Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Catanzaro - Il gestore del locale: "Nel dpcm non c'è scritto l'orario di apertura"

Chude il bar a mezzanotte e lo riapre dopo un quarto d’ora, così aggira il coprifuoco

Condividi la notizia:

Bar

Bar

Catanzaro – Doveva chiudere il suo bar a mezzanotte e lo ha fatto. Ma appena un quarto d’ora dopo lo ha riaperto.

“Nel dpcm non c’è scritto l’orario di riapertura”. Così un commerciante di Catanzaro, titolare di un bar cornetteria con annessa una sala slot, che ha sempre lavorato h24, ha aggirato il coprifuoco, divenendo immediatamente star del web.

“Se il decreto prevede che io chiuda a mezzanotte, benissimo, lo faccio – ha spiegato il gestore, come riferisce Repubblica – Poi però nulla mi vieta di riaprire un quarto d’ora dopo, come da orari affissi da sempre all’esterno del mio bar”.

Saracinesche giù alle 24 e di nuovo su alle 00,15. E nulla hanno potuto nemmeno le forze dell’ordine, intervenute dopo appena dieci minuti. “Mi hanno intimato di chiudere – ha raccontato in un’intervista alla Nuova Calabria -. Io gli ho fatto presente quello che c’è nel dpcm, dove manca l’orario di riapertura”. Agli agenti non è rimasto altro da fare che riconoscere questa mancanza e consentire la prosecuzione dell’attività. 

“Sono un tipo meticoloso, lavoro da tempo con le slot machine – ha concluso – per questo sono abituato a leggere bene tutte le normative e i regolamenti per rispettarli alla lettera. In tanti anni di attività, ho subito centinaia di ispezioni e non ho mai preso una multa”.

 


Condividi la notizia:
17 ottobre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR