Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - La sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa rassicura: "Devono stare a casa, non aumentano la pressione sugli ospedali"

“Due terzi dei nuovi contagiati sono asintomatici”

Condividi la notizia:

Laboratorio

Laboratorio

Roma – “Due terzi dei nuovi contagiati contati domenica sono asintomatici e questo significa parecchio dal punto di vista della gestione del virus: sono persone che devono stare a casa dieci giorni e rispettare certe regole, ma che non aumentano la pressione sugli ospedali”.

A dirlo è la sottosegretaria alla Salute, Sandra Zampa, che rassicura sulla situazione degli ospedali per questa nuova ondata di contagi da Covid-19 che sta investendo l’Italia

Intanto da oggi entrerà in vigore il nuovo dpcm presentato domenica sera dal premier Giuseppe Conte. Bar e ristoranti aperti fino a mezzanotte con consumo al tavolo, altrimenti chiusura entro le 18. Massimo di sei persone a ogni tavolo. Vietate sagre e fiere locali. Stop a convegni e congressi. Così come alle gare, le competizioni e le attività connesse agli sport di contatto aventi carattere ludico-amatoriale. Spetterà ai sindaci, inoltre, la possibilità di chiudere strade e piazze dove è possibile che si creino assembramenti, dalle 21.

“Ci attendiamo che queste nuove misure diano dei risultati” non subito, ma “fra qualche giorno. Ci aspettiamo di vedere i primi risultati entro almeno 6-7 giorni” ha spiegato. “Dobbiamo uscire dalla logica del lockdown e imparare la convivenza con il virus, sennò moriamo di qualche altra cosa”, ha detto Zampa intervenendo su La7, ribadendo comunque che “la salute viene prima di tutto”.

“Il fatto che si andava verso un tremendo coprifuoco è una notizia creata dai media – ha sottolineato la sottosegretaria Zampa – né io, né il ministro della Salute, né altri esponenti del governo abbiamo creduto che si dovesse andare verso il coprifuoco”.

Secondo la Johns Hopkins University, nel mondo i casi hanno quasi raggiunto quota 40 milioni, oltre un milione le vittime. Gli Stati Uniti sono il paese più colpito in termini di contagi e vittime. Le infezioni in Usa sono al momento 8.154.935. Seguono l’India con 7.550.273 contagi, il Brasile con 5.224.362, la Russia con 1.390.824. 


Condividi la notizia:
19 ottobre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR