Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Lo ha scoperto Alberto Saccarello, il ragazzo che da quattro giorni sta pulendo il marciapiede "perché - ha detto - mi vergogno dello stato in cui si trova la città in cui abito" - FOTO E VIDEO

Il muro di fronte alla stazione dei treni di Porta Romana rischia di crollare

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:


Viterbo – Il muro di fronte alla stazione dei treni di Porta Romana rischia di crollare da un momento all’altro. E ad abbatterlo saranno le acacie. A Viterbo, la città che si voleva turistica e che invece dopo il lockdown s’è risvegliata sporca e con le cose che cadono a pezzi.

Come appunto il muro davanti alla stazione. Più a valle c’è pure  un distributore di benzina che s’affaccia sulla Cassia. Il tutto a qualche centinaio di metri dalla principale porta d’ingresso alla città, dalla questura e dalla Asl. Davanti, la stazione dei treni da cui arrivano persone e turisti da Roma.


Viterbo - Il muro davanti alla stazione di Porta Romana

Viterbo – Il muro davanti alla stazione di Porta Romana


La scoperta l’ha fatta Alberto Saccarello, il ragazzo che qualche settimana fa s’è messo a pulire la discarica, l’ennesima del capoluogo, e le erbacce, Viterbo ne è piena, di fronte alla stazione dei treni di Porta Romana dove c’è ancora la carcassa di una cabina telefonica.



Saccarello, un ventenne che lavora a Civitavecchia ma è nato e cresciuto a Viterbo, ha iniziato a pulire il tratto dove parcheggiano le macchine “perché – ha detto – mi sono vergognato dello stato in cui era ridotto. Mi vergognavo che i miei amici, che sarebbero scesi di lì a poco dal treno, vedessero la città in cui abito in questa maniera”.


Viterbo - Alberto Saccarello

Viterbo – Alberto Saccarello


Quattro giorni di pulizie, con persone che mano mano si sono aggregate. Da Gennaro Castiello a Fabrizio Rocchi. Per terra, a pochi passi dalla stazione dei treni, hanno trovato bottiglie, plastica, pezzi di macchina, tavolette da bagno, siringhe eccetera. E a forza di pulire, la scoperta, facendosi largo tra erba e sporcizia. “Dietro alla vecchia cabina dei telefoni – fa notare Saccarello – il muro s’è letteralmente incurvato, piegato. Le acacie spingono. E a breve, questa l’impressione a occhio nudo, rischiano di buttarlo giù”. Chili di roba che potrebbero cadere qualcuno. Visto che da quelle parti c’è una stazione dei treni con gente, studenti e turisti che li vanno a prendere. Per tornare a casa oppure andare a scuola. A pochi metri di distanza dal muro c’è anche un distributore di benzina. 


Viterbo - Il lavoro di pulizia di Alberto Saccarello

Viterbo – Il lavoro di pulizia di Alberto Saccarello


In quel tratto le radici delle piante si sono infilate nel muro, spingendolo mano mano verso l’esterno. In quel punto Saccarello ha sospeso i lavori, proseguendoli attorno. L’ennesimo caso di incuria, e in questo caso pure di pericolo.

Daniele Camilli


Multimedia: Fotogallery: Le pulizie di fronte alla stazione dei treni – Video: Il muro che rischia di crollare

Articoli: “Ho pulito il marciapiedi davanti alla stazione di Porta Romana perché mi sono vergognato per come era tenuto”


Condividi la notizia:
30 settembre, 2020

Ripartiamo da San Pellegrino ... Gli articoli

  1. "Il museo civico è abbandonato e le sue opere sono tenute male..."
  2. "Pietà e Flagellazione sono tenute male e il civico più che un museo sembra un magazzino"
  3. La torre "azzoppata" di via della Pace...
  4. "Museo civico, chiederò l'accesso agli atti per capire meglio cosa hanno fatto gli studenti di beni culturali e a che titolo"
  5. L'eterna saga dei cavi a Piazza San Carluccio che il comune ancora non ha tolto...
  6. Pianoscarano, l'erba in via dei giardini ha circondato pure Padre Pio...
  7. "Appena possibile il dipinto del '700 sarà nuovamente visibile"
  8. Il ponte Camillario rischia di scomparire e con i luoghi dove furono uccisi Ilario e Valentino
  9. Sebastiano del Piombo danneggiato e trafitto dall'incuria
  10. Topi, insetti, polvere e incuria... l'abbandono del museo civico di Viterbo
  11. Lo scandalo della facciata graffita di via Annio, violentata da tubi, incuria e abbandono
  12. "Centro storico, per risolvere i problemi di incuria e degrado ci sono soldi e strumenti, ma il comune non ha idee e non vuole farlo"
  13. "Ho ripulito la zona davanti a Santa Maria delle Fortezze, il comune venga almeno a ritirare i sacchi"
  14. Il dipinto del '700 "scomparso" sta per essere restaurato
  15. Il dipinto del '700 "scomparso" in via Saffi...
  16. Il cimitero di San Lazzaro tra monumenti e degrado
  17. L'arco dell'incuria, abbandonato a sè stesso e con le transenne che stanno lì da mesi
  18. Nella Spoon River cittadina ci sono testimoni preziosi e irripetibili
  19. Via delle Mole... dove per colpa del degrado la gente rischia di rompersi il collo
  20. Niente museo della macchina di santa Rosa, il centrodestra preferisce le lucine di Natale
  21. "Ecco come viene tenuto in considerazione il nostro patrimonio culturale"
  22. "Salvaguardiamo la bellezza del quartiere San Pellegrino che tutto il mondo ci invidia"
  23. Il muro a piazza San Carluccio verrà ripulito per poi mettere in sicurezza i cavi...
  24. Salviamo la Spoon River della città di Viterbo
  25. E' il tempo che abbiamo speso per la nostra città a renderla così importante...
  26. Il degrado parte dal centro storico e arriva fino alle frazioni
  27. Va in malora pure la finestra di piazza del comune da cui si sono affacciati papi e primi ministri
  28. "Il sindaco pensa al quartiere medievale mentre Bagnaia rimane un territorio di serie C"
  29. "La questione del centro storico va risolta e i cavi elettrici deturpanti vanno sistemati..."
  30. Transennato anche il muro che rischia di cadere davanti alla stazione di porta Romana
  31. L'abbandono di via delle Caprarecce, tra buche e transenne che stanno lì da anni
  32. Viterbo-Amsterdam 1-0, a piazza San Carluccio cavi elettrici transennati
  33. "Abbiamo restaurato il ponte sul torrente Freddano per amore della nostra terra"
  34. A San Pellegrino? Facciamo un po' come cazzo ci pare...
  35. Sopralluogo di e-distribuzione nel quartiere medievale "per effettuare lavori sugli impianti"
  36. Fogne a cielo aperto a via Santa Maria delle Rose, in pieno centro storico
  37. I cavi elettrici di piazza San Carluccio stanno ancora lì... nonostante tutto
  38. Incredibile il sindaco Arena non è ad Amsterdam e afferma: "Indecorosi i cavi esterni che deturpano le facciate..."
  39. I cavi elettrici di piazza San Carluccio pendono ancora sulle teste delle persone
  40. Cavi elettrici a rischio a San Carluccio, ci mette mano il prefetto
  41. "Viterbo 'turistica' sotto il palazzo dei Papi"
  42. Ma se non riescono a togliere fili pericolosi o stappare un tombino, come fanno a guidare una città?
  43. Cavi elettrici a rischio e incuria a piazza San Carluccio
  44. I fili e l'incuria che strangolano via e piazza San Pellegrino...
  45. Ebbene sì, il sindaco e la sua giunta vivono ad Amsterdam...
  46. Ma il sindaco Arena e la sua giunta vivono ad Amsterdam?
  47. "Ho pulito il marciapiedi davanti alla stazione di Porta Romana perché mi sono vergognato per come era tenuto"

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR