Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Treviso - L'idea di un gruppo di cantine venete che, distillando le vinacce, utilizzano l'alcol per produrre gel igienizzante: “Vogliamo dare una segno visibile di solidarietà a chi è impegnato in prima linea contro il Coronavirus”

“Col vino produciamo disinfettante per le mani”

Condividi la notizia:

Un vitigno

Un vitigno

Treviso – Produrre gel disinfettante per le mani a partire dalle vinacce.

Questa l’idea di un gruppo di cantine venete che ha deciso di contribuire attivamente alla situazione di emergenza.

A partire dalle vinacce, viene effettuata una distillazione che consente di estrarre l’alcol contenuto all’interno del prodotto, il quale viene poi utilizzato come base per produrre il gel.

“Nei mesi del Covid – racconta Giorgio Cecchetto, titolare dell’omonima azienda, una di quelle che ha guidato il gruppo di cantine nell’iniziativa – ci siamo dedicati al delivery. Portavamo il vino nelle case di chi lo voleva acquistare. All’inizio volevamo donare il ricavato di questa attività per noi nuova alla Regione Veneto. A maggio però, alla fine del lockdown, abbiamo pensato che la donazione a Palazzo Balbi, la sede della Regione, sarebbe stato un gesto banale. Così ci siamo rivolti all’Asl 2 e il dirigente ci ha confermato che quello di cui avevano bisogno era alcol disinfettante”.

“Avremmo potuto – aggiunge Cecchetto – scegliere una etichetta nostra, ma volevo coinvolgere più cantine possibile per dare una segno visibile della solidarietà dei veneti a chi è impegnato in prima linea contro il Coronavirus”

Già durante i mesi più duri dell’emergenza Coronavirus la ministra dell’agricoltura Teresa Bellanova aveva incoraggiato, stanziando 50 milioni di euro, a utilizzare il vino invenduto per produrre gel disinfettante. Ma i fondi stanziati, circa 30 euro a ettolitro, ritenuti irrisori dai produttori, e il fatto che le vendite di vino nei supermercati non sono crollate del tutto, avevano portato a uno scarso contributo da parte delle aziende produttrici di vino.


Condividi la notizia:
12 ottobre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR