Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il presidente di Ance Andrea Belli a margine del convegno in videoconferenza con il gruppo locale dell'associazione

“Decreto Semplificazioni, insieme all’ecobonus al 110 per cento rilancerà il territorio e le imprese”

Condividi la notizia:

Viterbo - Andrea Belli

Viterbo – Andrea Belli

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Il decreto Semplificazioni del governo, che introduce un quadro di misure organiche volte a facilitare la ripresa dell’economia italiana dopo l’emergenza Coronavirus, tra luci e ombre che comunque non mancano, potrebbe dare un impulso decisivo alla realizzazione o al completamento delle infrastrutture che anche il Viterbese aspetta da così tanto tempo per uscire dall’isolamento e rilanciare il suo sviluppo”.

Così Andrea Belli, presidente di Ance Viterbo, a margine del convegno in videoconferenza in cui il gruppo locale dell’Associazione nazionale costruttori edili ha inteso approfondire contenuto e opportunità previste dal Decreto Semplificazioni in materia di opere pubbliche, nonché illustrare le ricadute positive sulle imprese del territorio.

“Insieme all’ecobonus al 110 per cento – continua Belli – che costituisce un’altra opportunità per il rilancio del settore edile, riteniamo che tutto questo potrebbe essere la chiave di volta per la ripartenza dell’economia dell’Italia e quindi della Tuscia viterbese, dal momento che si interviene sulle semplificazioni in materia di contratti pubblici ed edilizia, sulla velocizzazione dei procedimenti amministrativi e sulla riduzione della burocrazia che attanaglia da tempo immemore il funzionamento del sistema Paese.

Riteniamo – conclude – che, ora come non mai, questo sia il momento del fare. E la cultura del fare deve avere definitivamente la meglio su quella del non fare, a maggior ragione dopo il lockdown e la conseguente crisi. Le imprese devono essere messe nelle condizioni di lavorare e produrre ricchezza che abbia ricadute positive per il territorio, senza essere imbrigliate dai vincoli burocratici: per le nostre aziende semplificazioni ed ecobonus sono due strumenti da sfruttare nel migliore dei modi”.

Ance Viterbo 


Condividi la notizia:
1 agosto, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR