Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Sanità - Egidio Gubbiotto (Confael): "Si corra ai ripari"

“Gli ospedali del Lazio iniziano a non reggere la pressione”

Condividi la notizia:

Egidio Gubbiotto

Egidio Gubbiotto

Roma – Riceviamo e pubblichiamo – ”L’allarme lanciato oggi dal presidente regionale della società italiana di medicina d’urgenza ed emergenza Giulio Ricciuto sulla situazione degli ospedali laziali è impressionante. Se la regione e la protezione civile non corrono ai ripari corriamo il rischio di fare saltare le emergenze non solo del Covid ma di tante altre patologie con i pronto soccorso e i reparti che non reggeranno questa pressione”.

Così Egidio Gubbiotto, segretario del comparto sanità della Confael, la Confederazione autonoma europea dei lavoratori, su quanto affermato oggi dal presidente del Simeu.

Gubbiotto ricorda che “ci sono tecnologie italiane invidiate in tutto il mondo, una di queste riguarda il settore dei mezzi speciali e dei moduli espandibili di grandi dimensioni in grado di erogare servizi di primo soccorso, tracciamento tamponi, terapie semintensive e intensive e servizi chirurgici fruibili dagli ospedali in casi di incremento della capacità produttiva, lavori di ampliamento e emergenze come quella che stiamo vivendo, come ricordato appena due giorni fa dal responsabile emergenze e grandi rischi di Fratelli d’Italia Sergio Pirozzi”.

Questa tecnologia utilizzata, fa presente il sindacalista, ”è di alto livello e una volta acquisita la padronanza dei processi l’interazione con medici ha potuto evidenziare il potenziale di queste soluzioni mobili, che può essere indicato come un progetto di sanità sostenibile”.

”Prima della pandemia di Coronavirus – ricorda Gubbiotto – nel nostro paese c’erano 5mila 179 posti letto in terapia intensiva. Altri 1450 sono stati aggiunti negli ultimi mesi per aiutare appunto gli ospedali a gestire l’emergenza. Ora questa emergenza si sta facendo più pressante, come ha giustamente fatto presente Ricciuto. Ma siamo indietro – ricorda infine Gubbiotto – ecco perché questa tecnologia può assorbire gran parte del servizio di emergenza non solo per il Covid ma anche per il primo soccorso e gli interventi chirurgici urgenti”.

Confael


Condividi la notizia:
27 ottobre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR