Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Così il vicepresidente di Confcommercio Lazio Nord, Antonio Posati: "Confidiamo nelle decisioni del Governo, ma scongiuriamo e ci appelliamo affinché non avvengano nuove imposizioni limitative"

“No a stop per i locali, servono controlli e sanzioni per chi non rispetta le regole”

Condividi la notizia:

Antonio Posati

Antonio Posati

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – “L’attesa per il nuovo Decreto è alta e il messaggio del Presidente del Consiglio Conte che scongiura nuove limitazioni per pubblici esercizi ovvero nuove limitazioni di orario ci rasserena – dice il vicepresidente L.N. Antonio Posati -.

Indiscrezioni, quelle di nuovi stop dei locali, che alzano la tensione tra i gestori dei pubblici esercizi che in questi mesi hanno fatto investimenti importanti, sforzi incredibili, per uniformarsi ai protocolli imposti dal Governo in materia di sicurezza e che dovranno a breve fronteggiare le scadenze dei pagamenti sospesi in questi mesi.

Limitare l’orario di apertura significherebbe vanificare tutti gli sforzi di questi mesi, portare in grave difficoltà imprese che già hanno subito perdite considerevoli nei mesi di lockdown e che hanno ripreso le loro attività tra mille difficoltà, adempimenti e investimenti considerevoli – continua Posati.

Certo occorre incrementare i controlli, vigilare sul rispetto dei protocolli adottati a maggio e sanzionare chi non applica le misure di sicurezza ma i consumi non si devono spostare dall’interno dei locali – ci dice Posati –essi devono, tuttavia, avvenire nel pieno rispetto delle misure di sicurezza a partire dal distanziamento tra i tavoli, l’uso degli igienizzanti e delle mascherine quando ci si sposta, dalla rilevazione del nome di almeno un cliente per tavolo per assicurare la tracciabilità.

Gli abusi si contrastano individuando e sanzionando chi non rispetta le regole non chiudendo le attività.

Confidiamo nelle decisioni del Governo – conclude Posati –  ma scongiuriamo e ci appelliamo affinché non avvengano nuove imposizioni limitative”.

Confcommercio Lazio Nord


Condividi la notizia:
6 ottobre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR