Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Corte d'assise - Feto nel cassonetto - Nominati i tre superperiti per il farmaco abortivo - La madre condannata a 5 anni e l'infermiere che rischia l'ergastolo saranno interrogati a febbraio

L’accusa: “Bimba nata viva” – La difesa: “Potrebbe avere sbattuto sul water”

di Silvana Cortignani

Condividi la notizia:

Il cassonetto di via Solieri dove è stato ritrovato il feto

Il cassonetto di via Solieri dove è stato ritrovato il feto

Elisaveta Alina Ambrus

La madre Elisaveta Alina Ambrus

Giallo di Ronciglione - Il terzo sopralluogo dei Ris - A destra, il pm Franco Pacifici

A destra, il pm Franco Pacifici

Samuele De Santis

Il difensore Samuele De Santis

Viterbo – “La bimba settimina trovata cadavere il 2 maggio 2013 in un cassonetto era viva e in salute al momento della nascita”. 

Lo ha ribadito più volte il pubblico ministero Franco Pacifici, secondo cui in un altro contesto sarebbe forse sopravvissuta, citando i professori Mauro Bacci e Massimo Lancia all’udienza di ieri del processo all’infermiere Graziano Rappuoli.

Per il pm sono già prova più che sufficiente le relazioni di Bacci (il medico legale che ha effettuato l’autopsia sul cadaverino) e di Lancia (uno dei consulenti dell’incidente probatorio durante il processo col rito abbreviato alla madre). Per la difesa potrebbe non essere stato un aborto al settimo mese di gravidanza indotto da un farmaco anti-ulcera, ma un parto precipitoso naturale finito in tragedia.

Adesso la parola passa a tre superesperti,  che dovranno esprimersi sugli effetti del Cytotec. Ieri finalmente il conferimento dell’incarico, a distanza di oltre un anno da quando è stato dato l’okay alla perizia collegiale. Un ritardo dovuto anche alla quarantena e alle successive prescrizioni dovute alla pandemia di Covid-19.

A distanza di quasi quattro anni dall’inizio del processo – la cui sentenza, comunque vada, avrà valenza nazionale – resta sempre aperto il dibattito sulla responsabilità o meno dell’operatore sanitario sessantenne originario di Tuscania che dal 24 febbraio 2017 è a giudizio davanti alla corte d’assise presieduta dal giudice Ettore Capizzi, Giacomo Autizi a latere, con l’accusa di omicidio volontario, occultamento di cadavere e esercizio abusivo della professione medica. Reati per cui rischia l’ergastolo. 

Rappuoli sarà interrogato il prossimo 8 febbraio e per quella data si cercherà di rintracciare anche la madre oggi trentenne della vittima, cui l’uomo ha procurato la ricetta falsificata di un farmaco abortivo dandole poi un passaggio in ospedale quando le è venuta una emorragia, durante il quale si è disfatta del corpo della piccina gettandolo nel cassonetto.

L’infermiere è accusato di omicidio e occultamento di cadavere in concorso con Elisaveta Alina Ambrus, madre all’epoca 23enne della piccina nata prematura e abbandonata tra i rifiuti in via Solieri al Salamaro il 2 maggio 2013.

La donna, d’origine romena già madre di un bambino nato nove mesi prima, a gennaio scorso veniva data ancora per reclusa in un carcere londinese, dove starebbe scontando la condanna definitiva a cinque anni. All’epoca 23enne e ballerina in un night, ha fatto perdere le sue tracce a novembre di sette anni fa, andandosene definitivamente dall’Italia, una volta finiti di scontare sei mesi di carcere preventivo tra Civitavecchia e Rebibbia.

Ambrus è stata condannata in via definitiva a cinque anni per feticidio, dopo la  riqualificazione del reato ottenuta in appello dal difensore Samuele De Santis, che assiste anche l’infermiere. 


L’accusa: “La piccina è nata sana e ha respirato”

Nessun dubbio per Pacifici che la secondogenita della donna, anche se settimina, sia nata assolutamente sana e abbia respirato. “La verità processuale c’è già. La prova sta nella fotografia del polmone che si è espanso. Quando ha superato il canale del parto era viva. La piccina, anche se prematura, non aveva alcuna patologia. Se fosse nata in ospedale e avesse avuto trattamenti sanitari adeguati, avrebbe potuto salvarsi”.

Sollecitata dal difensore De Santis, la corte d’assise ha disposto una superperizia sugli effetti collaterali del Cytotec, il farmaco per lo stomaco usato negli aborti clandestini in quanto sarebbe in grado di indurre le contrazioni.

Ieri sono stati nominati il medico legale Giancarlo Carbone, il ginecologo Marco Sani e il tossicologo Alfio Cimino, che dovranno riferire in aula il prossimo 23 febbraio.  Ma sui quesiti è battaglia tra accusa e difesa. 


La difesa: “Il feto potrebbe avere sbattuto sul gabinetto”

Per De Santis il “peccato originale”, che inficia entrambe le perizie, è che mancano i dati tossicologici relativi alla presenza di tracce di Cytotec sia sul feto che sulla madre. “Per quanto ne sappiamo, inoltre, il feto potrebbe avere sbattuto sul water durante l’espulsione, visto che la madre ha partorito in bagno”. 

I superperiti riferiranno davanti alla corte d’assise il 23 febbraio e in quella data potrebbero essere presenti in contraddittorio anche i consulenti di parte della difesa. 

Cimino, Sani e Carbone, tenendo conto dell’autopsia sul cadavere della piccina e della cartella clinica della madre, dovranno dire a quale dosaggio e in quali tempi il Cytotec possa indurre un parto prematuro. Se nel caso specifico possa essersi trattato di un parto prematuro naturale o di un parto precipitoso a prescindere dalle quattro pasticche di Cytotec che la donna disse di avere assunto durante il ricovero a Belcolle. Se la morte della piccola poteva essere evitata in caso di nascita in regime ospedaliero e non nel bagno dell’abitazione che la madre condivideva con un’altra ballerina di night in via Maria Santissima Liberatrice. Se il “tumore da parto”, il trauma alla testa, sia stato provocato dalla scarsa dilatazione o possa derivare da una caduta del feto nel gabinetto. 

“Una cosa è dire che il feto è nato vivo, altro dire che se fosse nato in ospedale sarebbe sopravvissuto – ha sottolineato il difensore dell’infermiere – è una valutazione, così come dire che il Cytotec è causa della morte. Il tumore da parto è il segno di un trauma alla nascita, ma il feto potrebbe avere sbattuto la testa cadendo nel water durante un parto precipitoso”. 

Silvana Cortignani


Condividi la notizia:
13 ottobre, 2020

Feto nel cassonetto ... Gli articoli

  1. "Non è stato il Cytotec a uccidere la bimba, ma la condotta della madre"
  2. Bimba morta nel cassonetto, perse oltremanica le tracce della madre
  3. Cadavere di bimba nel cassonetto, la verità dell'infermiere
  4. Riprende dopo un lungo stop il processo all'infermiere accusato di omicidio volontario
  5. Feto nel cassonetto, tre superesperti per chiarire gli effetti del farmaco abortivo
  6. Estradizione in Italia o interrogatorio in videoconferenza dal carcere di Londra per la Ambrus
  7. Feto nel cassonetto, la madre è stata rintracciata in un carcere di Londra
  8. Ennesimo stop del processo all'infermiere, svanita nel nulla la madre della bimba
  9. Arrestata sei mesi fa a Londra dall'Interpol, è nuovamente sparita la Ambrus
  10. I professori Mauro Bacci e Massimo Lancia: "Non fu un parto precipitoso"
  11. "Non ci sono prove che l'infermiere sapesse che la Ambrus era incinta"
  12. Feto nel cassonetto, Londra decide sull'estradizione della madre
  13. Feto nel cassonetto, madre rintracciata dall'interpol a Londra
  14. Ha gettato la figlia nel cassonetto, diserta l'aula per l'ennesima volta
  15. "Ho fatto una grande cavolata, mi sono sentita persa"
  16. Feticidio, pena dimezzata e revocato il carcere alla madre
  17. Non fu omicidio ma feticidio, pena dimezzata in appello
  18. Madre condannata a 10 anni per omicidio, processo d'appello al via
  19. "Dammi mille euro per andarmene, è meglio per te e per me"
  20. Feto nel cassonetto, parla infermiere del pronto soccorso
  21. "Quando ho aperto la busta speravo che la bimba fosse ancora viva"
  22. L'infermiere ammette di aver scritto la ricetta falsa per la pillola abortiva
  23. Processo all'infermiere, sfilano i primi testi dell'accusa
  24. Bimba nel cassonetto, al via il processo all'infermiere
  25. "Non fu omicidio ma parto precipitoso"
  26. Feto nel cassonetto, si va in appello
  27. "Ha gettato il feto nel cassonetto senza ripensamenti"
  28. "Feto nel cassonetto, faremo appello"
  29. Feto nel cassonetto, mamma condannata a 10 anni
  30. Feto nel cassonetto, venerdì la discussione
  31. Feto nel cassonetto, i periti: "Parto precipitoso"
  32. Neonata uccisa e gettata tra i rifiuti, parola ai periti
  33. Neonata nel cassonetto, affidata la perizia a tre specialisti
  34. Feto nel cassonetto, niente carcere per la giovane madre
  35. Feto tra i rifiuti, difesa contro il carcere per la madre
  36. Feto tra i rifiuti, rito abbreviato per la madre
  37. "Totale assenza di valore per la vita umana"
  38. Feto tra i rifiuti, carcere per la madre
  39. Feto tra i rifiuti, è scontro sul mandato di arresto europeo
  40. Feto nel cassonetto, l'infermiere torna libero
  41. Feto nel cassonetto, a gennaio l'udienza preliminare
  42. Feto nel cassonetto, arrestato l'infermiere
  43. Feto tra i rifiuti, l'avvocato: "La madre voleva venire in aula"
  44. Stop alle indagini sul feto gettato tra i rifiuti
  45. Feto tra i rifiuti, è scontro sulla proroga delle indagini
  46. Feto nel cassonetto, il Riesame dà ragione alla procura
  47. Feto nel cassonetto, il Riesame si riserva
  48. Feto nel cassonetto, libera la ragazza madre
  49. Feto nel cassonetto, la procura la spunta in Cassazione
  50. Feto nel cassonetto, la Cassazione prende tempo
  51. Feto nel cassonetto, oggi l'udienza in Cassazione
  52. Feto abbandonato nel cassonetto, fissata l'udienza
  53. Feto nel cassonetto, la madre resta in carcere
  54. Feto nel cassonetto, sarà ricorso in Cassazione
  55. Feto nel cassonetto, respinto l'appello della Procura
  56. Feto nel cassonetto, il Riesame prende tempo
  57. Feto nel cassonetto, fissata l'udienza
  58. Madre arrestata, la procura insiste sull'omicidio
  59. Feto nel cassonetto, la madre non risponde
  60. Madre arrestata, la procura pronta a impugnare
  61. Feto nel cassonetto, arrestata la madre
  62. Feto nel cassonetto, si indaga per omicidio
  63. Feto nel cassonetto, la madre scossa e provata
  64. Feto nel cassonetto, Mancini (Pd): Siamo tutti colpevoli
  65. Feto nel cassonetto, c'è un video
  66. "Subito uno sportello di ascolto per le donne"
  67. "La vita umana è sacra e inviolabile"
  68. Feto nel cassonetto, la ragazza rischia l'accusa di infanticidio
  69. "Il gesto disperato di una mamma"
  70. Feto nel cassonetto, si sospetta l'esistenza di un complice
  71. Trovato feto morto in un secchione dell'immondizia, identificata la madre

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR