Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

il giornale di mezzanotte - Economia - Sabina Aveta di Mujer donna commenta il via degli sconti del primo agosto - I commercianti raccontano la giornata di chi è dietro un bancone in tempi di Coronavirus - Simona Ciccioni di Nuna Lie spiega che dopo il lockdown "è stato importante ripartire"

“I saldi non sembrano proprio essere partiti, non c’è un’anima da questa mattina”

di Maurizia Marcoaldi
Condividi la notizia:

Viterbo – “I saldi non sembrano proprio essere partiti, non c’è un’anima da questa mattina”. Sabina Aveta è da 30 anni in via Saffi. Mujer donna e Mujer uomo cercano di resistere in una delle vie del centro storico di Viterbo in maggiore difficoltà. Neanche i saldi aiutano a prendere una boccata d’aria. 

“Sta andando malissimo, non c’è nessuno – spiega Sabina -. I saldi non sembrano proprio essere partiti. E’ una situazione costante da quando abbiamo riaperto.”


Viterbo - Sabina Aveta all'ingresso di Mujer donna

Viterbo – Sabina Aveta all’ingresso di Mujer donna


Sì, perché quest’anno si parla di riaperture e di lockdown. L’estate 2020 è un’estate “diversa” sotto molti punti di vista, compresi quelli che riguardano lo shopping. Mascherine sul viso e gel disinfettante tra le mani. Così i clienti varcano la soglia dei negozi. La pandemia di Covid-19 ha imposto nuovi ritmi e abitudini. 

La stagione dei saldi prende il via tradizionalmente nella prima settimana di luglio, con date variabili da regione a regione, ma a causa dell’emergenza globale tutto è stato posticipato al primo agosto. Una partenza in sincrono praticamente per tutte le regioni. La decisione è stata presa dalla conferenza delle regioni e delle province autonome, presieduta da Stefano Bonaccini. In molte regioni però è stato sospeso il divieto di effettuare promozioni nei 30 giorni precedenti, dando il via a una maxi stagione di prezzi ribassati. A intraprendere questa strada anche il Lazio.

 “Noi siamo partiti subito con delle promozioni – spiega Sabina di Muyer donna -. A parte qualche affezionato cliente, che è comunque passato in negozio, per il resto è andata male. Il Covid-19 ha inciso tantissimo. Abbiamo quasi l’80% in meno di incasso quest’anno. Va male, male, male. Non si sa quanto si resisterà ancora”.


Viterbo - Il corso nel giorno dei saldi del promo agosto

Viterbo – Il corso nel giorno dei saldi del promo agosto


A incidere la paura della diffusione dei contagi e anche l’annullamento delle cerimonie. “La gente non esce ancora, ha paura – aggiunge Sabina –. Io lavoro molto con cerimonie e battesimi e quest’anno il Coronavirus ha azzerato tutto. Si lavora con qualche compleanno e con i diciottesimi, ma comunque è tutto fermo. La stagione primavera-estate ormai è bruciata e la paura rimane anche per l’autunno. Posso solo dire che qualche turista c’è, ma certo non fa la differenza”.  

La decisione di posticipare i saldi è stata presa essenzialmente per permettere ai negozianti di rincorrere una parte delle vendite a prezzo pieno andate perse nelle settimane di lockdown. 

Luciano Di Marco invita ad aspettare l’esito della stagione per fare un primo bilancio. Di Marco sport è in via Roma e sono tanti gli anni di attività alle spalle.  “Nei momenti di crisi come questa – spiega Luciano di Marco – i saldi o le vendite promozionali si fanno tutto l’anno. Anche noi abbiamo le nostre spese e andiamo incontro al cliente. Io direi: facciamo finire i saldi e poi magari possiamo fare un bilancio”.


Viterbo - Luciano Di Marco all'ingresso di Di Marco sport


Ma di fatto partire il primo agosto è un rischio. In tanti avranno scelto la spiaggia per cercare un po’ di refrigerio in un sabato rovente e con temperature da bollino rosso in molte città italiane. Ieri Viterbo è stata una delle 14 città più calde d’Italia. Ed è anche stato il primo vero weekend di vero esodo estivo verso le località turistiche.

“Non c’è stato un gran movimento – aggiunge Luciano -. Bisogna anche dire che le temperature così alte non agevolano. C’è pochissima gente in giro anche perché non è invitante una temperatura del genere”. 

Gaetano Labellarte dell’atelier di abiti sartoriali e da cerimonia spiega che “il discorso dei saldi è da archiviare”.

“Il Covid ha chiaramente inciso, i problemi sono sotto gli occhi di tutti. E’ una nazione messa a terra – aggiunge -. La mancata regolamentazione, dove oggi si dice una cosa e domani un’altra, ha inciso ancora di più”.

 E sui saldi Labellarte precisa che “sono  stati fatti già da inizio riapertura, non è cambiato niente rispetto ai giorni precedenti”. 


Viterbo - Il negozio di Gaetano Labellarte


Proseguendo via del Corso c’è anche Nuna Lie e qui Simona Ciccioni parla di una ripartenza diesel, ma che comunque può essere considerata un buon segnale dopo il periodo di lockdown.  “E’ il primo giorno dei saldi e non ci possiamo lamentare – spiega -. Non c’è tantissima gente, però diciamo che l’avviamento vendite da noi sta funzionando. Il Coronavirus ha sicuramente inciso, come sta incidendo anche il caldo e il primo giorno di esodo vero e proprio verso il mare. Diciamo quindi che sono saldi un po’ diversi rispetto all’anno scorso, ma non ci lamentiamo. Anzi non possiamo lamentarci perché l’importante è stato comunque ripartire e aver ripreso a lavorare. Tutto quello che si incassa va comunque benissimo”.


Viterbo - Simona Ciccioni all'ingresso di Nuna Lie

Viterbo – Simona Ciccioni all’ingresso di Nuna Lie


Poche le persone in questo sabato di primo agosto. Qualcuno si intrattiene fuori i bar per due chiacchiere o per mangiare un gelato. Qualcun altro si fa la foto sulla fontana di piazza delle Erbe. Forse sono due turisti. E in pochi lasciano i negozi con le buste tra le mani. 


Viterbo - Maelle, il negozio di Valentina Micci

Viterbo – Maelle, il negozio di Valentina Micci


In via Matteotti la situazione non cambia. Anche qui poco viavai. Maelle, di Valentina Micci, pensa ai più piccoli. Qui l’abbigliamento, per bambini e adolescenti, anche da cerimonia. “Non c’è stato molto movimento – spiega Valentina Micci -. I saldi non sono come gli altri anni, sono a rilento. A incidere in generale sulle vendite anche lo stop di battesimi, comunioni e cresime”. 

Maurizia Marcoaldi


Condividi la notizia:
2 agosto, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR