Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Ripartiamo da San Pellegrino - La legge stabilisce che il degrado cittadino è responsabilità del sindaco Arena - I cittadini con i loro gesti posso contribuire a rendere più vivibile il comune

E’ il tempo che abbiamo speso per la nostra città a renderla così importante…

di Alfonso Antoniozzi
Condividi la notizia:

Alfonso Antoniozzi

Alfonso Antoniozzi

 

Viterbo - Fili scoperti a via San Pellegrino

Viterbo – Fili scoperti a via San Pellegrino

 

Piazza San Pellegrino nel degrado più completo

Piazza San Pellegrino nel degrado più completo

 

Piazza San Pellegrino nel degrado più completo

Piazza San Pellegrino nel degrado più completo

Viterbo – “È il tempo che hai speso per la tua rosa che l’ha resa così importante. Gli uomini hanno dimenticato questa verità – disse la volpe -. Ma tu non la devi scordare (…) Tu sei responsabile della tua rosa”.

Mi perdonerà, il direttore, se apro questo pezzo con una citazione da ‘Il Piccolo Principe’ per usarla come metafora per la nostra città, ma è bene ribadire che è il tempo che abbiamo speso per la nostra città a renderla così importante. Il tempo speso da tutti i “giardinieri” che ci hanno preceduto, da chi si è immaginato quelle architetture, quelle vie, l’uso di quelle pietre, insomma da chi decise di prendersi cura della propria rosa. Grazie alle cure amorevoli di quei giardinieri sorse il meraviglioso centro medievale, così sorsero le ville suburbane, così sorsero le piazze, le fontane, i profferli, i palazzi, i parchi.

Da tempo, di tempo da spendere per la nostra città non ne abbiamo più. O meglio, in larga parte dei casi lo si spende in una battaglia teorica, da tastiera, combattuta tra chi si lamenta delle magagne della nostra città o segnala episodi di degrado e chi la difende a spada tratta tacciando l’altro di non essere abbastanza viterbese, entrambi spinti da un malinteso senso di “civismo” che non affonda le sue radici nell’alto senso dei doveri del cittadino e del concittadino ma in una vuota e retorica faccenda di campanile.

La stessa idea di “Comune”, invenzione dell’Italia dell’undicesimo secolo, col tempo si è stemperata. Non più un organismo politico compartecipato che si contrappone ai signori feudali nel governo della Città ma organismo a sé stante, quasi una versione 2.0 del signore feudale il cui strapotere si intendeva sostituire. Quasi come se il “comune” non fosse quello che è (un’assemblea di concittadini scelti da altri concittadini per amministrare la città) ma una monade dispensatrice di bene o di male, sul cui operato i cittadini possono incidere pochissimo.

E invece, se il sindaco pare vivere ad Amsterdam insieme agli altri sindaci che l’hanno preceduto, e se quando viene tirato per la giacchetta dice che i cavi volanti del centro storico “non sono competenza del comune” (non è vero, e ci tornerò sopra più tardi) certamente i cittadini vivono a Viterbo. Come è possibile che abbiano, nel tempo, tollerato tutto questo?

Mi vengono in mente almeno due possibili risposte. La prima deriva dal ragionamento di cui sopra (“e che ci devo pensà io, ci deve pensare il comune!”), ovvero non ci sentiamo più responsabili della nostra rosa, del resto eleggiamo e paghiamo dei giardinieri che se ne occupino, perché lo dovremmo fare noi?

La seconda: l’abitudine alla bruttezza, il degrado che chiama altro degrado. Se dopo il primo filo che deturpa una facciata i cittadini non insorgono o il comune non interviene, ne arriva un altro, e poi un altro, e poi un altro, e la bruttezza cessa di essere tale e diventa normalità, e dalla facciata deturpata si passa all’abuso edilizio, al parcheggio selvaggio, alla brutta palazzina, all’orrendo centro commerciale.

Al sindaco Arena (e ai sindaci che l’hanno preceduto) varrà la pena ricordare che sì, il degrado cittadino è responsabilità sua. L’articolo 50, comma 5, del D.Lgs. n. 267/2000, ossia la Bibbia dell’amministratore, racconta che il sindaco, quale rappresentante della comunità locale, può adottare ordinanze contingibili e urgenti in relazione all’urgente necessità di interventi volti a superare situazioni di grave incuria o degrado del territorio, dell’ambiente e del patrimonio culturale o di pregiudizio del decoro e della vivibilità urbana. La legge gli dà dunque ampia possibilità di intervenire per fermare eventuali futuri episodi di degrado e, volendo, anche per imporre interventi immediati.

Se volesse invece sanare l’esistente, sarà dunque il caso che il sindaco e la sua amministrazione mettano pesantemente mano al nostro regolamento sull’ornato, che se la mia memoria non mi tradisce è molto stringente in caso di ristrutturazioni ma non interviene su situazioni pregresse. E, visti i farraginosi tempi della bizantina burocrazia italiana, potrebbe iniziare a dare il buon esempio sanando la scandalosa situazione dei cavi che deturpano il cortile interno del palazzo comunale che è squisita pertinenza dell’amministrazione, dunque può metterci mano quando vuole, se lo volesse.

Noi cittadini invece dobbiamo ricordare che dai nostri gesti, dai nostri comportamenti, dipende una città migliore. Dobbiamo ricordare che siamo responsabili della nostra rosa, perché è lei che abbiamo innaffiato, perché abbiamo messo lei sotto la campana di vetro, perché è lei che abbiamo riparato col paravento. Perché su di lei abbiamo ucciso i bruchi. Perché è lei che abbiamo ascoltato lamentarsi o vantarsi, o anche tacere qualche volta. Perché sono tutti questi gesti che hanno reso la nostra rosa una rosa speciale. Perché è la nostra rosa.

Alfonso Antoniozzi


Multimedia 1: Fotogallery: Il sopralluogo del sindaco Arena – Video: La Road map del comune
Multimedia 2: Fotogallery: Il muro transennato – Le pulizie di fronte alla stazione dei treni – Video: Il muro che rischia di crollare
Multimedia: Fotogallery: Lo scandalo di via delle Caprarecce – Piazza San Carluccio in sicurezza – Il sopralluogo di e-distribuzione – Piazza San Carluccio – Video: Transennati cavi e scatole – Cavi pericolosi  – Fotogallery: Una via strangolata dai fili– Piazza San Pellegrino deturpata – Video: I cavi lungo la strada 


Condividi la notizia:
19 ottobre, 2020

Ripartiamo da San Pellegrino ... Gli articoli

  1. "Il museo civico è abbandonato e le sue opere sono tenute male..."
  2. "Pietà e Flagellazione sono tenute male e il civico più che un museo sembra un magazzino"
  3. La torre "azzoppata" di via della Pace...
  4. "Museo civico, chiederò l'accesso agli atti per capire meglio cosa hanno fatto gli studenti di beni culturali e a che titolo"
  5. L'eterna saga dei cavi a Piazza San Carluccio che il comune ancora non ha tolto...
  6. Pianoscarano, l'erba in via dei giardini ha circondato pure Padre Pio...
  7. "Appena possibile il dipinto del '700 sarà nuovamente visibile"
  8. Il ponte Camillario rischia di scomparire e con i luoghi dove furono uccisi Ilario e Valentino
  9. Sebastiano del Piombo danneggiato e trafitto dall'incuria
  10. Topi, insetti, polvere e incuria... l'abbandono del museo civico di Viterbo
  11. Lo scandalo della facciata graffita di via Annio, violentata da tubi, incuria e abbandono
  12. "Centro storico, per risolvere i problemi di incuria e degrado ci sono soldi e strumenti, ma il comune non ha idee e non vuole farlo"
  13. "Ho ripulito la zona davanti a Santa Maria delle Fortezze, il comune venga almeno a ritirare i sacchi"
  14. Il dipinto del '700 "scomparso" sta per essere restaurato
  15. Il dipinto del '700 "scomparso" in via Saffi...
  16. Il cimitero di San Lazzaro tra monumenti e degrado
  17. L'arco dell'incuria, abbandonato a sè stesso e con le transenne che stanno lì da mesi
  18. Nella Spoon River cittadina ci sono testimoni preziosi e irripetibili
  19. Via delle Mole... dove per colpa del degrado la gente rischia di rompersi il collo
  20. Niente museo della macchina di santa Rosa, il centrodestra preferisce le lucine di Natale
  21. "Ecco come viene tenuto in considerazione il nostro patrimonio culturale"
  22. "Salvaguardiamo la bellezza del quartiere San Pellegrino che tutto il mondo ci invidia"
  23. Il muro a piazza San Carluccio verrà ripulito per poi mettere in sicurezza i cavi...
  24. Salviamo la Spoon River della città di Viterbo
  25. Il degrado parte dal centro storico e arriva fino alle frazioni
  26. Va in malora pure la finestra di piazza del comune da cui si sono affacciati papi e primi ministri
  27. "Il sindaco pensa al quartiere medievale mentre Bagnaia rimane un territorio di serie C"
  28. "La questione del centro storico va risolta e i cavi elettrici deturpanti vanno sistemati..."
  29. Transennato anche il muro che rischia di cadere davanti alla stazione di porta Romana
  30. L'abbandono di via delle Caprarecce, tra buche e transenne che stanno lì da anni
  31. Viterbo-Amsterdam 1-0, a piazza San Carluccio cavi elettrici transennati
  32. "Abbiamo restaurato il ponte sul torrente Freddano per amore della nostra terra"
  33. A San Pellegrino? Facciamo un po' come cazzo ci pare...
  34. Sopralluogo di e-distribuzione nel quartiere medievale "per effettuare lavori sugli impianti"
  35. Fogne a cielo aperto a via Santa Maria delle Rose, in pieno centro storico
  36. I cavi elettrici di piazza San Carluccio stanno ancora lì... nonostante tutto
  37. Incredibile il sindaco Arena non è ad Amsterdam e afferma: "Indecorosi i cavi esterni che deturpano le facciate..."
  38. I cavi elettrici di piazza San Carluccio pendono ancora sulle teste delle persone
  39. Cavi elettrici a rischio a San Carluccio, ci mette mano il prefetto
  40. "Viterbo 'turistica' sotto il palazzo dei Papi"
  41. Ma se non riescono a togliere fili pericolosi o stappare un tombino, come fanno a guidare una città?
  42. Cavi elettrici a rischio e incuria a piazza San Carluccio
  43. I fili e l'incuria che strangolano via e piazza San Pellegrino...
  44. Ebbene sì, il sindaco e la sua giunta vivono ad Amsterdam...
  45. Ma il sindaco Arena e la sua giunta vivono ad Amsterdam?
  46. Il muro di fronte alla stazione dei treni di Porta Romana rischia di crollare
  47. "Ho pulito il marciapiedi davanti alla stazione di Porta Romana perché mi sono vergognato per come era tenuto"

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR