Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Politica - Lo sostiene il consigliere comunale Pasquale Marino

“Civitavecchia-Orte, si stanzino fondi europei per il tracciato viola”

Condividi la notizia:

Pasquale Marino

Pasquale Marino

Civitavecchia – Riceviamo e pubblichiamo – Il territorio deve raccogliere la sfida della responsabilità e marciare unito verso il completamento della Civitavecchia-Orte.

Dopo le recenti decisioni della Corte europea circa il percorso meno impattante, scartando, tra le varie possibilità proposte, quello verde e proponendo il tracciato viola, è lecito attendersi che il Tar Lazio decida al più presto, indicando eventuali condizioni e prescrizioni.

Una cosa è però certa: il tragitto viola sarebbe sicuramente più oneroso, perché gran parte del percorso correrà in gallerie da realizzare.

Il governo ha dichiarato che l’opera è strategica e quindi c’è anche la volontà politica nazionale di realizzarla. Bene, ma è anche giusto non danneggiare e preservare la Valle del Mignone così come richiede il sindaco di Tarquinia, Alessandro Giulivi, come fanno i cittadini di Tarquinia (ma in fondo anche i cittadini di Civitavecchia) e le associazioni ambientaliste che si battono per il rispetto della natura.

Ma se i quasi 500 milioni stanziati non dovessero bastare per i chilometri da realizzare sottosuolo, è evidente che occorrerà trovarne altri: per esempio i fondi europei.

Il territorio, il porto, le regioni Lazio, Umbria (con le acciaierie di Terni) e Marche non possono più aspettare questa opera inserita nel collegamento alle reti trans europee dei trasporti ‘Ten -t’, prevista anche da diversi anni dall’Europa con il progetto ‘corridoio Ten-t5’.

E proprio l’Europa deve avere come controparte un territorio e istituzioni unite (comuni di Civitavecchia, Tarquinia, Monte Romano oltre ad Anas, Autorità portuale, enti e associazioni interessati) nel chiedere di investire davvero e subito i fondi di cui tanto si parla.

L’amministrazione comunale di Civitavecchia, ne sono personalmente certo, non è mossa da alcuna volontà di prevaricazione ma da spirito di vera collaborazione. Ritrovata la sintonia anche su altri grandi temi come Enel, termovalorizzatori, Interporto, tratta ferroviaria, il territorio potrà dire la sua.

Pasquale Marino
Consigliere comunale


Condividi la notizia:
9 settembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR