Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il sindaco Giovanni Arena: "Siamo tutti orgogliosi di essere suoi concittadini" - Oggi in piazza Unità d'Italia, l'inaugurazione della targa dedicata all'eroe garibaldino nato nella città dei papi - FOTO E VIDEO

“Pietro Rossi, finalmente è stata resa giustizia a un eroe italiano”

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:


Viterbo – Hasta siempre Pietro Rossi. “Finalmente è stata resa giustizia a un eroe italiano. A un eroe viterbese che ha combattuto per l’Unità del nostro Paese”. Finalmente. Le parole sono del sindaco Giovanni Arena. La delibera è della precedente amministrazione, quella di centrosinistra di Leonardo Michelini. Anno 2013.

Lui invece è Pietro Rossi, garibaldino, nato nella città dei papi nel 1820 e morto a Castel Giorgio nel 1876. Ha fatto parte della spedizione dei mille, nel 1860. Camicie rosse che in nome di Garibaldi e di un’idea d’Italia presero il sud per risalire verso Roma e ricucire una storia da secoli lacerata. La targa arriva a 200 anni dalla nascita e a sette dalla delibera, approvata dal consiglio all’unanimità. 


Viterbo - Aldo Rossi e Antonello Ricci

Viterbo – Aldo Rossi e Antonello Ricci


“Siamo tutti orgogliosi di essere concittadini di questo importantissimo personaggio”, ha poi concluso il sindaco. Il merito di questa targa è anche suo. Ma è soprattutto di Antonello Ricci, narratore di comunità, e di quella che una volta era la Banda del racconto che, con Alfonso Prota, Marco D’Aureli e Pietro Bendetti, ha scavato nel tessuto storico cittadino, nelle sue memorie, luoghi, uomini e donne per restituire a tutti, e alla città, storie meravigliose di ciò che era e poteva essere. Un grande, possibile futuro, buttato però alle spalle nei decenni successivi. A partire appunto da Rossi, dimenticato e infine resuscitato come un Cristo immolato.


Viterbo - La targa a Pietro Rossi

Viterbo – La targa a Pietro Rossi


Merito infine di Chiara Frontini, consigliera comunale, che con l’associazione Prometeus, e “con volizione e testardaggine”, come ha detto Ricci, ha realizzato la targa, il testo è di Antonello Ricci, riconsegnando ai viterbesi un pezzo di quell’Italia fatta anche da gente come Rossi.


Viterbo - Antonello Ricci

Viterbo – Antonello Ricci


Questa mattina in piazza Unità d’Italia c’erano tutti. Anche l’ex assessore alla cultura Antonio Delli Iaconi, altro protagonista dell’impresa. Con loro Aldo e suor Graziella, pronipoti di Pietro. Commossi, un po’ come tutti.


Viterbo - Suor Graziella

Viterbo – Suor Graziella


“Oggi – ha sottolineato Antonello Ricci – compiamo un atto di risarcimento per quello che a tutt’oggi resta l’unico viterbese eroe nazionale, inserito nella legge partorita 18 anni dopo i fatti, il 12 novembre 1878. La lista ufficiale e definitiva dei mille di Marsala. Purtroppo di questo personaggio mancava ogni memoria istituzionale”.


Viterbo - Aldo Rossi, pronipote di Pietro

Viterbo – Aldo Rossi, pronipote di Pietro


“Sono emozionato ed onorato – ha detto Aldo Rossi -, ora per la mia famiglia ci sarà un motivo in più per visitare questa splendida città”.



Alle loro spalle il nome della piazza, Unità d’Italia. Sullo sfondo il Sacrario dove stanno le ossa dei morti in combattimento e le macerie di una città caduta prima sotto il fascismo poi i bombardamenti alleati. Sulle facciate i loro nomi. Di chi ha lottato prima per fare gli italiani e poi per renderli liberi e protagonisti del loro destino.


Viterbo - Aldo Rossi e Chiara Frontini

Viterbo – Aldo Rossi e Chiara Frontini


“Oggi – ha concluso Antonello Ricci – restituiamo il ricordo di Pietro Rossi alla cittadinanza e al Paese. Un ricordo pieno di dignità e ardore nazionale”.

Hasta siempre Pietro Rossi. Finalmente quella nave partita più di 150 anni fa da Marsala e che prima, con Garibaldi, aveva attraverso il mondo veleggiando per le Americhe e l’Adriatico, in fuga da francesi e papalini, dopo le barricate della Repubblica romana, è approdata anche qui. A Viterbo. A rendere omaggio a uno dei suoi figli migliori. “Il fuoco appassionato del tuo patriottismo, la tua onestà, la tua perseveranza siano esempio di eterna attualità per le future gioventù”.

Daniele Camilli


Multimedia: Fotogallery: La targa a Pietro Rossi – Video: “Un eroe italiano”


Condividi la notizia:
17 ottobre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR