Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Corte d'assise - Omicidio Fedeli - Contestate le conclusioni del medico legale nominato dal tribunale - La famiglia ribadisce: "Non c'è stata nessuna aggressione"

Il perito: “Pang ferito da una vite” – La difesa: “Fu un coltello”

di Silvana Cortignani

Condividi la notizia:

Omicidio in via San Luca - I rilievi della scientifica - Nei riquadri: Norveo Fedeli e Michael Aaron Pang

I rilievi della scientifica (nei riquadri, Norveo Fedeli e Michael Aaron Pang)

Fausto Barili

L’avvocato di parte civile Fausto Barili coi familiari della vittima

Lidia Ladi, Remigio Sicilia, Giampiero Crescenzi e Edoardo Manni

I difensori Lidia Ladi, Remigio Sicilia, Giampiero Crescenzi e Edoardo Manni

Omicidio in via San Luca - Il magistrato Eliana Dolce

La pm Eliana Dolce sulla scena del crimine

Viterbo – Commerciante ucciso nel suo negozio in centro il 3 maggio 2019, Norveo Fedeli è stato massacrato di botte fino alla morte con uno sgabello dell’Ikea che costa meno di quattro euro. E’ lo sgabello modello Marius di metallo e plastica di colore bianco usato come arma dal 23enne americano d’origine sudcoreana Michael Aaron Pang, reo confesso del delitto per cui è accusato di omicidio volontario e rapina aggravati davanti alla corte d’assise del tribunale di Viterbo presieduta dal giudice Silvia Mattei, pm Eliana Dolce.

Una copia dell’originale, custodito tra i corpi di reato, è stata acquistata presso il colosso svedese e esibita in aula dai difensori Remigio Sicilia e Giampiero Crescenzi, durante l’udienza di ieri del processo. Pang lo avrebbe sferrato decine di volte, fino a romperlo, con una furia e una violenza tali da provocare lo sfondamento del cranio della vittima.

Ma lo sgabello, in realtà, “è una piuma, pesa poco più di un chilo e mezzo”, ha fatto notare la difesa, negando che ci siano stati accanimento ed efferatezza (“Si è rotto perché è leggerissimo, non per la violenza dei colpi”). E insistendo nel dire che il 23enne lo ha usato per difendersi da Fedeli che, a 74 anni, lo avrebbe aggredito alle spalle e cercato di colpirlo, ferendolo alle mani, con uno dei due coltelli trovati sulla scena del crimine, su nessuno dei quali però sono state trovate tracce di sangue. 


Sotto i riflettori le lesioni di Pang

Un’udienza incentrata sull’esito della perizia sulle lesioni riscontrate su Pang al momento dell’arresto, 24 ore dopo il delitto, affidata dal tribunale al medico legale Giancarlo Carbone, le cui conclusioni sono state aspramente contestate dalla difesa e in parte anche dal consulente della famiglia, il dottor Alessandro Pinnavaia, secondo cui è impossibile dire quando Pang se le sia procurate. Non avventurandosi Pinnavaia sulla dinamica, pur concordando con Carbone nel dire che non c’è stata nessuna aggressione da parte di Norveo al suo assassino. “Il resto sono ipotesi”, ha detto il perito di parte civile.


Il perito: “Ferito da una vite” – La difesa: “Fu un coltello”

Lesioni, anzi microlesioni, graffi. “Unghiature” per la precisione. Al torace e, visibili a occhio nudo anche nelle immagini della videosorveglianza, sulla guancia sinistra. Più il segno di una vite dello sgabello sul dito pollice della mano destra. Per il perito del tribunale è stata una vite mentre brandiva lo sgabello. Per la difesa il coltellino sferrato contro Pang da Fedeli. 

Per Carbone, che si è aiutato col maxischermo: “Non ci fu alcuna aggressione da parte di Norveo, né col coltello, né senza. Fedeli si è difeso mettendo le mani avanti per scansare i colpi, lasciando, solo sulla parte anteriore del corpo di Pang, i segni delle unghiature. La lesione sul pollice della mano destra invece se l’è fatta impugnando per un gambo lo sgabello, la cui seduta si è rotta, lasciando una vite sporgente”.

Ma la ricostruzione non torna, secondo la difesa: “Come si spiega, allora, che su quella gamba dello sgabello ci sia solo l’impronta della mano sinistra di Pang? E come si spiega che sulla vite non sia stato trovato il Dna di Pang?”. 


I familiari della vittima: “Non c’è stata nessuna aggressione”

“Quello che conta è che sia Pinnavaia che Carbone concordano sul fatto che non si possa assolutamente parlare di aggressione, tanto meno alle spalle, e sul fatto che la lesione alla mano destra non sia assolutamente compatibile con i due coltellini multiuso sequestrati sulla scena del delitto, su cui non ci sono tracce ematiche e inidonei a quel tipo di lesioni, definendole comunque lesioni di minimo conto. Nessun riscontro, dunque, alla versione secondo cui Pang sarebbe stato aggredito da Norveo. Inutile, dunque, cercare cosa abbia provocato quel tipo di lesione al pollice della mano destra su cui tanto insiste la difesa, su cui non vi è certezza nemmeno in ordine al giorno”, commenta l’avvocato di parte civile Fausto Barili.


Pang in cura dallo psichiatra a 7 anni

 Si preannuncia un’udienza calda quella del 13 luglio, quando sarà sentita la versione dell’imputato. La difesa ha già preannunciato che Pang si farà interrogare e che, considerata anche la necessità di un interprete, ci vorranno ore. Poi,nella stessa udienza, saranno sentiti due periti di parte:  uno psicologo e il medico legale Antonio Maria Lanzetti, che ieri non ha potuto partecipare al contraddittorio. 

Nel frattempo è emerso che Pang, all’età di 7 anni, dopo il divorzio dei genitori, è stato in cura presso uno psichiatra e che già a quell’età è stato curato con degli psicofarmaci stabilizzanti dell’umore, assolutamente vietati a bambini così piccoli in Europa. Ma secondo il dottor carbone, che lo ha visitato poche settimane fa,  il 23enne non soffrirebbe di alcun disturbo, è sano, vigile, consapevole e ben orientato. 

Il 13 luglio sfileranno anche i testimoni della difesa, ma non la madre, che per via delle restrizioni anti Covid non potrà venire dagli Stati Uniti. La difesa ha proposto una rogatoria internazionale, tramite consolato, con collegamento in videoconferenza dal Kansas, perché parli della disponibilità economica del figlio, cui lei provvedeva a inviare denaro dall’America. Potrebbe essere ascoltata il 14 settembre. 

Silvana Cortignani


Condividi la notizia:
1 luglio, 2020

Omicidio in via San Luca ... Gli articoli

  1. Processo Fedeli, la "dama bionda" non si presenta
  2. Omicidio di Norveo Fedeli, oggi in aula l'amica che aveva accesso ai conti di Pang
  3. "E' venuto in Italia per amore Pang, il killer che suona il violino e fa l'inchino"
  4. L'assassino di Norveo Fedeli: "Ho smesso di colpirlo quando non si muoveva più..."
  5. Commerciante ucciso in centro, oggi l'interrogatorio dell'omicida di Norveo Fedeli
  6. "Pang si è accanito su Norveo Fedeli", contestata all'omicida l'aggravante della crudeltà
  7. "Pang ha fotografato il cadavere di Norveo dopo averlo ucciso"
  8. Omicidio Fedeli, tocca agli esperti di Dna
  9. "Norveo Fedeli, un omicidio che ha messo in crisi tutta la comunità"
  10. Messa in memoria di Norveo Fedeli per l'anniversario della tragica morte
  11. "Il corpo di Norveo massacrato di botte e calpestato ripetutamente da Pang"
  12. "Ma quale rapina, ho reagito a un'aggressione da parte di Norveo Fedeli"
  13. "Alla famiglia di Norveo l'abbraccio virtuale di un'intera città"
  14. Processo a Pang, la madre bloccata negli Usa dalla pandemia
  15. "Il padre non gli mandava più soldi, Pang non aveva denaro nemmeno per tornare negli Stati Uniti"
  16. "Sangue ovunque e sulla testa di Norveo l'impronta di una scarpa dell'assassino"
  17. "Sulla scena del crimine neanche una goccia di sangue dell'assassino"
  18. "Michael Aaron Pang è stato accoltellato dalla vittima durante una colluttazione"
  19. Omicidio Fedeli, niente abbreviato né perizia psichiatrica per Pang
  20. Omicidio di Norveo Fedeli, al via il processo al 23enne americano reo confesso del delitto
  21. No all'abbreviato, sarà processato davanti alla corte d'assise l'omicida di Norveo Fedeli
  22. "Perizia medico-legale sulle ferite riportate dal ragazzo che ha ucciso Fedeli"
  23. Omicidio di Norveo Fedeli, davanti al giudice l'assassino reo confesso
  24. Omicidio Fedeli, Pang chiede l'abbreviato
  25. Omicidio Fedeli, Pang davanti alla corte d'assise il 13 gennaio
  26. Omicidio Fedeli, depositati i risultati di autopsia e rilievi della scientifica
  27. "Grazie ai facchini per la girata dedicata a Norveo"
  28. Omicidio Fedeli, nuovo prelievo di dna per lo statunitense Michael Pang
  29. Omicidio Fedeli, al via le perizie della scientifica di Roma
  30. "Una scena del crimine drammatica, come poche se ne vedono"
  31. Omicidio Fedeli, la scientifica sulla scena del crimine
  32. Omicidio Fedeli, l'ambasciata Usa vuole portare un dizionario a Pang
  33. Ha ucciso Fedeli e ha mangiato un kebab vicino al negozio del delitto
  34. Funzionari dell'ambasciata Usa in carcere per incontrare Pang
  35. “Norveo Fedeli per noi è un caduto sul lavoro”
  36. I parenti di Norveo: "Un omicidio brutale che non ha giustificazioni"
  37. Pang in carcere sta male, sarà visitato da uno psicologo...
  38. L'omicida di Fedeli punta a evitare l'ergastolo
  39. "Vicini al dolore della famiglia Fedeli"
  40. Resta in carcere l'assassino di Norveo Fedeli
  41. "Michael è incensurato, ha scontato con la messa alla prova la guida in stato di ebbrezza"
  42. "Pang era in trattative per rilevare un ristorante a Vetralla"
  43. Pang al gip: "Ho reagito a un'aggressione di Fedeli"
  44. "Un crimine efferato, i familiari della vittima pronti a costituirsi parte civile"
  45. "Il movente non è la rapina e non c'è premeditazione"
  46. Omicidio Fedeli, Michael Pang confessa: "Chiedo perdono"
  47. "Pang ha rischiato di uccidere mio figlio in un incidente"
  48. "Sogna in grande, spingi duro", sulla pagina Facebook di Michael una valanga di slogan motivazionali...
  49. Fedeli insospettito fotografò il ragazzo che lo avrebbe ucciso
  50. "Arresto di Michael Aaron per omicidio, la madre è sotto shock'"
  51. Pang negli Usa era stato già condannato, a nove mesi quando era minorenne
  52. "Basta con la violenza, dobbiamo costruire una città migliore"
  53. "Non parlava con nessuno, abitava qui e ogni tanto prendeva l'auto della donna con cui viveva"
  54. Oggi l'addio a Norveo Fedeli, è lutto cittadino
  55. "Michael Aaron è affranto e disperato, non era mai stato in carcere"
  56. Il brutale omicidio di Fedeli finisce sui media statunitensi
  57. Incensurato, americano e regolarmente in Italia
  58. "Omicidio in via San Luca, la fiaccolata è lodevole ma non è sufficiente"
  59. "Domani saremo tutti di un sentimento"
  60. Uccide Fedeli, si toglie i vestiti insanguinati e sale sul bus per Capodimonte
  61. I vestiti e le scarpe ancora sporchi di sangue in casa del ragazzo fermato
  62. "I cittadini hanno diritto a non avere timore"
  63. Bandiere a mezz'asta e un minuto di silenzio per Norveo Fedeli
  64. "Serve un piano di emergenza contro la criminalità"
  65. "Un uomo sempre sorridente e cordiale"
  66. "Speriamo si possa arrivare a una condanna definitiva quanto prima"
  67. Il presunto omicida di Fedeli fermato mentre passeggiava in piazza
  68. Fermato il presunto omicida di Norveo Fedeli
  69. "Bisogna rafforzare il controllo del territorio"
  70. Colpito alla testa e ucciso con uno sgabello, trascinato e nascosto dietro i vestiti appesi
  71. Feroce omicidio in pieno centro, gli abitanti: "Abbiamo paura..."
  72. "Il negozio era in disordine e a terra c'era tantissimo sangue..."
  73. Omicidio Fedeli, lutto cittadino e corteo silenzioso per le vie del centro
  74. Omicidio in via San Luca, sotto sequestro il negozio Fedeli
  75. "Norveo Fedeli, uomo buono e gentile"
  76. Norveo Fedeli ucciso a sprangate
  77. Omicidio in pieno giorno in un negozio in via San Luca

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR