Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Sport - Commozione nel mondo della Formula Uno e delle corse - Con lui se ne va un grande tecnico e uno sportivo amato e apprezzato

È morto il viterbese Tommaso Carletti, storico ingegnere del team Minardi

Condividi la notizia:

Tommaso Carletti

Tommaso Carletti

Viterbo – È morto Tommaso Carletti, storico ingegnere del team Minardi.

Carletti era nato a Viterbo 83 anni fa ed era ricoverato all’ospedale di Belcolle. È morto dopo una lunga malattia. Proprio a causa della sua malattia aveva subito anni fa l’amputazione di un arto.

Il suo funerale si è tenuto ieri nel santuario Madonna della Quercia.

Grande commozione ha suscitato la morte di Carletti nel mondo della Formula Uno e non solo. L’ingegnere era apprezzato per le sue grandi capacità professionali ma anche per le straordinarie doti umane e di simpatia.

Particolarmente colpito il team della Minardi, che ha diramato una nota ufficiale.

 “Con grande dispiacere abbiamo appreso la notizia della scomparsa di Tommaso, colonna del Minardi Team – si legge nella nota della Minardi di Faenza -. Gian Carlo Minardi, insieme ai fratelli Giuseppe e Ferdinando e al figlio Giovanni e tutto lo staff Minardi, si uniscono alle condoglianze alla moglie Patrizia e ai figli Margherita, Riccardo, Elena e Lucia. Buon viaggio ingegnere“.

Carletti, dopo la laurea in ingegneria, ha iniziato a lavorare al Reparto Esperienze Fiat per circa undici anni. Subito dopo viene ingaggiato dalla Ferrari arrivando in Formula 1 e vi rimane per tre anni.

È stato ingegnere di pista di Didier Pironi nel 1982, poi è passato alla Renault e quindi alla Minardia Faenza. Alla Minardi rimane rimane per sei intensi anni fino al 1991 col ruolo di ingegnere di pista. Passa successivamente alla Fondmetal e alla Scuderia Italia, con il ruolo di direttore tecnico dal 2001 al 2004.

Con la Scuderia Italia è stato direttore tecnico dal 2001 al 2004 nelle gare Gt. Carletti è stato parte anche del programma Alfa nel Dtm.

Ha preso parte allo sviluppo della supercar Bugatti Veyron, una vettura capace di raggiungere i 400 km/h.  Nel 2006 arriva in Euro 3000, per gestire in pista una delle due Lola B02/50 del Minardi Team.

Nel 1994 Carletti è stato un consulente nominato dal tribunale di Bologna per accertare le cause della morte di Ayrton Senna nell’incidente al Gp di San Marino con la Williams.


Condividi la notizia:
18 ottobre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR