Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Gradoli - Alla prossima udienza si deciderà sull'ammissione o meno delle istanze istruttorie del pm Franco Pacifici

Morti sospette alla casa di riposo, davanti alla corte d’assise d’appello il gestore e due medici

Condividi la notizia:

La corte d'appello di Roma

La corte d’appello di Roma

Giancarlo De Cataldo

Giancarlo De Cataldo

Il pm Franco Pacifici

Il pm Franco Pacifici

Gradoli – (sil.co.) – Morti sospette alla casa di riposo, in tre davanti alla corte d’appello di Roma.

Sarà la corte d’assise d’appello presieduta dal giudice-scrittore Giancarlo De Cataldo a decidere sul ricorso della procura della repubblica di Viterbo contro l’assoluzione in primo grado del gestore del “Fiordaliso” di Gradoli e di due medici della Asl imputati di abbandono di incapaci aggravato dalla morte di 13 ospiti nella struttura ricavata in un ex albergo con vista mozzafiato sul lago di Bolsena. 

L’imprenditore Franco Brillo e i dottori Ugo Gioiosi e Lucia Chiocchi, rispettivamente di Orvieto e di Siena, sono stati assolti dalla corte d’assise presieduta dal giudice Silvia Mattei il 12 luglio 2018. Nell’autunno successivo, una volta uscite le motivazioni della sentenza, il pubblico ministero Franco Pacifici ha presentato ricorso. 

Giovedì scorso si è tenuta una prima udienza interlocutoria, dopo di che il processo è stato rinviato al prossimo 16 febbraio, quando si deciderà sull’ammissione o meno delle istanze istruttorie che ha fatto il sostituto Pacifici. 

Ddavanti alla corte d’assise di Viterbo è stato sentito, nell’udienza del 27 marzo 2018, anche il noto medico legale Maria Rosaria Aromatario, della Sapienza di Roma, incaricata dal tribunale di verificare il nesso tra il presunto stato di abbandono e la morte di tredici ospiti ultraottantenni della casa di riposo “Il Fiordaliso”.

Secondo il pm Franco Pacifici, avrebbero patito il freddo e la fame e non avrebbero avuto un’assistenza medica adeguata.


Le conclusioni del medico legale al processo di primo grado

La Aromatario ha preso in esame otto casi su tredici sospetti, attraverso le schede di morte Istat di quattro anziani deceduti nella casa di riposo e le cartelle cliniche di altri quattro, deceduti invece dopo il ricovero all’ospedale di Acquapendente. 

Dei quattro morti in ospedale, uno soffriva di edema polmonare, un altro aveva un’aritmia cardiaca, un 88enne tre mesi prima era stato ricoverato in ospedale a Siena per un’ischemia e una malattia ematologica: “Ma non so di cosa sia morto”, ha spiegato la Aromatario. 

“E’ impossibile stabilire se siano morti per cause naturali o altro. Tutti sono stati ricoverati in condizioni molto gravi, con patologie croniche e a volte non coscienti. Avevano bisogno di assistenza medico-infermieristica continua, già prima dell’aggravamento”, ha spiegato la consulente. 

Nei casi dubbi si sarebbe dovuta disporre l’autopsia: “Manca la richiesta di indagini post mortem. Avere omesso certi accertamenti, ci impedisce di fare una valutazione. Una carenza censurabile”.

“L’arresto cardiocircolatorio non è di per sé una causa di morte”, ha sottolineato.

“Dai documenti – ha proseguito – non emerge che ci fossero sanitari a fornire un’assistenza continua. Le terapie prescritte erano però segno che serviva non monitoraggio costante, mentre le patologie acute richiedevano terapie non attuabili a domicilio”.

“Alcune patologie non erano visibili, come l’aritmia cardiaca indicata in un caso come causa di morte. Per questo serve una valutazione preventiva, al momento dell’accettazione in casa-alloggio. Le condizioni vanno valutate prima. Vanno accettate solo le persone che si possono assistere”. 

“Un’anziana è giunta in ospedale con piaghe da decubito al quarto stadio, un altro in stato di grave denutrizione. Non sono stati adeguatamente assistiti”, ha ribadito la Aromatario.


Condividi la notizia:
18 ottobre, 2020

Casa di riposo Gradoli ... Gli articoli

  1. Anziani da ospedale in casa di riposo, la procura fa appello contro le assoluzioni
  2. Ospizio lager, è battaglia tra accusa e difesa in corte d'appello
  3. "Non era un ospizio lager, giusta l'assoluzione della corte d'assise"
  4. Ospizio lager, la procura ricorre in appello contro le assoluzioni
  5. Anziani morti nella casa di riposo, tutti assolti
  6. "Condanne senza attenuanti per il gestore Franco Brillo e due dottori"
  7. Ospizio lager, al rush finale il processo all'imprenditore Franco Brillo
  8. "Gli schizofrenici cronici possono stare in una casa di riposo"
  9. "Ma quale cibo scarso? Mia madre ha perfino rimesso la dentiera"
  10. "Struttura inadeguata probabile concausa della morte degli anziani"
  11. "Impossibile dire la causa delle morti, ma l'assistenza non era adeguata"
  12. Botta e risposta tra il pm Pacifici e il gestore Brillo
  13. Ospizio lager, pronto a farsi interrogare il gestore
  14. Riesumazioni impossibili, task-force di periti per chiarire morte degli anziani
  15. "Non mi hanno detto che mia madre era caduta rompendosi il femore"
  16. Riflettori puntati su otto malati psichici dell'ospizio
  17. "Inutile riesumare i cadaveri"
  18. "Sporchi, pieni di piaghe e ridotti pelle e ossa"
  19. "Termosifoni spenti e per mangiare brodino e scatolette..."
  20. "Medicine scadute e personale non idoneo..."
  21. Casa di riposo lager, chiesta una riesumazione
  22. Anziani morti in casa di riposo, asl responsabili civili
  23. Casa di riposo lager, via al processo
  24. Tredici anziani morti, a febbraio il processo in Corte d'Assise
  25. Morti in casa di riposo, 5 rinvii a giudizio
  26. Anziani abbandonati, nessuna salma sarà riesumata
  27. Morti in casa di cura, la difesa: "Riesumate i cadaveri"
  28. Morti in casa di cura, il gestore non risponde
  29. Morti sospette in casa di riposo

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR