Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - La Asl partecipa all'indagine della Regione Lazio, a partire dal 20 agosto

“Test sieroprevalenza al personale scolastico della Tuscia”

Condividi la notizia:

Viterbo - La Asl

Viterbo – La cittadella della salute, sede della Asl

Viterbo -“A partire dal 20 di agosto anche la Asl di Viterbo parteciperà all’indagine di sieroprevalenza della regione Lazio che interesserà tutte le figure professionali delle scuole di ogni ordine della Tuscia fino al secondo grado (compresi gli istituti professionali), paritarie e non, dei servizi educativi per l’infanzia gestiti dallo stato e dagli enti locali”. È l’azienda sanitaria locale a spigarlo.

“Nello specifico, attraverso la formula dell’adesione volontaria, l’Azienda erogherà il test di sieroprevalenza a docenti, educatori, operatori di sostegno, assistenti, personale amministrativo, tecnico e ausiliario (ATA), studenti disabili e insegnanti di sostegno.

In queste settimane di preparazione, la Asl, in collaborazione con l’ufficio scolastico provinciale, sta ricevendo gli elenchi del personale che ha aderito all’indagine. Ad oggi, tra docenti e non, sono 1400 le persone che hanno richiesto di essere sottoposte al test sierologico.

Da punto di vista logistico, l’azienda sanitaria ha individuato 6 centri prelievo per l’erogazione del servizio: alla Cittadella della salute di Viterbo e presso gli ospedali di Belcolle, Civita Castellana, Tarquinia, Acquapendente e Montefiascone.

Altre modalità di erogazione del test, legate a particolari esigenze o a richieste che dovessero pervenire dagli istituti scolastici, saranno concordate e definite con i dirigenti delle strutture.

Metodologicamente il modello è quello già attivato per le indagini di sieroprevalenza al personale sanitario e delle forze dell’ordine. In caso di positività al test di siero prevalenza o in caso di presenza di anticorpi, la persona verrà sottoposta al test molecolare (tampone) per la verifica della positività al COvid-19. Tutti i dati verranno inseriti nella piattaforma nazionale. In attesa di esecuzione e referto del tampone, il soggetto dovrà osservare le misure necessarie di distanziamento”.

 


Condividi la notizia:
24 luglio, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR