Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Carabinieri - Ha patteggiato 15 mesi - Numerosi sequestri negli ultimi mesi nella Tuscia

Escalation di arresti per spaccio di eroina, processato per direttissima il pusher della Pila

Condividi la notizia:

Viterbo - Via Carlo Cattaneo

Viterbo – Via Carlo Cattaneo

Viterbo – (sil.co.) – Escalation di arresti per spaccio di eroina nel capoluogo. L’ultimo risale a lunedì sera, quando i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Viterbo hanno sorpreso – per l’ennesima volta in via Carlo Cattaneo – un noto pregiudicato italiano sulla quarantina, tenuto d’occhio da qualche tempo in quanto sospettato di essere lui il punto di riferimento della zona, mentre vendeva 5 grammi di sostanza a un assuntore. 

Nell’abitazione del pusher, residente lungo la stessa via, i militari hanno quindi rinvenuto e sequestrato altri 4 grammi dello stesso stupefacente oltre al materiale necessario per il confezionamento delle dosi. 

Concitate le fasi dell’arresto. Nel corso della perquisizione domiciliare, infatti, il quarantenne ha provato a disfarsi dello stupefacente che aveva in casa, lanciando diverse dosi dalla finestra, non calcolando che proprio sotto il suo balcone c’erano altri carabinieri a vigilare lungo la strada. 

L’uomo, ristretto ai domiciliari, è comparso martedì mattina davanti al giudice Elisabetta Massini per l’udienza di convalida, avvalendosi della facoltà di non rispondere, ma ammettendo di avere fatto uno sbaglio durante spontanee dichiarazioni.

Processato per direttissima, il quarantenne, difeso dall’avvocato Marzia Fiorucci, ha patteggiato 15 mesi e 300 euro di multa, con lo sconto di un terzo previsto dal rito alternativo, ed è stato rimesso subito in libertà, avendo potuto beneficiare della sospensione della pena. 


– Spaccio di eroina in via Carlo Cattaneo


Allarme eroina nel capoluogo

Non solo la decina di grammi di eroina sequestrati dai carabinieri del Norm all’inizio di questa settimana.

Un paio di settimane fa un 37enne del Pilastro è stato arrestato dai carabinieri dopo essere stato sorpreso a spacciare anche lui eroina nel parcheggio antistante un ristorante: complessivamente gli sono stati sequestrati una decina di grammi di stupefacente.

All’inizio di agosto, sempre nel capoluogo e sempre dai carabinieri, è stato arrestato un altro pusher, beccato con 6 grammi di eroina suddivisa in dosi,  che spacciava “a domicilio” all’interno di una palazzina.

Il 16 luglio, a Santa Barbara, è scattata la misura di custodia cautelare degli arresti domiciliari per un 33enne, già fermato il 12 maggio dai carabinieri del Norm di Viterbo all’uscita della superstrada, in macchina con la fidanzata, la quale nascondeva tre ovuli di eroina nelle mutandine per  un totale di circa 16 grammi di eroina.

Sempre a luglio, un 34enne viterbese che tornava da Roma in treno ha dimenticato a bordo un astuccio contenente cinque involucri di eroina, che ha poi tentato di recuperare spacciandoli per farmaci salvavita. 


Sequestri anche a Sutri, Vetralla e Piansano

All’inizio di maggio, i carabinieri della stazione di Vetralla hanno bloccato un uomo sulla trentina mentre cedeva 2 dosi di eroina per circa un grammo di stupefacente a un assuntore.

A fine aprile, a Piansano, durante il lockdown, dopo avere forzato un posto di blocco dei carabinieri, è finita in manette una donna, trovata in possesso di 3 grammi di eroina suddivisa in dosi.

Caso analogo a metà aprile a Sutri, dove i carabinieri hanno arrestato un giovane sorpreso con due grammi di eroina che aveva tentato la fuga durante i controlli per il rispetto della quarantena. 


Condividi la notizia:
24 settembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR