Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Mafia viterbese - Il militare ha chiesto il trasferimento - Ha spiegato: "Cercavo la tranquillità per la mia famiglia"

Gli bruciano la macchina sotto casa, il carabiniere: “Meglio Tor Bella Monaca che Viterbo”

di Silvana Cortignani
Condividi la notizia:

Mafia a Viterbo - I tredici arrestati

Mafia viterbese – I tredici arrestati

Il pm Fabrizio Tucci

Il pm Fabrizio Tucci

Mafia nel Viterbese - Un'immagine di un atto intimidatorio

 Une degli attentati incendiari

Viterbo La vetrina sfondata del Compro oro di via Genova

La vetrina sfondata del compro oro di via Genova

Viterbo – Per la prima volta a Viterbo due carabinieri tra le vittime di mafia. Il sodalizio criminale italo-albanese capeggiato dai boss Ismail Rebeshi e Giuseppe Trovato, tra intimidazioni e attentati incendiari ai danni di altri imprenditori, ha trovato anche il tempo di alzare il tiro e bruciare le macchine di due militari, il 19 aprile e il 12 giugno 2017, colpevoli di avere fatto indagini e domande scomode, per cui andavano puniti in maniera esemplare. 

Uno dei carabinieri si è costituito parte civile contro “mafia viterbese”, l’altro ha fatto il corso per diventare maresciallo e poi ha scelto di proseguire la carriera lontano dal capoluogo della Tuscia, nel popoloso quartiere romano di Tor Bella Monaca, che sulla carta non appare propriamente come un’oasi di tranquillità. 

“Meglio Tor Bella Monaca che Viterbo”, ha risposto ieri a una domanda ad hoc del presidente del collegio Gaetano Mautone, alla ripresa del processo a Manuel Pecci, Emanuele Erasmi e Ionel Pavel, i tre dei tredici arrestati nel blitz del 25 gennaio 2019 cui viene contestata l’aggravante del metodo mafioso. 

“Non cercavo la tranquillità sul lavoro, cercavo la tranquillità per la mia famiglia”, ha proseguito il carabiniere, raccontando come abbia lasciato il segno l’attentato  incendiario messo a segno sotto la sua abitazione nel cuore della notte tra l’11 e il 12 giugno 2017 dallo stesso Trovato con uno dei suoi sodali. “In casa c’erano mia moglie e i nostri due figli piccoli. Abitavamo al primo piano, mi sono affacciato alla finestra e ho visto le fiamme alte della mia vettura che stava bruciando nel cortile del condominio. Il pensiero è corso subito alla mia famiglia, alla loro incolumità e alla loro serenità”, ha detto, interrogato dal pubblico ministero Fabrizio Tucci.

Trovato, bruciandogli la macchina, secondo l’accusa lo avrebbe punito per le indagini sul rogo della macchina dell’altro carabiniere, data alle fiamme la notte tra il 18 e il 19 aprile per avere contribuito, due mesi prima, all’arresto per spaccio del fratello minore di Ismail Rebeshi, David. “Qualche giorno dopo ho incontrato Trovato mentre ero fuori servizio, fuori di una banca in via Garbini, e gli ho chiesto ‘sei stato tu per caso a dare fuoco all’auto del collega?'”. Tanto sarebbe bastato, assieme probabilmente a qualche perquisizione che aveva infastidito la banda, nell’ambito di controlli antidroga di routine. 


Gli bruciano la Jaguar e non li denuncia, dopo un anno il fratello del boss lo minaccia di morte

Soggetti pericolosi, il cui scopo, secondo i pm Tucci e Giovanni Musarò della Dda di Roma, era “coartare psicologicamente le vittime e la volontà di un numero indeterminato di persone in modo tale da richiamare alla mente di queste ultime comportamenti ritenuti propri di chi appartenga a sodalizi criminali di stampo mafioso”.

Ne sa qualcosa l’ultima delle vittime, un ristoratore 53enne cui il 21 dicembre 2018 il sodalizio ha incendiato sotto casa una Jaguar senza che nemmeno sporgesse denuncia. Si è deciso ad andare dai carabinieri a distanza di un anno, lo scorso novembre, quando il fratello di Ismail Rebeshi, David, quello arrestato per spaccio a febbraio 2017 (con 38 chili di marijuana), si è presentato nel suo locale di Tuscania con tre albanesi ventenni cercando di estorcergli 6500 euro, secondo l’accusa per pagare le spese legali del fratello alla vigilia dell’inizio del processo. 

“Prima avevo un ristorante a Viterbo e tra i miei clienti abituali c’erano Rebeshi, Trovato e Dervishi. Una volta ho fatto da tramite tra loro e il mio commercialista che ha venduto per 4500 euro una sua macchina alla società Auto Riga di Rebeshi. Siccome chi gli è subentrato dopo l’arresto non avrebbe dato loro il denaro, volevano i soldi o dal commercialista oppure da me, chiedendo 6500 euro”, ha spiegato il teste, che pur essendo parte offesa non si è costituito parte civile per la distruzione della Jaguar, mentre appartiene al cosiddetto filone “mafia bis” il caso dell’estorsione.

“Quando lo scorso novembre hanno minacciato di bruciarmi il ristorante e di uccidere me e la mia famiglia sono andato dai carabinieri. Il 28 novembre, quando li hanno arrestati in flagrante mentre stavo dando loro i soldi, i carabinieri gli hanno teso una trappola venendo nel mio locale vestiti da cacciatori e spacciandosi per avventori Nemmeno io lo sapevo”, ha proseguito, negando altri precedenti, a parte un episodio.

“Una decina di giorni prima del rogo della Jaguar, sempre nel dicembre 2018, mi sono venuti sotto casa Trovato, Dervishi e un altro albanese, chiedendomi dove abitasse un vicino e siccome non gliel’ho detto, perché il tono era da regolamento di conti e lui vive con la moglie e due bambini, Dervishi si è imbruttito e mi ha minacciato. Io gli ho risposto ‘Tu fai l’albanese, che a fare l’italiano ci penso io’, al che è intervenuto con fare da boss Trovato, dicendo a Dervishi ‘Fermi tutti, lui non si tocca’, come se stesse dandomi protezione”. 


“Lumini da morto e teste di animali mozzate, così mi hanno costretta a chiudere”

Ha ripercorso i giorni dell’angoscia, in un crescendo di attentati incendiari e gesti intimidatori, messi a segno con una media di uno ogni quindici giorni tra settembre e dicembre 2017, la titolare del compro oro di via Genova, Fabiola Bacianini. 

“Sono la commerciante cui sono stati lasciati due lumini da morto davanti al negozio, due teste mozzate di animali con due proiettili conficcati in testa sulla serranda e la scritta ‘dacci i soldi’ fatta con la vernice sul muro”, ha spiegato, rispondendo al pm Tucci, ricordando di avere chiuso l’attività a marzo 2018.

“Vivevo nel terrore, avevo crisi di panico, paura dei posti chiusi, avevano paura di venire da me perfino i clienti. Il mio torto? Penso fosse che praticavo prezzi più alti degli altri, dal momento che i cienti anche per vendere tre grammi fanno il giro di tutti i compro oro e io volevo avere clienti tutti i giorni”. Lei si è costituita parte civile col marito. Le sono state bruciate due auto sotto la sua casa di Terni, infrante due volte le vetrine, tentato l’incendio del negozio, non riuscito solo perché quella notte, l’11 dicembre 2017, ha avuto la meglio sulle fiamme un fortissimo temporale 

Quando ha deciso di gettare la spugna, ha fatto il nome di Giuseppe Trovato agli investigatori: “Era l’unico tra i titolari di compro oro che non avesse avuto attentati, era impossibile non avere sospetti sul suo conto”.

E poi un ultimo particolare. Lei, ignara dei suoi rapporti col sodalizio criminale, frequentava quotidianamente il bar all’epoca gestito da Luigi Forieri, tra i dieci arrestati che sono stati condannati per associazione di stampo mafioso a Roma. “Ci andavo tutti i giorni a colazione e pranzo ha concluso – lui mi chiedeva a che punto fossero le indagini e commentava ‘gentaglia’”.

Silvana Cortignani


Condividi la notizia:
1 luglio, 2020

Mafia viterbese ... Gli articoli

  1. Mafia viterbese, oltre duecentomila euro di provvisionali alle 19 parti civili
  2. “Minchia, calabresi e albanesi, la meglio fusione che c’è...”
  3. Metodo mafioso, riprende dopo 10 condanne il processo viterbese
  4. "Mafia a Viterbo, se ci riprovano troveranno una città pronta a contrastarli"
  5. "Ora è più difficile per le organizzazioni criminali attecchire nella Tuscia"
  6. Martina Guadagno lascia il carcere dopo la condanna
  7. Otto anni per associazione di stampo mafioso agli imprenditori Luigi Forieri e Gabriele Laezza
  8. Mafia viterbese, 13 anni e 4 mesi a Giuseppe Trovato e 12 anni a Ismail Rebeshi
  9. Il boss Rebeshi, dal controllo del traffico di cocaina all'esclusiva delle serate danzanti al Theatrò
  10. Mafia viterbese, la difesa del boss Giuseppe Trovato: "Inutilizzabili le dichiarazioni del pentito Dervishi"
  11. Mafia viterbese, chiesta l'assoluzione e l'immediata scacerazione del boss Ismail Rebeshi
  12. Ultima chance per i boss, Rebeshi rilascia spontanee dichiarazioni
  13. Mafia viterbese, spunta il movente amoroso...
  14. "L'assessore Ubertini vittima di mafia viterbese, si è ribellato alla banda del boss Trovato"
  15. "Viterbo a ferro e fuoco, fu vera mafia", il comune chiede mezzo milione alla banda di Rebeshi e Trovato
  16. "Ismail Rebeshi è uno schiacciasassi che non guarda in faccia nessuno"
  17. "Apri una macelleria che non sei capace a fare il compro oro..."
  18. Mafia viterbese, due anni di attentati e intimidazioni ricostruiti dal maggiore Egidio
  19. Mafia viterbese, sfilano le prime vittime di attentati incendiari e intimidazioni
  20. Mafia viterbese, saranno sentiti il 27 maggio i primi testi contro Erasmi, Pavel e Pecci
  21. Parleranno il primo giugno i legali delle 19 parti civili, tra le vittime un avvocato e un carabiniere
  22. "E' il pentito Dervishi a dire che Ionel Pavel non fa parte del sodalizio criminale"
  23. Slitta al 4 maggio il processo ai dieci imputati di associazione di stampo mafioso
  24. Okay agli arresti domiciliari, fuori dal carcere dopo oltre un anno Ionel Pavel
  25. Mafia viterbese, il processo slitta per Coronavirus
  26. Mafia viterbese, il processo slitta per Coronavirus
  27. Mafia viterbese, ammissione prove in videoconferenza col Piemonte per Pecci, Erasmi e Pavel
  28. "Il Coronavirus non è una medaglia... io non ce l'ho e vado in udienza"
  29. Al via a Mammagialla il processo a Manuel Pecci, Emanuele Erasmi e Ionel Pavel
  30. Il pm Musarò: "Camilli considerato parte offesa, ma potrebbe essere altro..."
  31. L'operaio Laezza rischia 14 anni di carcere, il barista Forieri 12 e la commessa Guadagno 9
  32. Mafia viterbese, l'accusa chiede 135 anni per 10 imputati
  33. Mafia viterbese, processo al via per i boss Trovato e Rebeshi
  34. Mafia viterbese, sarà abbreviato per 10 arrestati e processo ordinario per 3
  35. Mafia viterbese, resta in carcere Ionel Pavel
  36. Mafia viterbese, liberi dopo un anno Erasmi e Pecci
  37. Operazione Erostrato, chiedono la revoca degli arresti i tre imputati Pecci, Erasmi e Pavel
  38. Mafia, processo ordinario per i viterbesi Manuel Pecci e Emanuele Erasmi
  39. Mafia viterbese, nove arrestati su tredici scelgono l'abbreviato
  40. Mafia viterbese, scatta la corsa all'abbreviato e il maxiprocesso rischia di diventare mini
  41. La difesa del boss: "A Trovato consiglio l'abbreviato"
  42. "Giuseppe Trovato era la mente, voleva adottare il metodo della 'ndrangheta"
  43. Mafia viterbese, la "bomba Dervishi" spinge a una raffica di abbreviati
  44. "Abbiamo incendiato un'auto pure a Lamezia Terme..."
  45. "Il consigliere Claudio Ubertini punito per i mancati appalti pubblici sollecitati dal boss"
  46. Rebeshi: "Questo carabiniere lo fa apposta, è un bastardo" - Trovato: "Auto bruciata, bingo!"
  47. "La pistola della banda la puliva il barista Forieri con l'olio da fucili"
  48. "Ho fatto degli sbagli, ma non voglio essere rovinato per gli altri"
  49. "Trovato aiutava Rebeshi a controllare il mercato della droga, Rebeshi aiutava Trovato a incendiare i negozi..."
  50. Mafia viterbese, Sokol Dervishi collaboratore di giustizia
  51. Mafia viterbese, la costituzione di parte civile del comune è costata più di 31mila euro
  52. Mafia viterbese: abbreviato per Martina Guadagno, Luigi Forieri e Sokol Dervishi
  53. Mafia viterbese, 19 parti civili tra cui il comune
  54. Mafia viterbese, tredici arrestati e 47 vittime davanti al gup di Roma
  55. "Mafia viterbese, il comune si è costituito parte civile"
  56. Mafia viterbese, vigilia di Natale davanti al gup per i 13 indagati
  57. "Fouzia mi lava, mi stira, mi sbriga tante cose rischiose"
  58. Movida gestita dal carcere, indagate per favoreggiamento due donne del boss Rebeshi
  59. Mafia viterbese, inchiesta chiusa con 13 avvisi di fine indagine
  60. Mafia viterbese, incertezza sul rito per i tredici arrestati
  61. "Sono una delle vittime della mafia viterbese", dice in aula la titolare del compro oro di via Genova
  62. Sodale salta il battesimo di "famiglia" per andare al bingo con una "puttanella"...
  63. "Dopo Santa Rosa, vedi i fuochi d'artificio... pam pam"
  64. "Un'associazione di stampo mafioso tutta viterbese capeggiata da Giuseppe Trovato"
  65. "Sussistono il reato associativo e il metodo mafioso"
  66. Vittima della mafia non riesce a onorare un debito, condannata
  67. La mafia e le mani sulle discoteche
  68. Riesame, misure cautelari confermate per i 13 arrestati nel blitz antimafia
  69. "Non c'è l'associazione di stampo mafioso e le intercettazioni sono inutilizzabili"
  70. “Ubertini ha la mia massima fiducia”
  71. "Non mi dimetto, in tutta questa vicenda io sono una vittima"
  72. "Si ride e si piange, gli abbiamo dato indo culo..."
  73. Mafia viterbese, cinque arrestati su 13 rinunciano al riesame
  74. Oggi secondo round al riesame, lunedì tocca al boss Giuseppe Trovato
  75. "Uniti per reagire a tutte le forme di criminalità organizzata"
  76. Mafia viterbese, primi tre "no" del tribunale del riesame
  77. "E' fondamentale opporsi chiaramente alla mafia"
  78. Trasferito in un carcere in Sardegna il boss Trovato
  79. "Confesercenti in prima linea contro la mafia"
  80. "Non ci sottometteremo mai a comportamenti mafiosi"
  81. Il parrucchiere Pecci si difende davanti al tribunale del riesame
  82. 'Ndrangheta, Forieri e Trovato cercavano l'appoggio delle cosche
  83. Mafia viterbese, gli arrestati puntano al tribunale della libertà
  84. "Il naso era tutto frantumato, speriamo muoia"
  85. Anche Coldiretti alla manifestazione per dire no alla mafia
  86. Mafia viterbese, gli arrestati venerdì davanti al tribunale del riesame
  87. Mafia viterbese - Chiuso il bar di Luigi Forieri, "luogo di ritrovo di molti sodali"
  88. Anche l'Adoc alla fiaccolata contro la mafia
  89. "Un atto mostruoso, che continuo a non accettare"
  90. "Mafia viterbese, aderiamo alla manifestazione come chiaro segnale di presa di posizione"
  91. “In comune un muro invalicabile contro la mafia”
  92. Della Rocca e Grazini furono i primi a parlare di mafia
  93. Per non sentirci soli con la mafia...
  94. "La mafia nel viterbese c’è da tempo"
  95. "L'avvocato Alabiso? Me lo devo togliere dai coglioni"
  96. "Signor sindaco non minimizzi il fenomeno mafioso..."
  97. "Mafie, solo con un'azione corale possono essere sconfitte"
  98. "Fiaccolata contro le mafie, saremo in prima fila"
  99. Anche Massimiliano Smeriglio alla fiaccolata contro la mafia
  100. Mafia viterbese, è corsa al tribunale del riesame
  101. "Un panorama criminale pericoloso e inquietante"
  102. "Mai ceduto a tentativi di estorsione e minacce..."
  103. "Sì alla fiaccolata contro la mafia"
  104. "Sindaco... per me non è mai spropositato dire no alla malavita"
  105. "Gravissimo sminuire il fenomeno mafioso"
  106. Mafia viterbese, sfiorato lo scontro tra due bande criminali
  107. "Tutti trattengono il fiato, perché tutti sanno di essere colpevoli..."
  108. “A Viterbo non ci sono organizzazioni mafiose, solo delinquentelli"
  109. "Mafia viterbese, il sindaco Arena riferisca subito in consiglio comunale"
  110. "Una città che si schiera contro la mafia innanzitutto combatte il degrado"
  111. "Mai dato soldi all'organizzazione e non mi sono mai sottomesso"
  112. "Vi ho cacciato fuori dai guai e voglio un bel ringraziamento"
  113. "Rischio infiltrazioni mafiose in Comune, si faccia chiarezza"
  114. "Arena e Ubertini sono traditori di merda..."
  115. "Una fiaccolata per dire no alla mafia"
  116. Mafia viterbese, si difendono il barista e la commessa
  117. "La guerra la facciamo pure a chi ha la divisa"
  118. "Una risposta incisiva alle esigenze di sicurezza dei cittadini"
  119. "Si convochi un consiglio comunale aperto per la legalità..."
  120. "Luigi Forieri si vantava di avere legami con la 'ndrangheta"
  121. "Agivano in una delirante concezione di onnipotenza"
  122. "Un consiglio comunale aperto per parlare di legalità e sicurezza"
  123. "Viterbo mai colpita da organizzazioni criminali e questo ci preoccupa"
  124. "Mosap: "Serve tutelare le vittime della banda"
  125. "Ti ammazzo, brutto figlio di troia. Infame. Ti sparo int' 'a capa"
  126. Un interrogatorio, spontanee dichiarazioni e tanti silenzi
  127. Denunciare! Denunciare! Denunciare!
  128. "Al fianco di vittime di racket e usura"
  129. "Mafia, è la prima volta a Viterbo"
  130. "Io ti sbudello, io me la prendo anche con un bambino"
  131. "Violenza e terrore, intimidazioni ed estorsioni"
  132. "Grazie alle forze dell’ordine che lavorano per garantire sicurezza"
  133. Auto bruciate, teste di maiale mozzate e buste con proiettili
  134. 13 arresti per associazione a delinquere di stampo mafioso

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR