Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Crisi in comune - Ricci (Pd) sul tutti contro tutti in maggioranza

“Strappassero finalmente la corda, invece di tirarla…”

Condividi la notizia:

Viterbo - Alvaro Ricci

Viterbo – Alvaro Ricci

Viterbo – (s.m.) – Nulla di nuovo sotto il sole d’agosto. Per Alvaro Ricci, consigliere comunale Pd, la crisi aperta in comune è “un film già visto”. Tant’è che l’opposizione a Palazzo dei Priori chiede le dimissioni del sindaco Giovanni Arena per chiudere un’esperienza che, per Ricci & co., non fa bene alla città. 

Per risalire alla genesi del tutti contro tutti nella maggioranza di centrodestra in comune bisogna guardare a quelle che Ricci definisce “le puntate precedenti”. “Era prevedibile che si sarebbe arrivati a questo – dice il consigliere Pd -. Sembra di assistere alla riedizione del secondo mandato Gabbianelli o alla giunta Marini, cui la maggioranza bocciò perfino il bilancio e conobbe diecimila rimpasti. Non a caso al ballottaggio, due anni fa, votai per Chiara Frontini: serviva aria nuova contro una coalizione trita, ritrita e litigiosa”. 

Se le divisioni pesano al punto da portare alla paralisi tanto vale darci un taglio, secondo Ricci: Viterbo ringrazierebbe. “Il risultato del rendiconto è drammatico – spiega -. La città sporca, la discussione bloccata in consiglio per mesi sulla piscina, il patrimonio di opere pubbliche ereditato dall’amministrazione precedente non portato a termine. Penso al depuratore, al parcheggio delle fortezze e fuori porta Faul, all’area camper, alle asfaltature. In due anni non c’è un’opera degna di nota targata Arena: tutti i cantieri sono di appalti precedenti, il che significa che, benché la giunta Michelini avesse problemi enormi, riusciva a lavorare per la città. Questa no. E non si può dire che mancano i soldi: il rendiconto certifica che ci sono e non vengono spesi”.

Una crisi che, per Ricci, è figlia delle divisioni interne, ma anche del pressing dell’opposizione, che ha portato davanti all’Anac e alla Corte dei conti le pratiche dell’appalto ponte per l’igiene urbana e dell’affidamento della piscina comunale. “Abbiamo messo in luce la loro incapacità di governare – afferma l’esponente Pd -, data anche da un’impreparazione amministrativa che la precedente giunta non aveva”.

All’ultimo consiglio comunale di giovedì scorso, la Lega ha ritenuto di votare il rendiconto ma non è voluta andare avanti con le altre questioni, tra cui il nodo piscina; sullo stesso tema era stata recalcitrante tempo fa, non approvando – inizialmente – la modifica del regolamento degli impianti sportivi comunali, propedeutica all’affidamento della piscina alla Fin e all’istituzione del centro federale. “Io credo che condividano le nostre obiezioni”, dice Ricci, che invece ha più difficoltà a spiegarsi l’atteggiamento di Giulio Marini, fresco di autosospensione, in una fase in l’equilibrio di Arena & è così precario. 

Su Fratelli d’Italia, invece, per il consigliere Pd, “la volontà di aprire la crisi è del tutto evidente. Non votare il rendiconto è una sfiducia al sindaco”. Sono tornati sui loro i passi, dopo aver abbandonato il lungo consiglio comunale di martedì, facendo saltare l’approvazione. Alla fine, due giorni più tardi, il rendiconto è passato. “Uscire dall’aula durante quella votazione è un atto politico forte, trattandosi del documento contabile con cui si giudica l’operato dell’amministrazione – rileva Ricci -. O è un grave errore, ma parliamo di un partito politicamente navigato, o è una stroncatura della tua maggioranza. E ci sta che condividano le nostre critiche: si recriminano immobilismo a vicenda, si incolpano gli uni con gli altri. Il risultato non cambia: la città è ferma. Ma allora siano consequenziali e diano uno strappo netto alla corda, invece di limitarsi a tirarla”. 

Ricci mette sul piatto anche un’altra ipotesi su FdI, guardando alla congiuntura nazionale. “La Lega cala, Meloni cresce: sono dinamiche condizionanti anche a livello locale e provinciale – osserva -. A Civita Castellana ci saranno presto le elezioni: è il secondo paese del Viterbese. La tentazione di sfruttare l’onda del consenso e andare a nuove elezioni anche a Viterbo potrebbe esserci e sarebbe legittima dal punto di vista di Fdi, ma non della città. Poi, quello che succederà concretamente secondo me è un’altra cosa: Arena cercherà di rimettere insieme i cocci e tra sei mesi staremo a parlare dell’ennesima crisi. Ma sarebbe un grave errore”. 


Articoli: Il sindaco Arena: “Se ci fosse chi vuol far cadere l’amministrazione, dovrebbe andare al Cim…”  – Arena pronto ad azzerare la giunta – Arena: “Non tollererò più certi atteggiamenti” – Marini (FI): “Non fanno lavorare il sindaco” – Micci (Lega): “Serve la verifica, FdI spieghi che succede” –  Frontini: “Arena sta scrivendo la pagina più triste della storia della città” – Barelli: “Si sancisce una crisi profonda”  –  Mauro Proietti, commissario FI: “Basta ricatti e giochini di palazzo…” –  Patrizia Prosperi e Manuela Benedetti segretarie Pd: “Il sindaco Arena si dimetta e si vada alle elezioni…” – Marini si autosospende dalla maggioranza e restituisce la delega all’Ambiente –  Passa il rendiconto ma la maggioranza è alla resa dei conti –  Arena: “Subito la verifica”, FdI ritorna in consiglio e si apre la crisi – Buzzi (FdI): Buzzi (FdI): “Noi sempre leali in maggioranza e siamo stati presi a calci” 


Condividi la notizia:
10 agosto, 2020

Crisi giunta Arena ... Gli articoli

  1. Crisi in comune, ancora tutto in alto mare
  2. "Hanno 'venduto' Viterbo alla partitocrazia e raccolto solo briciole..."
  3. Luigi Buzzi (Fdi): "La candidatura a sindaco a Civita Castellana può avere avuto un ruolo anche a Viterbo"
  4. “Mentre la città è allo sbando e nel degrado, Arena scherza e fa ironia sulla pelle dei viterbesi ”
  5. "Incomprensioni superate, ora decoro della città e opere strategiche"
  6. "Incredibili le affermazioni inesatte dell'opposizione..."
  7. "La priorità di Viterbo non è la piscina, pensiamo alle cose serie"
  8. "Con questa maggioranza non ci può essere nessuna collaborazione né dialogo"
  9. "Dal sindaco non fantasie ma interventi concreti per far ripartire la città"
  10. "Arena è capace di tutto fuorché di risolvere i problemi..."
  11. "Prima la città, poi pensiamo al rimpasto"
  12. "Arena non garantisce neppure la pulizia delle strade, si dimetta e si vada a elezioni"
  13. "Inopportune le dichiarazioni di Arena e Marini, la voglia di stravolgere la realtà non è passata"
  14. "Pronti a fare squadra per il bene della città"
  15. "Gli interessi di partito messi prima del territorio"
  16. "Non c'è niente di peggio della rabbia dei buoni..."
  17. "Il malessere c'era già da tempo, l'abbiamo solo sollevato..."
  18. "In maggioranza a tutti professano fiducia al sindaco ma nessuno ce l'ha"
  19. La crisi entra nel vivo, lunedì Arena incontra i partiti
  20. "Non possiamo permetterci un commissario"
  21. “Ci sarà un rimpasto e Santucci pagherà pegno, nient'altro”
  22. "Io il peggior nemico? Voglio bene al sindaco Arena come a un fratello"
  23. "Il peggior nemico Arena ce l'ha in casa ed è Marini..."
  24. "Marini, Muroni e Achilli firmino la sfiducia ad Arena"
  25. "Col rimpasto di giunta la coalizione ritrovi stabilità"
  26. Anche Muroni e Achilli si autosospendono dalla maggioranza
  27. "Se ci fosse chi vuol far cadere l'amministrazione, dovrebbe andare al Cim..."
  28. Arena pronto ad azzerare la giunta
  29. "Non tollererò più certi atteggiamenti"
  30. Frontini: "Arena sta scrivendo la pagina più triste della storia della città" - Barelli: "Si sancisce una crisi profonda"
  31. "Quando si sta in un partito si rispettano le decisioni prese"
  32. "Basta ricatti e giochini di palazzo..."
  33. Marini (FI): "Non fanno lavorare il sindaco" - Micci (Lega): "Serve la verifica, FdI spieghi che succede"
  34. Marini si autosospende dalla maggioranza e restituisce la delega all'Ambiente
  35. Passa il rendiconto ma la maggioranza è alla resa dei conti
  36. "Il sindaco Arena si dimetta e si vada alle elezioni..."
  37. Arena: "Subito la verifica", FdI ritorna in consiglio e si apre la crisi
  38. "Pronto ad ascoltare proposte, purché non sia un dialogo tra sordi"
  39. "Noi sempre leali in maggioranza e siamo stati presi a calci"
  40. "Il sindaco in consiglio dica se ha ancora una maggioranza"
  41. "Arena apra la crisi dimettendosi e verifichi se ha una maggioranza che lo sostiene..."
  42. "La maggioranza sta mandando in malora la città, Arena si dimetta"
  43. Resa dei conti nel centrodestra, giunta Arena in crisi
  44. "Una crisi senza precedenti al comune di Viterbo"
  45. Fdi non si presenta, salta l'approvazione del rendiconto ed è crisi in maggioranza

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR