Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Istruzione - Assufficio, associazione delle aziende produttrici di materiali scolastici, denuncia: “Quantitativi enormi e tempi di consegna troppo stretti”

“Produrre 3 milioni di banchi entro settembre è impossibile”

Condividi la notizia:

La classe di una scuola

La classe di una scuola

Roma – Realizzare i tre milioni di banchi scolastici dotati di rotelle richiesti dal ministero dell’Istruzioni prima dell’inizio dell’anno scolastico è una “missione impossibile”.

“Tre milioni di pezzi tra banchi e sedute corrisponde alla produzione di cinque anni di tutte le imprese nazionali messe assieme e questo in condizioni normali”. A ribadirlo è Assufficio, l’associazione delle aziende che si occupano di produrre arredamenti per la scuola.

“Il bando è leggermente cambiato – ha illustrato Gianfranco Marinelli, presidente di Assufficio, in un’intervista al Sole24ore -, ma non siamo ancora soddisfatti, perché rimangono in essere i due punti più critici, ovvero i quantitativi enormi e i tempi di consegna troppo stretti”.

“Nessuna azienda italiana può farcela – ha affermato Stefano Bianchini, amministratore delegato di Mobilferro -. Noi per dimensioni siamo anche tra i pochi che potrebbero partecipare, ma in ogni caso non saremmo in grado di rispettare i termini di consegna, con il rischio di incorrere in penali e di dover pure pagare i danni”.

“I tempi e le condizioni indicati nel bando sono insostenibili” ha concluso Emidio Salvatorelli, titolare di Vastarredo in un’intervista a Radio24.


Condividi la notizia:
28 luglio, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR