Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Mafia viterbese - Ricostruiti in aula le azioni contro i due esponenti del sindacato gestori locali da ballo - Sono stati i boss Trovato e Rebeshi a incendiare personalmente le 12 auto del maxirogo del Poggino

Talucci e Della Rocca: “Attentati per una mancata autorizzazione a un locale notturno”

di Silvana Cortignani
Condividi la notizia:

Rinaldo Della Rocca

Rinaldo Della Rocca – Vittima di un attentato incendiario di Trovato e Rebeshi quando era al Silb

Maxi rogo al Poggino - Le auto incendiate

Maxi rogo al Poggino – Le 12 auto incendiate a Della Rocca in via Mainella

Luca Talucci

Il presidente del Silb, Luca Talucci – Gli è stata devastata la macchina sotto casa

Luca Talucci - L'auto devastata dai vandali

L’auto di Talucci devastata a picconate a Santa Lucia

Roberto Grazini

L’imprenditore Roberto Grazini

Viterbo - Esplosioni a Santa Barbara - Viterbo - Il camion della Grazini Traslochi incendiato

Il camion della Grazini Traslochi incendiato a Santa Barbara

Viterbo – Mafia viterbese, il collegio ci dà un taglio. Sfoltita con un’apposita ordinanza la lista del pubblico ministero Fabrizio Tucci e delle difese, per un totale di 34 testimoni venuti meno. Il presidente Gaetano Mautone ieri ha invitato a stringere sugli episodi relativi alle accuse di furto, danneggiamento ed estorsione aggravati dal metodo mafioso a carico di Pavel Ionel, Manuel Pecci e Emanuele Erasmi, i soli imputati nel processo e gli unici dei tredici arrestati nel blitz del 25 gennaio 2019 che hanno scelto il rito ordinario.

Gli altri dieci, tra cui i presunti boss Giuseppe Trovato e Ismail Rebeshi, sono stati già giudicati col rito abbreviato davanti al gup di Roma e condannati, lo scorso 11 giugno, con il riconoscimento dell’aggravante del 416 bis, ovvero dell’associazione di stampo mafioso. 

L’avvocato Carlo Taormina, che con Fausto Barili difende il parrucchiere Pecci, accusato di essersi rivolto a Trovato per risolvere una controversia civile con un cliente che gli aveva fatto scrivere da un avvocato per una depilazione venuta male, ha chiesto di sentire il legale, uno dei testi esclusi, in quanto agli atti c’è solo un’intercettazione del boss che racconta a uno dei sodali di una telefonata che sarebbe intercorsa tra lui e l’avvocato sull’argomento. Il tribunale si è riservato.

Non è stato nel frattempo sentito l’imprenditore Roberto  Grazini, comunque presente in quanto citato dall’accusa, vittima di uno degli attentati incendiari del gruppo criminale italo-albanese, che gli ha bruciato un camion in piazzale Porsenna, a Santa Barbara, la notte tra il 7 e l’8 gennaio 2018, pochi giorni dopo l’attentato alla rivendita di auto di Rinaldo Della Rocca, in via Mainella al Poggino (Divorate dalle fiamme 12 auto nel piazzale di una concessionaria). 

Sono stati invece sentiti, oltre a un carabiniere, sia Rinaldo Della Rocca che il presidente del Silb, Luca Talucci, in quanto ci sarebbe un collegamento tra l’attività del sindacato dei gestori dei locali da ballo e l’attentato. Anzi, due attentati. Uno anche contro Talucci, cui la notte tra il 21 e il 22 novembre 2018 è stata devastata a picconate la macchina parcheggiata sotto casa nel quartiere di Santa Lucia (Di notte sfasciano la macchina del sindacalista Talucci). 


Attentati contro due sindacalisti del Silb per ottenere il controllo dei locali da ballo

Secondo Della Rocca e Talucci entrambi gli episodi sarebbero riconducibili alla mancata autorizzazione all’apertura di un locale notturno di Rebeshi, il Range di via della Palazzina, chiesta a maggio-giugno 2017. E forse anche all’astio per le mancate serate al Theatrò, affittato nell’autunno 2017 a due “concorrenti” romeni di Rebeshi, anche loro presi di mira dalla banda che gli ha fatto trovare attaccate sull’ingresso delle discoteca le solite teste mozzate di animali.

Rebeshi, che avrebbe voluto l’esclusiva delle serate da ballo per stranieri, l’avrebbe presa male e avrebbe deciso di intimidire chi, secondo lui, poteva mettergli o gli aveva messo i bastoni tra le ruote. Talucci e Della Rocca, all’epoca entrambi componenti del Silb (, avrebbero partecipato ai lavori della commissione vigilanza e sicurezza del comune. “Senza però avere diritto di voto. Il Silb assiste i gestori, dice loro cosa fare e su richiesta se il locale può andare, ma non decide, non valuta”, hanno spiegato.

In una occasione avrebbero incontrato insieme Rebeshi al Range, dopo che Talucci era stato accusato di avere scattato lui delle foto del locale e averle date al Comune dicendo che non era idoneo. “Rebeshi stava zitto. C’è stata invece una discussione molto animata, anche se con le mani in tasca, con un imprenditore viterbese specializzato nell’organizzazione di serate e una donna – ha spiegato Talucci, confermando quanto già detto da Della Rocca – tanto che io, rivolgendomi a Rebeshi, gli ho chiesto a che titolo parlasse l’altro, dal momento che l’autorizzazione l’aveva chiesta lui. Mi ha risposto laconico ‘lui è un mio socio’. Al che Della Rocca, visti i toni accesi, mi ha preso per un braccio e portato via”.  

A dicembre 2017 correva anche voce che Rebeshi, più che mai deciso ad aprire un locale da ballo, fosse interessato al Perfidia. Il presunto boss albanese, inoltre, avrebbe frequentato un noto bar sulla Cassia Nord, al cui titolare Talucci avrebbe detto che poteva fare intrattenimento musicale, ma non organizzare serate da ballo. Della Rocca ha inoltre venduto una Smart gialla, data alle fiamme, a una dipendente dei due romeni che hanno preso il Theatro (con l’idea di farci cinque serate, ridotte a due dopo i vari attentati). 

Ma per il presidente del Silb Talucci tutto sarebbe partito dalla mancata autorizzazione al nightclub di via della Palazzina: “Parlando con Della Rocca, dopo che gli hanno dato fuoco alle macchine, ci siamo detti che doveva essere per la discussione al Range”.

Della Rocca, che ha riaperto dopo tre mesi e dopo molte titubanze la concessionaria, in seguito all’attentato ha lasciato il Silb. 


Traditi da una foglia di lauro ceraso in una Picanto rubata

Traditi da una foglia di lauro ceraso in uno scarpone trovato all’interno di una Picanto rubata a Caprarola il 3 novembre 2017, trovata bruciata in via Campo Scolastico dopo l’attentato a Grazini. La macchina è stata utilizzata per mettere a segno tre attentati. 

“Visionando i filmati acquisiti dalle telecamere della videosorveglianza, abbiamo scoperto che la Picanto era stata usata per portare le due teste d’agnello al compro oro di Fabiola Bacianini, per incendiare le auto della rivendita di Della Rocca e per bruciare il camion della ditta di trasporti di Grazini”, ha detto il luogotenente Massimo Pastore del nucleo investigativo della compagnia dei carabinieri di Viterbo, spiegando che all’auto furono scattata 136 fotografie per poi ricostruirla in 3D e confrontarla con i filmati.

Al suo interno fu trovato lo scarpone con la foglia di lauro ceraso: “Abbiamo chiesto alla forestale di compararla con la siepe di lauro ceraso che delimitava il muretto alto due metri davanti alla concessionaria di della Rocca, saltato a fatica dai due soggetti, uno con una tanica di benzina da venti litri, la notte dell’incendio. Hanno lasciato la Picanto accesa all’angolo con via Fontecedro, scappando quando poco prima dell’una c’è stata l’esplosione, di cui si vedono i bagliori. La foglia era della stessa siepe”.  

Erano Rebeshi e Trovato, che come sua consuetudine il giorno dopo non ha resistito a passare un paio di volte davanti alla scena del crimine, come faceva spesso compiacendosi con se stesso, al telefono e anche parlando da solo in macchina, ignaro delle microspie. 


“Oh mamma mia bella”, dice Trovato dopo essersi ustionato

A Capodanno 2017 avevano dato fuoco a due auto di un noto pregiudicato d’origine campana e temevano ritorsioni. Per questo i primi di gennaio Trovato aveva lasciato la sua Audi A5 parcheggiata nel cortile davanti all’abitazione di via Monfalcone del pentito Sokol Dervishi, temendo una ritorsione e contando che lì, essendo il luogo lontano da occhi indiscreti e riservato ai condomini del palazzo, passasse inosservata. La recupererà la notte dell’attentato a Grazini, cui è stato bruciato un solo camion invece che tutti solo perché al boss è esplosa una bottiglia piena di benzina in mano e la fiammata gli ha ustionato una mano e un’arcata sopraccigliare rimasta scoperta sotto  il passamontagna. 

“Abbiamo capito che qualcosa era andato storto quando, riprendendo la macchina, su cui c’erano delle cimici, ha esclamato ‘Oh mamma mia bella’, presumibilmente riferendosi alle bruciature. Poi ha cercato un dermatologo, ha tenuto chiuso il negozio che gestiva lui per alcuni giorni e andava in giro con un cappello calato in testa e il volto travisato”, ha spiegato Pastore. 


L’insospettabile Trovato e il lusso sfrenato di Rebeshi

Ne ha parlato Della Rocca, l’unico cui parti civili e difese abbiano fatto delle domande. “Trovato lo conoscevo perché aveva il compro oro in via Garbini, davanti alla mia precedente concessionaria e ogni tanto passava a vedere qualche macchina. Avevamo rapporti cordiali, anche se formali. Rimasi stupito leggendo il suo nome tra gli arrestati. Non ho mai pensato a lui dopo l’incendio, non l’ho visto e non mi ha cercato”, ha detto. 

Quando fu sentito dopo l’incendio, convinto che dietro atti simili dovesse esserci una qualche forma di criminalità organizzata, descrisse Rebeshi come uno “schiacciasassi” (“Ismail Rebeshi è uno schiacciasassi che non guarda in faccia nessuno”).

“Si parlava di lui come di uno che non guarda in faccia a nessuno, era uno che non si sa come andava in giro coi macchinoni. Aveva una Audi A8, una vettura di grossa cilindrata come se ne vedono poche a Viterbo. Si faceva notare per il lusso, l’agiatezza che ostentava, che stonava col fatto che vendesse macchine. Io lo faccio da 40 anni, ma non me lo sono mai potuto permettere. Si diceva che lui o suo fratello fossero stati arrestati per droga”. 

Il processo riprenderà il 10 settembre. 

Silvana Cortignani


Condividi la notizia:
12 luglio, 2020

Mafia viterbese ... Gli articoli

  1. Il "consigliere" Forieri al boss Trovato: "A Camilli una testa d'animale con scritto 'per Piero'"
  2. "La mafia viterbese assoggettava e imponeva l'omertà alle vittime e a tutta la collettività"
  3. "L'organizzazione di Trovato e Rebeshi esprimeva la forza intimidatrice tipica delle mafie storiche"
  4. Auto bruciate e teste di animali mozzate, entra nel vivo il processo a Pecci-Pavel-Erasmi
  5. Gli bruciano la macchina sotto casa, il carabiniere: "Meglio Tor Bella Monaca che Viterbo"
  6. Mafia viterbese, oltre duecentomila euro di provvisionali alle 19 parti civili
  7. “Minchia, calabresi e albanesi, la meglio fusione che c’è...”
  8. Metodo mafioso, riprende dopo 10 condanne il processo viterbese
  9. "Mafia a Viterbo, se ci riprovano troveranno una città pronta a contrastarli"
  10. "Ora è più difficile per le organizzazioni criminali attecchire nella Tuscia"
  11. Martina Guadagno lascia il carcere dopo la condanna
  12. Otto anni per associazione di stampo mafioso agli imprenditori Luigi Forieri e Gabriele Laezza
  13. Mafia viterbese, 13 anni e 4 mesi a Giuseppe Trovato e 12 anni a Ismail Rebeshi
  14. Il boss Rebeshi, dal controllo del traffico di cocaina all'esclusiva delle serate danzanti al Theatrò
  15. Mafia viterbese, la difesa del boss Giuseppe Trovato: "Inutilizzabili le dichiarazioni del pentito Dervishi"
  16. Mafia viterbese, chiesta l'assoluzione e l'immediata scacerazione del boss Ismail Rebeshi
  17. Ultima chance per i boss, Rebeshi rilascia spontanee dichiarazioni
  18. Mafia viterbese, spunta il movente amoroso...
  19. "L'assessore Ubertini vittima di mafia viterbese, si è ribellato alla banda del boss Trovato"
  20. "Viterbo a ferro e fuoco, fu vera mafia", il comune chiede mezzo milione alla banda di Rebeshi e Trovato
  21. "Ismail Rebeshi è uno schiacciasassi che non guarda in faccia nessuno"
  22. "Apri una macelleria che non sei capace a fare il compro oro..."
  23. Mafia viterbese, due anni di attentati e intimidazioni ricostruiti dal maggiore Egidio
  24. Mafia viterbese, sfilano le prime vittime di attentati incendiari e intimidazioni
  25. Mafia viterbese, saranno sentiti il 27 maggio i primi testi contro Erasmi, Pavel e Pecci
  26. Parleranno il primo giugno i legali delle 19 parti civili, tra le vittime un avvocato e un carabiniere
  27. "E' il pentito Dervishi a dire che Ionel Pavel non fa parte del sodalizio criminale"
  28. Slitta al 4 maggio il processo ai dieci imputati di associazione di stampo mafioso
  29. Okay agli arresti domiciliari, fuori dal carcere dopo oltre un anno Ionel Pavel
  30. Mafia viterbese, il processo slitta per Coronavirus
  31. Mafia viterbese, il processo slitta per Coronavirus
  32. Mafia viterbese, ammissione prove in videoconferenza col Piemonte per Pecci, Erasmi e Pavel
  33. "Il Coronavirus non è una medaglia... io non ce l'ho e vado in udienza"
  34. Al via a Mammagialla il processo a Manuel Pecci, Emanuele Erasmi e Ionel Pavel
  35. Il pm Musarò: "Camilli considerato parte offesa, ma potrebbe essere altro..."
  36. L'operaio Laezza rischia 14 anni di carcere, il barista Forieri 12 e la commessa Guadagno 9
  37. Mafia viterbese, l'accusa chiede 135 anni per 10 imputati
  38. Mafia viterbese, processo al via per i boss Trovato e Rebeshi
  39. Mafia viterbese, sarà abbreviato per 10 arrestati e processo ordinario per 3
  40. Mafia viterbese, resta in carcere Ionel Pavel
  41. Mafia viterbese, liberi dopo un anno Erasmi e Pecci
  42. Operazione Erostrato, chiedono la revoca degli arresti i tre imputati Pecci, Erasmi e Pavel
  43. Mafia, processo ordinario per i viterbesi Manuel Pecci e Emanuele Erasmi
  44. Mafia viterbese, nove arrestati su tredici scelgono l'abbreviato
  45. Mafia viterbese, scatta la corsa all'abbreviato e il maxiprocesso rischia di diventare mini
  46. La difesa del boss: "A Trovato consiglio l'abbreviato"
  47. "Giuseppe Trovato era la mente, voleva adottare il metodo della 'ndrangheta"
  48. Mafia viterbese, la "bomba Dervishi" spinge a una raffica di abbreviati
  49. "Abbiamo incendiato un'auto pure a Lamezia Terme..."
  50. "Il consigliere Claudio Ubertini punito per i mancati appalti pubblici sollecitati dal boss"
  51. Rebeshi: "Questo carabiniere lo fa apposta, è un bastardo" - Trovato: "Auto bruciata, bingo!"
  52. "La pistola della banda la puliva il barista Forieri con l'olio da fucili"
  53. "Ho fatto degli sbagli, ma non voglio essere rovinato per gli altri"
  54. "Trovato aiutava Rebeshi a controllare il mercato della droga, Rebeshi aiutava Trovato a incendiare i negozi..."
  55. Mafia viterbese, Sokol Dervishi collaboratore di giustizia
  56. Mafia viterbese, la costituzione di parte civile del comune è costata più di 31mila euro
  57. Mafia viterbese: abbreviato per Martina Guadagno, Luigi Forieri e Sokol Dervishi
  58. Mafia viterbese, 19 parti civili tra cui il comune
  59. Mafia viterbese, tredici arrestati e 47 vittime davanti al gup di Roma
  60. "Mafia viterbese, il comune si è costituito parte civile"
  61. Mafia viterbese, vigilia di Natale davanti al gup per i 13 indagati
  62. "Fouzia mi lava, mi stira, mi sbriga tante cose rischiose"
  63. Movida gestita dal carcere, indagate per favoreggiamento due donne del boss Rebeshi
  64. Mafia viterbese, inchiesta chiusa con 13 avvisi di fine indagine
  65. Mafia viterbese, incertezza sul rito per i tredici arrestati
  66. "Sono una delle vittime della mafia viterbese", dice in aula la titolare del compro oro di via Genova
  67. Sodale salta il battesimo di "famiglia" per andare al bingo con una "puttanella"...
  68. "Dopo Santa Rosa, vedi i fuochi d'artificio... pam pam"
  69. "Un'associazione di stampo mafioso tutta viterbese capeggiata da Giuseppe Trovato"
  70. "Sussistono il reato associativo e il metodo mafioso"
  71. Vittima della mafia non riesce a onorare un debito, condannata
  72. La mafia e le mani sulle discoteche
  73. Riesame, misure cautelari confermate per i 13 arrestati nel blitz antimafia
  74. "Non c'è l'associazione di stampo mafioso e le intercettazioni sono inutilizzabili"
  75. “Ubertini ha la mia massima fiducia”
  76. "Non mi dimetto, in tutta questa vicenda io sono una vittima"
  77. "Si ride e si piange, gli abbiamo dato indo culo..."
  78. Mafia viterbese, cinque arrestati su 13 rinunciano al riesame
  79. Oggi secondo round al riesame, lunedì tocca al boss Giuseppe Trovato
  80. "Uniti per reagire a tutte le forme di criminalità organizzata"
  81. Mafia viterbese, primi tre "no" del tribunale del riesame
  82. "E' fondamentale opporsi chiaramente alla mafia"
  83. Trasferito in un carcere in Sardegna il boss Trovato
  84. "Confesercenti in prima linea contro la mafia"
  85. "Non ci sottometteremo mai a comportamenti mafiosi"
  86. Il parrucchiere Pecci si difende davanti al tribunale del riesame
  87. 'Ndrangheta, Forieri e Trovato cercavano l'appoggio delle cosche
  88. Mafia viterbese, gli arrestati puntano al tribunale della libertà
  89. "Il naso era tutto frantumato, speriamo muoia"
  90. Anche Coldiretti alla manifestazione per dire no alla mafia
  91. Mafia viterbese, gli arrestati venerdì davanti al tribunale del riesame
  92. Mafia viterbese - Chiuso il bar di Luigi Forieri, "luogo di ritrovo di molti sodali"
  93. Anche l'Adoc alla fiaccolata contro la mafia
  94. "Un atto mostruoso, che continuo a non accettare"
  95. "Mafia viterbese, aderiamo alla manifestazione come chiaro segnale di presa di posizione"
  96. “In comune un muro invalicabile contro la mafia”
  97. Della Rocca e Grazini furono i primi a parlare di mafia
  98. Per non sentirci soli con la mafia...
  99. "La mafia nel viterbese c’è da tempo"
  100. "L'avvocato Alabiso? Me lo devo togliere dai coglioni"
  101. "Signor sindaco non minimizzi il fenomeno mafioso..."
  102. "Mafie, solo con un'azione corale possono essere sconfitte"
  103. "Fiaccolata contro le mafie, saremo in prima fila"
  104. Anche Massimiliano Smeriglio alla fiaccolata contro la mafia
  105. Mafia viterbese, è corsa al tribunale del riesame
  106. "Un panorama criminale pericoloso e inquietante"
  107. "Mai ceduto a tentativi di estorsione e minacce..."
  108. "Sì alla fiaccolata contro la mafia"
  109. "Sindaco... per me non è mai spropositato dire no alla malavita"
  110. "Gravissimo sminuire il fenomeno mafioso"
  111. Mafia viterbese, sfiorato lo scontro tra due bande criminali
  112. "Tutti trattengono il fiato, perché tutti sanno di essere colpevoli..."
  113. “A Viterbo non ci sono organizzazioni mafiose, solo delinquentelli"
  114. "Mafia viterbese, il sindaco Arena riferisca subito in consiglio comunale"
  115. "Una città che si schiera contro la mafia innanzitutto combatte il degrado"
  116. "Mai dato soldi all'organizzazione e non mi sono mai sottomesso"
  117. "Vi ho cacciato fuori dai guai e voglio un bel ringraziamento"
  118. "Rischio infiltrazioni mafiose in Comune, si faccia chiarezza"
  119. "Arena e Ubertini sono traditori di merda..."
  120. "Una fiaccolata per dire no alla mafia"
  121. Mafia viterbese, si difendono il barista e la commessa
  122. "La guerra la facciamo pure a chi ha la divisa"
  123. "Una risposta incisiva alle esigenze di sicurezza dei cittadini"
  124. "Si convochi un consiglio comunale aperto per la legalità..."
  125. "Luigi Forieri si vantava di avere legami con la 'ndrangheta"
  126. "Agivano in una delirante concezione di onnipotenza"
  127. "Un consiglio comunale aperto per parlare di legalità e sicurezza"
  128. "Viterbo mai colpita da organizzazioni criminali e questo ci preoccupa"
  129. "Mosap: "Serve tutelare le vittime della banda"
  130. "Ti ammazzo, brutto figlio di troia. Infame. Ti sparo int' 'a capa"
  131. Un interrogatorio, spontanee dichiarazioni e tanti silenzi
  132. Denunciare! Denunciare! Denunciare!
  133. "Al fianco di vittime di racket e usura"
  134. "Mafia, è la prima volta a Viterbo"
  135. "Io ti sbudello, io me la prendo anche con un bambino"
  136. "Violenza e terrore, intimidazioni ed estorsioni"
  137. "Grazie alle forze dell’ordine che lavorano per garantire sicurezza"
  138. Auto bruciate, teste di maiale mozzate e buste con proiettili
  139. 13 arresti per associazione a delinquere di stampo mafioso

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR