo – Il teatro Unione

Viterbo – (g.f.) – Biglietto da tre euro per visitare il teatro dell’Unione, 3,50 per il museo civico, che ridotto scende a 2,50. Poi otto euro di tariffa giornaliera per il museo a palazzo dei Priori.

Il consiglio comunale dà il via libera alla bigliettazione di un circuito museale che verrà. Intanto si definisce la bigliettazione, con la possibilità di mettere a circuito le strutture comunali, insieme ad altre come il museo del Colle, quello della ceramica o Rocca Albornoz.

Biglietto unico da 18 euro e ingresso gratuito per i viterbesi.

Il via libera è arrivato ieri in consiglio comunale, con la forte contrarietà dell’opposizione, su un provvedimento definito giusto ma prematuro.

“Il museo palazzo dei Priori non esiste – fa sapere Alfonso Antoniozzi (Viterbo 2020) – il museo civico, così com’è, dovrebbe essere gratuito. I teatri, invece, sono visitabili per la loro storia”. Della serie, prima del prezzo andrebbe ben organizzato cosa si vuol far pagare.

Non la pensa così l’assessore Marco De Carolis (Turismo) e la maggioranza. È un primo passo. Tanto che, al momento, non essendo ancora istituito il circuito museale, teatro e palazzo comunale sono gratuiti. Poi si vedrà.

Sperando che presto sia completato l’intervento per gli spazi sotto i portici che dovranno ospitare il museo di Sebastiano Del Piombo.

Mario Quintarelli (Viterbo dei cittadini) non si lascia convincere. “Questa delibera è fuffa – sostiene Quintarelli – non ci sono i presupposti, mancando i siti. Prima vanno predisposti, poi si pensa al biglietto”.

Per la capogruppo Pd Luisa Ciambella è un biglietto sul nulla, mentre secondo Alvaro Ricci andavano creati i presupposti. “Poi siamo d’accordo – sostiene Ricci – di mettere tutto in rete, ma il comune deve fare la sua parte. Vedo tanta superficialità e incapacità.

Potevate fare passi avanti, ma così non è stato”.


Condividi la notizia:
1 giugno, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR