Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Il giornale di mezzanotte - Economia - Secondo l'Arsial quello viterbese è tra i territori vinicoli di grande interesse storico-paesaggistico del Lazio

Monti Cimini, le aree di produzione del Greco possono ottenere lo status di vigneto eroico

Condividi la notizia:

Un vitigno del Lazio

Un vitigno del Lazio

Viterbo – (s.s.) – Il governo stabilisce i criteri per il riconoscimento del titolo di vigneto storico e vigneto eroico.

Possono ottenere il primo status quelli segnalati in una superficie o particella prima del 1960. La loro coltivazione deve essere caratterizzata da pratiche e tecniche tradizionali.

I secondi, invece, sono quelli che ricadono in aree soggette a rischio idrogeologico, nelle isole, in zone di particolare pregio paesaggistico o in aree con grandi impedimenti alla meccanizzazione.

I vigneti eroici devono inoltre essere in possesso di almeno uno di quattro requisiti: una pendenza media superiore al 30%, un’altitudine media superiore ai 500 metri, la sistemazione degli impianti viticoli su terrazze e gradoni oppure la presenza nelle piccole isole, dove la superficie complessiva del territorio non superi i 250 chilometri quadrati.

Gli interventi in favore dei vigneti storici ed eroici – spiega l’Arsial – saranno finalizzati al recupero, al ripristino, alla manutenzione e alla salvaguardia delle superfici“.

Sempre secondo l’agenzia regionale per lo sviluppo e l’innovazione dell’agricoltura del Lazio, lo status di vigneto eroico è applicabile in regione a svariati territori vinicoli di grande interesse storico-paesaggistico. Alcuni di loro sono le isole di Ponza e Ventotene con gli autoctoni Biancolella, Forastera, Guarnaccia, Piedirosso, la zona di Campo Soriano a Terracina con il vitigno Moscato di Terracina, l’area di Affile, Olevano Romano e Piglio con il Cesanese, la Valle di Comino con i vitigni Maturano, Capolongo, Pampanaro, Lecinaro e Uva Giulia, una porzione dei Castelli Romani con i vitigni Malvasia del Lazio e Nero Buono, l’Altopiano Reatino con il Cesenese nero e l’area dei Monti Cimini con il Greco.

Anche la Tuscia, dunque, potrebbe fregiarsi di una serie di vigneti eroici alle porte di Viterbo.

Samuele Sansonetti


Condividi la notizia:
20 agosto, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR