Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Il giornale di mezzanotte - Covid-19 - Cosa si può tornare a fare da oggi: consentiti i viaggi in Europa e i corsi individuali e collettivi - Dal 15 giugno ok anche a cinema, teatri e concerti

Via libera agli spostamenti tra regioni diverse

di Samuele Sansonetti
Condividi la notizia:

Viterbo – L’Italia compie un altro passo verso la libertà totale.

Il calendario della Fase 2 toglie ulteriori restrizioni imposte in precedenza dall’emergenza Coronavirus.

A partire da oggi il lockdown si può considerare quasi terminato anche se rimane il divieto di abbassare la guardia con i soliti accorgimenti: mascherina e distanziamento interpersonale.

Le riaperture di questo fatidico 3 giugno riguardano soprattutto gli spostamenti (sia in Italia che all’estero) con la possibilità di muoversi anche al di fuori della regione di residenza. Qualche interdizione, come l’apertura di cinema, teatri e concerti, permane ma se la curva dei contagi continuerà a scendere verrà eliminata lunedì 15.



Spostamenti in Italia

E’ possibile tornare a spostarsi tra regioni diverse per qualsiasi motivo. Cade dunque l’autocertificazione che fino a ieri era obbligatoria per varcare il confine della propria regione. Come sottolinea il governo “gli spostamenti interregionali potranno essere limitati solo con provvedimenti statali (decreti del presidente del consiglio dei ministri o ordinanze del ministro della Salute), in relazione a specifiche aree del territorio nazionale, secondo principi di adeguatezza e proporzionalità al rischio epidemiologico effettivamente presente”.

Spostamenti all’estero

Consentiti anche gli spostamenti per qualsiasi ragione con gli stati membri dell’Unione europea, con quelli dell’area Schengen e con Regno Unito, Andorra, Principato di Monaco, San Marino e Città del Vaticano. Le regole per gli spostamenti con gli stati diversi da quelli citati rimangono invariate almeno fino al 15 giugno.



Alcune restrizioni ancora in vigore

Invariate le regole di distanziamento interpersonale così come l’obbligo di rimanere nel proprio domicilio per chi è malato di Coronavirus, per chi è in quarantena e per chi presenta i sintomi riconducibili al Covid-19. Nelle Rsa le visite sono regolamentate dalla dirigenza della singola struttura. Le crociere per le navi battenti bandiera italiana sono ancora ferme. Nei pronto soccorso i parenti dei pazienti non possono rimanere nelle sale di attesa. Sempre sospese le frequenze scolastiche e universitarie.

Prossime aperture

La data successiva da segnare è quella di lunedì 15 giugno. Tra due settimane ripartono i centri estivi per minori e anziani ma anche cinema, teatri e concerti. In ogni caso tutte le precedenti attività subiranno limitazioni di capienza e distanza.



Ulteriori riaperture nel Lazio

Il 27 maggio Nicola Zingaretti ha firmato un’ordinanza che specifica ulteriori riaperture per il territorio laziale. Da oggi è consentita l’attività corsistica individuale e collettiva (alcuni esempi sono le scuole di musica, di danza, di pittura, di fotografia, di teatro e di lingue straniere), l’attività di formazione professionale per la parte pratica, di stage e tirocinio e l’attività dei centri ricreativi e culturali. E’ inoltre consentito, per le attività ancora sospese, l’accesso alle strutture da parte del personale per le attività di allestimento, manutenzione, ristrutturazione, montaggio, pulizia e sanificazione.

Samuele Sansonetti

 


Condividi la notizia:
2 giugno, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR