Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Montefiascone - Il capogruppo di maggioranza Sandro Leonardi replica ai consiglieri d’opposizione sulla selezione per l’assunzione di quattro agenti a tempo determinato part time

“Selezione polizia locale, la prova è a tutti gli effetti regolare”

Condividi la notizia:

Sandro Leonardi

Sandro Leonardi

Montefiascone - Il comando di polizia locale

Montefiascone – Polizia locale

Montefiascone – “Selezione polizia locale, la prova è a tutti gli effetti di legge regolare”. Il capogruppo di maggioranza Sandro Leonardi replica ai consiglieri d’opposizione de La città nuova e del M5s in merito alla selezione pubblica per l’assunzione di quattro agenti di polizia locale a tempo determinato part time, che si è svolta a Montefiascone nel settembre 2019.

“Noi abbiamo fatto tutto in regola – spiega Sandro Leonardi -, perché il nostro piano anti corruzione non prevedeva l’anonimato per le prove a risposta multipla. È necessario mantenere l’anonimato per il tema come previsto per legge, lì è obbligatorio mantenerlo. Invece quando fai una prova a quiz non c’è margine di fraintendimenti: la risposta o è corretta o è sbagliata. Quindi l’opposizione ha voluto far capire che ci sia qualcosa di anomalo ma non è così”.

I consiglieri di opposizione Cicoria, Cimarello, Moscetti e De Santis, in merito proprio alla selezione, hanno scritto all’Autorità nazionale anticorruzione (Anac) e quest’ultima ha risposto nei giorni scorsi.

“L’Anac – continua Sandro Leonardi – ha dato un’indicazione ma non può intervenire su quello che noi abbiamo fatto. In questo caso l’anonimato è inesistente, cosa invece diversa nel caso di un concorso pubblico. Per quanto riguarda l’assunzione di quattro agenti di polizia locale a tempo determinato part time stiamo parlando di una selezione per tre mesi, che non è un concorso pubblico, fatta a quiz a risposta multipla e che quindi non necessita di anonimato in quanto non c’è nessuna espressione di giudizio”.

Il capogruppo risponde all’opposizione che la prova è a tutti gli effetti di legge regolare.

“Ci sono ben quattro sentenze del consiglio di stato – aggiunge il capogruppo di maggioranza – che dicono che la prova a quiz a risposta multipla non necessita dell’anonimato. Di cosa stanno parlando? Quindi la prova è a tutti gli effetti di legge regolare. Inoltre nessuno dei concorrenti ha fatto ricorso. Noi abbiamo fatto tutte le cose regolari come previsto per legge e la risposta dell’Anac è stata chiara”.


Articoli: – “Prova selettiva per quattro agenti di polizia locale, è tutto regolare?” – “Concorso polizia locale, anche per l’Anac gli elaborati scritti dovevano essere anonimi”


Condividi la notizia:
2 agosto, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR