Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Racconta la tua storia - Coronavirus - Emanuela Sernicola ricorda la sua odissea, a tratti sconfortante ma a lieto fine, e sottolinea: "Si può guarire a casa ma alcuni medici di base non svolgono bene il proprio lavoro"

“Positiva al Covid, l’aria nei miei bronchi era come fuoco e non riuscivo a respirare…”

Condividi la notizia:

[DTDinfo id=”adsenseinterno”]

Salute - Un controllo medico

Salute – Un controllo medico

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Dal Covid 19 si può guarire, è accaduto a me e possiamo superarlo tutti. Ma chi ha la responsabilità della nostra salute deve capire che i servizi territoriali di assistenza medica hanno un ruolo essenziale e non possono rappresentare l’anello debole della catena. Altrimenti non ne usciamo.

Voglio raccontare la mia storia perché chi di dovere capisca dove è necessario intervenire. 
 
Martedì 6 ottobre, dopo una notte passata tra brividi di freddo e dolori fortissimi alla schiena, scopro di avere la febbre a 38,5. Chiamo il mio medico di base per farmi fare il certificato medico di malattia e farmi segnare il tampone per il Covid, che ho effettuato il pomeriggio stesso, accompagnata da mio marito, al drive in della Asl di Viterbo. 
 
Giovedì 8 ottobre vengo contattata dall’azienda stessa: il tampone è positivo. Panico. Chiamo il mio medico lo informo e gli chiedo cosa devo fare, quale tipo di farmaci devo prendere. Mi segna un antibiotico e la Tachipirina all’occorrenza.
 
Rimango in attesa di un’ulteriore chiamata da parte della Asl che deve intervistarmi per risalire a tutti i miei possibili contatti, ma nel frattempo mi muovo da sola per avvisare amici e parenti affinché si mettano in quarantena. Quando mi chiama la Asl fornisco dettagliatamente tutte le informazioni sui contatti. 
 
Nel frattempo fanno il tampone anche mio marito e i miei due figli e l’11 ottobre abbiamo comunicazione che anche loro sono positivi, ma fortunatamente asintomatici. Fino a quel momento i miei sintomi sono solo quelli di una brutta influenza, con in più tanta stanchezza. In più sembra che le cose stiano andando meglio. E invece il peggio doveva arrivare: durante la notte le cose precipitano, la febbre arriva quasi a 40. Mi sento stanchissima, senza energia. Non riesco a respirare perché l’aria che entra nei miei bronchi è come fuoco. Non lo so neanche se ho paura, perché mi sento troppo debole anche solo per capire se ho paura. 
 
Mio marito mi controlla i livelli di ossigeno. Inizialmente sono ancora buoni, ma sono tanto stanca e fatico a parlare. Contatto il mio medico e gli comunico il mio peggioramento e chiedo quali altri farmaci io possa prendere: mi segna il Bentelan da 1 mg e uno sciroppo sedativo della tosse in aggiunta alla precedente terapia. In serata le cose però peggiorano ancora: l’ossigenazione è tra l’89% e il 91% di saturazione e i battiti per minuto stanno scendendo. 
 
Mio marito prova a chiamare tutti i numeri del Toc della Asl che mi sono stati dati dal mio medico di base. Non risponde mai nessuno. Chiama il mio medico, ma non risponde neanche lui. Chiama il 118 per chiedere informazioni e sapere se mi devono venire a prendere. Gli passano un medico del Toc, l’unico che in tutta questa storia sia stato davvero utile.
 
Mi ha voluto parlare e ha voluto sapere che tipo di terapia stessi facendo. Sì è meravigliato che il mio medico mi abbia prescritto il Bentelan, perché nel caso del Covid ci vuole almeno il Deltacortene da 25 mg e vista la situazione anche la somministrazione dell’eparina a basso peso molecolare. 
 
Mi comunica che quelli che sto vivendo sono proprio i giorni critici. Adesso ho paura, molta paura. Il medico del Toc mi dice che se voglio mi fa ricoverare, ma io non voglio, non credo di poter essere seguita meglio in ospedale, ho già letto che ci sono troppi ospedalizzati. Lui con calma e pazienza mi chiede se riesco ad andare in bagno senza avvertire la necessità di fermarmi a prendere fiato. Rispondo di sì. 
 
Il mattino seguente ricontatto il mio medico, gli riferisco dell’accaduto e del consiglio terapeutico datomi dal medico del Toc. Non si rifiuta di prescrivermi quei farmaci, ma secondo lui mi dovrei far ricoverare. Gli chiedo di aspettare di vedere come va con la nuova terapia, rimaniamo che ci risentiremo. Nel frattempo tramite un’amica riesco a spedire la ricetta e ad avere i farmaci. 
 
L’effetto positivo della terapia lo sento subito. Quando respiro non mi bruciano più i bronchi. L’ossigenazione migliora fino al 94% e anche i battiti per minuto migliorano, seppur con alti e bassi in questi dati. In serata mi richiama il medico di base e gli comunico che va meglio: in alcuni momenti l’ossigenazione è arrivata anche al 96%. Si meraviglia e rimaniamo di sentirci il giorno successivo. 
 
Le successive 24 ore procedono tra fra alti e bassi, ma la respirazione pur non essendo al massimo, è comunque decisamente migliorata. Di nuovo il mio medico di base insiste però per farmi ricoverare e questo fatto mi crea sgomento: insisto nuovamente per continuare ancora a casa. Il tempo mi dà ragione: con la terapia consigliatami dal medico del Toc le cose vanno meglio, non ha senso andare in ospedale a occupare un posto che può servire ad altri. 
 
Ad ulteriore colloquio con il medico di base chiedo chiarimenti sulla durata di terapia con l’eparina a basso peso molecolare e con il cortisone. Non mi sa rispondere. Da marzo ad oggi non si è minimamente informato sui vari protocolli per il trattamento del Covid. Inizio a chiedermi in che mani mi trovi. Mi liquida con un “Vediamo un po’”.
 
In tutto questo periodo mi ha contattata spesso un’altra dottoressa del Toc. Non ho capito la sua utilità, perché oltre a chiedermi come mi sentivo non ha mai saputo darmi la benché minima indicazione o il minimo consiglio. Però i contribuenti la pagano. Questa dottoressa mi comunica il 18 ottobre che il 20 io e i miei familiari dobbiamo andare al drive in per fare un altro tampone.
 
Chiedo come mi devo comportare se il tampone risulta negativo. Mi dice che a quel punto sono fuori quarantena, ma che il mio medico di base mi dovrebbe visitare per valutare la situazione e verificare eventuali danni polmonari che l’infezione potrebbe avermi lasciato. 
 
Ebbene qui entriamo nella commedia dell’assurdo. Il 19 ottobre chiamo il mio medico di base, gli comunico che devo fare il secondo tampone il giorno seguente. Gli dico anche cosa mi ha riferito la dottoressa del Toc, ossia che in caso di esito negativo lui mi deve visitare. Mi risponde che lui mi visita solo da remoto, il che fa ridere (per non piangere) già così. Gli obietto che da remoto non può auscultarmi le spalle, non può controllare la gola. Mi risponde, stizzito “stai a casa e basta”.
 
Gli chiedo se per caso sta scherzando. Mi dice che non può rischiare di infettare mezza Viterbo per visitare me. Gli ribadisco che chiederò l’appuntamento solo se il mio tampone risulterà negativo e che mi presenterò in un orario concordato per evitare di contagiare altri, fermo restando che se il tampone è negativo non corro il rischio di contagiare più nessuno. Lui compreso. 
 
A questo punto ammette che comunque lui non ha i dispositivi di protezione, e qualcuno alla direzione sanitaria della Asl deve spiegarmi come sia possibile che un medico di base sia in servizio senza Dpi.
 
Mi propongo di procurarglieli io pur di avere la visita: non sapendo più cosa inventarsi, diventa evasivo e mi dice che mi farà sapere poi. Dopo due ore mi comunica che si è preso una settimana di ferie perché è stressato dai troppi appuntamenti per i vaccini antinfluenzali. 
 
Sono incredula! Non posso credere a ciò che sento. Pur di non visitarmi si è messo in ferie con una scusa puerile. Non è stato in grado di prescrivermi una terapia valida, ha solo eseguito quanto detto da altri senza preoccuparsi minimamente di informarsi e alla fine si rifiuta di visitarmi. 
 
Questo medico noi contribuenti lo paghiamo, e purtroppo paghiamo – e anche profumatamente! – tanti medici di base che si stanno rifiutando di fare la loro parte. Dovrebbero vergognarsi a pensare a quanti professionisti in prima linea sono morti tra marzo e maggio in Lombardia e nelle zone più colpite dal Covid. Medici che non hanno abbandonato i loro pazienti. 
 
Stiamo pagando tanti medici di base che da marzo ad oggi non si sono documentati sui protocolli Covid-19, che risolvono il problema facendo ricoverare i loro assistiti anche quando potrebbero essere seguiti a casa, aggravando così le situazioni degli ospedali.
 
Si stanno affollando i presidi, che sono al tracollo per mancanza di posti letto e per il personale sanitario che non basta mai! Tanti ammalati non riescono ad accedere alla diagnostica a causa dei disagi del Covid e poi abbiamo una classe medica di medicina generale che nella stragrande maggioranza dei casi si sta rifiutando di lavorare e si sta nascondendo dietro a scuse puerili.  
 
Basta andare su Google e digitare farmaci usati nel trattamento del Covid-19: esce una schermata dell’Aifa su vari trattamenti che sono stati consentiti ma poi abbandonati per insufficienza di dati, quelli che sono ancora in uso. Il mio medico non ha fatto neanche questo, non ha fatto neanche una banale ricerca su internet e non ha verificato neanche che esistono e sono visibili a tutti i dati di siti autorevoli quali l’Aifa. 
 
Il mio medico ha persino avuto da ridire sul fatto che per fare il tampone io e i miei familiari abbiamo dovuto abbandonare la casa per andare al drive in. Secondo lui sarebbero dovuti venire a casa. Forse ignora che che al drive in di Viterbo lavorano infermieri che hanno dato la disponibilità a fare anche questo servizio, oltre al loro normale lavoro in ospedale.
 
Il 20 ottobre ho fatto insieme a mio marito e ai figli il secondo tampone: al drive in c’era il santo medico del Toc che mi ha salvato la vita, oberato di lavoro per cercare di dare risposte esaurienti a tutti. Come al solito in Italia, uno lavora e 100 godono a non far nulla, ma colui che lavora va oltre ogni limite. Gli abbiamo chiesto di potergli parlare e ci ha fatto cenno con gentilezza di accostarci, che appena finiva al telefono avrebbe parlato con noi e con un’altra signora prima di noi. 
 
Abbiamo aspettato. Finita la telefonata si è avvicinato alla signora prima di noi e chiedendole scusa per l’attesa l’ha ascoltata e ha risposto alle due domande. Terminato con lei, si è avvicinato a noi e di nuovo ha chiesto scusa per l’attesa.
 
Gli abbiamo raccontato la mia storia ed ha confermato che era lui effettivamente al telefono quella sera. Gli ho chiesto per quanto tempo ancora devo continuare con la terapia e come devo interromperla. Ha risposto con gentilezza e professionalità alle mie domande e poi mi ha chiesto da quanti giorni fossi malata. Mi ha tranquillizzata sul fatto che ormai sono fuori pericolo. 
 
Io sono stata fortunata, ma vorrei che tutti conoscessero la mia storia per rendere i cittadini consapevoli del fatto che oggi le terapie per affrontare nella dignità della propria casa il Covid 19 esistono.
 
E che in Italia c’è una classe di medici di base che è ora che si assuma le proprie responsabilità e faccia il proprio dovere, perché uscire dal Covid 19 non deve essere un discorso di fortuna, ma deve essere un fatto legato alla competenza di chi ha fatto il giuramento di Ippocrate. 
 
Se tutti i medici di base facessero correttamente il loro lavoro, probabilmente si potrebbero affrontare meglio la pandemia e l’emergenza Covid-19. Ovviamente ci sono anche medici di base che lavorano bene e che si informano, come il medico di base di mio marito che chiama quasi ogni giorno per sentire come va la situazione, ma non essendo il mio medico non poteva seguirmi.
 
Tuttavia oggi quando ha chiamato ha voluto sapere anche di me e ha voluto sapere anche di come il medico del toc mi aveva detto di finire la terapia: ecco questo è un medico che coscienziosamente e umilmente si informa ed è a disposizione dei suoi pazienti.
 
La Asl di Viterbo intervenga sui servizi territoriali: la lotta al Coronavirus si combatte anche così. 
 

Emanuela Sernicola


Racconta la tua storia – le storie dei lettori

Chiediamo a tutti i lettori di raccontare ogni storia che sia interessante giornalisticamente.
Storie drammatiche o divertenti. Storie che commuovono o fanno sorridere. Storie di gioia o di dolore. Storie che fanno riflettere. Storie che sono ricordi di una vita. Storie, che vale la pena di raccontare, di vittorie e sconfitte che vi vedono come protagonisti.

Storie di sogni realizzati o di cocenti rese alla vita. Storie normali di vita quotidiana vostre, dei vostri familiari, dei vostri amici.. Storie che spesso si raccontano tra amici, ma che abbiano un valore paradigmatico. E possano essere interessanti per tutti. Insomma raccontante le vostre storie a Tusciaweb.

Storie di lavoro, sanità, istruzione, sport, vita quotidiana. Cerchiamo qualsiasi racconto positivo o negativo che secondo voi merita attenzione a Viterbo e in tutta la Tuscia.

E’ importante che le storie siano sviluppate in maniera ottimale sia sul piano del racconto che su quello della scrittura.
Basta scrivere la propria storia e inviarla assieme ad alcune foto da voi realizzate e non coperte da copyright, facendo riferimento all’iniziativa “Racconta la tua storia”. In ogni caso va inserito un proprio contatto telefonico (preferibilmente cellulare) che, ovviamente, non sarà reso pubblico.
Insieme potremo fare un giornale sempre più efficace e potente al servizio dei cittadini della Tuscia. I materiali inviati non vengono restituiti e divengono di proprietà della testata. Le storie più significative verranno pubblicate.

Tutti i materiali inviati alla redazione, attraverso qualsiasi forma e modalità, si intendono utilizzabili in ogni forma e modo e pubblicabili. I materiali non vengono restituiti. Le foto verranno marchiate con “Tusciaweb copyright”.

Tusciaweb non ha nessun obbligo di pubblicazione.

Puoi inviare foto, video e la tua storia contemporaneamente a redazione@tusciaweb.it e redazione.tusciaweb@gmail.comt.
Puoi anche usare WhatsApp con questo numero 338/7796471 senza nessun costo.

 

Condividi la notizia:
25 ottobre, 2020

Coronavirus ottobre ... Gli articoli

  1. Anche le piscine Carletti diventano zona rossa
  2. Coronavirus, nelle ultime 24 ore 297 morti
  3. "Coronavirus, nel Lazio 2.289 casi positivi e 22 decessi"
  4. Scuole superiori chiuse a Viterbo dal 2 novembre: l'ordinanza completa
  5. Scuole superiori chiuse dal 2 novembre a Viterbo
  6. Oggi 125 positivi, morte tre persone ricoverate a Belcolle
  7. Arena verso la chiusura delle scuole superiori, oggi la decisione
  8. Casi in aumento, chiuse tutte le scuole a Tarquinia
  9. Mille casi a Viterbo dall'inizio della pandemia, ora l'indice Rt è a 1,6
  10. Quattro morti, tra cui un 38enne e una 54enne
  11. Brusca impennata dei contagi, oggi 31084 nuovi casi
  12. Positivi nove ospiti di una casa di riposo a Gradoli
  13. I casi tornano a salire, oggi 224 positivi e 3 persone sono morte
  14. A Orte in quarantena sette classi di quattro scuole
  15. Trulli (Arci): "Chiediamo a comune e regione un fondo d'emergenza per gli affitti delle associazioni di volontariato"
  16. "Scuole superiori chiuse a Civita Castellana, da lunedì lezioni da casa"
  17. Coronavirus nelle case di riposo, altri cinque positivi e tre morti
  18. Viterbese, due nuovi positivi al Covid-19
  19. Il Coronavirus sfonda quota 600mila contagiati e 38mila morti
  20. Altri 7 morti di Covid nella Tuscia, 4 erano ricoverati a Belcolle
  21. "Palestre, c'hanno levato pure la musica... c'hanno levato tutto"
  22. “670 positivi a Viterbo, 99 nelle scuole”
  23. Blocco anti-assembramento dalle 18 anche a viale Trento
  24. Coronavirus, 67 positivi tra dipendenti e sanitari della Asl
  25. Un morto nella casa di riposo di Bagnoregio - A Viterbo più di 600 positivi, sono l'1% della popolazione
  26. Piazze e vie chiuse dalle 18, scatta il blocco anti assembramento
  27. Quasi 25mila nuovi casi, gli attualmente positivi diventano più dei guariti
  28. Coronavirus, oggi 136 casi e un altro morto
  29. Coronavirus, mini zone rosse a Viterbo
  30. Con sintomi la metà dei nuovi positivi - A Celleno torna l'incubo del virus
  31. Boom di casi a Nepi e il sindaco denuncia: "Ci sono persone in quarantena che vanno in giro"
  32. Il sindaco di Tuscania fa scattare i controlli sui bus: "Chiesti sacrifici a tanti, ma sui trasporti si sta facendo poco"
  33. Quasi 22mila casi e 221 morti, il Coronavirus corre sempre più
  34. 111 nuovi positivi e un morto di 60 anni
  35. A Civita Castellana oggi otto positivi
  36. Troppi assembramenti, mini zone rosse a Tuscania
  37. "Taglio e piega a metà prezzo alle categorie svantaggiate dal coprifuoco"
  38. "Negativi al Coronavirus gli insegnanti dell'istituto Stradella"
  39. Positivi neonato e giovane operatore sanitario - Nella Tuscia l'età media dei ricoverati è di 60 anni
  40. "Non siamo noi gli untori, il problema semmai sono i trasporti..."
  41. Nuovi casi in calo (17012), ma con oltre 37mila tamponi in meno rispetto a ieri
  42. "Bar e pasticcerie aperti fino alle 20, ristoranti fino alle 22"
  43. Mai così tanti in un giorno: oggi 214 positivi
  44. "Alcuni contagiati non dicono con chi hanno avuto contatti per non far finire parenti e amici in quarantena"
  45. Contagiata tutta la San Raffaele Arcangelo di Bagnoregio, casi tra gli ospiti della Myosotis di Bomarzo
  46. Farnese non sarà zona rossa
  47. L'appello dei sindaci ai genitori: "Controllate i vostri figli o denunciamo"
  48. Un morto di soli 51 anni, superati i 2mila casi nella Tuscia
  49. "Un morto di Covid nella Tuscia e 1541 nuovi casi nel Lazio"
  50. 145 nuovi positivi nella Tuscia, 8 sono operatori di una casa di riposo di Bagnoregio
  51. Altri 24 positivi a Civita Castellana: il totale schizza a 122
  52. "Dobbiamo gestire la pandemia per scongiurare un nuovo lockdown"
  53. Fine settimana nero, un altro morto nella Tuscia
  54. "Bene la didattica a distanza, ma adesso va potenziato il servizio di trasporto per gli studenti"
  55. "Viterbo pesantemente colpita dal virus, andiamo incontro a mesi difficili e servono provvedimenti"
  56. "Focolaio alle medie, da domani scuola chiusa e tamponi a tappeto"
  57. La terapia intensiva di Belcolle è piena
  58. "Covid, la crisi la devono pagare lo stato e i padroni"
  59. Coronavirus, in aumento i nuovi casi (19644) e i morti (151)
  60. "Oggi 1687 nuovi casi nel Lazio"
  61. Sempre alto il numero di positivi: oggi 145, morti un 51enne e una 86enne
  62. Coronavirus, altri due morti nella Tuscia
  63. "Scuole, i genitori negazionisti stanno prendendo piede e in alcuni casi sono un problema"
  64. Coprifuoco, sette multe e un locale chiuso in dieci minuti
  65. Alunni e docenti positivi, scuole sorvegliate speciali a Capranica
  66. "Positiva ospite della casa di riposo, struttura isolata e tamponi a tappeto"
  67. Bambini e ragazzi positivi, ventinove hanno tra uno e 18 anni
  68. "Sopralluogo della Asl nella casa di cura Myosotis, non sono emerse criticità"
  69. "Da questa sera alle 24 stop agli spostamenti nel Lazio"
  70. Volano ancora i contagi in Italia, oggi 19.143 nuovi casi
  71. "Un altro morto di Covid nella Tuscia e 1389 nuovi casi nel Lazio"
  72. Positivo il comandante della compagnia dei carabinieri Alfredo Tammelleo
  73. Altri 167 Covid-positivi, salgono a 7 i ricoverati in terapia intensiva
  74. "Coprifuoco, capisco che qualcuno abbia un'altra idea ma le regole vanno rispettate"
  75. Farnese sotto osservazione, il sindaco: "Negativi i primi test sulla popolazione"
  76. Raddoppiano i posti letto Covid a Belcolle, +10 in terapia intensiva
  77. Coronavirus, positivo il sindaco Sandro Giglietti
  78. Didattica a distanza, da lunedì 5 mila studenti delle superiori resteranno a casa
  79. Anziana morta, allarme in una casa di cura di Bomarzo
  80. Altri tre positivi nella Flaminia, il club chiede il rinvio dei prossimi due match
  81. "Covid, nel Lazio oggi 1.251 nuovi positivi e 107 guariti"
  82. Coronavirus, altri 16mila casi e 136 morti
  83. Tre morti, fra cui una ospite della casa di riposo a Farnese, e 69 positivi
  84. “Oggi 27 positivi a Viterbo"
  85. Coronavirus, nell'Alto Lazio torna la paura per Rsa e comunità
  86. Boom di casi tra i giovani - Ragazzo scopre di avere il Covid nel giorno del 18esimo compleanno
  87. Arena: "75 studenti positivi nelle scuole" - Somigli (Uil): "La didattica a distanza va aumentata"
  88. Ancora studenti, docenti e collaboratori scolastici positivi
  89. Coronavirus, un'altra vittima nella Tuscia
  90. Coprifuoco nel Lazio, l'autocertificazione
  91. Coprifuoco dalle 24 e più didattica a distanza alle superiori, firmata l'ordinanza
  92. Coronavirus, da domani attivo il team Uscovid
  93. Il Covid prende il volo, oggi oltre 15mila nuovi casi
  94. Oggi 99 positivi, quasi la metà nel capoluogo
  95. Due insegnanti del Ruffini positivi al test rapido
  96. "Oltre 60 positivi nelle scuole, non si può parlare di boom ma ci sono casi ogni giorno"
  97. Coronavirus, positivi un bambino di un anno e 12 religiosi del convento dei cappuccini
  98. Contagi di nuovo sopra quota 10mila e quasi 90 morti
  99. "Coronavirus, nel Lazio 1.224 casi positivi, 5 decessi e 77 guariti"
  100. Domani test antigenici su tutti i cittadini di Farnese
  101. 108 nuovi casi di Covid, 44 solo a Viterbo
  102. Altri sei casi a Fabrica di Roma tra cui un bimbo di un anno
  103. Cluster al convento dei cappuccini a Viterbo, positivi 12 religiosi
  104. Focolaio nella casa di riposo, contagiati quasi tutti gli anziani
  105. In 1400 hanno avuto il Covid nella Tuscia, più della metà (782) sono ancora positivi
  106. Assistente sociale del Comune positiva al Covid-19
  107. A Tarquinia classe delle elementari in quarantena, a Vejano materna chiusa per undici giorni
  108. "Nel Lazio oggi 939 positivi, lieve calo a Roma, trend alti a Viterbo, Latina e Frosinone"
  109. Nuovi casi in calo (9338) ma oltre 47mila tamponi in meno
  110. Focolaio in una casa di riposo: 25 positivi, tamponi a tutto il personale
  111. Il virus supera quota cento, oggi 114 positivi e 2 morti
  112. Scuole di Viterbo, positivi già cinquanta studenti
  113. Il Coronavirus nelle scuole, altre insegnanti positive
  114. Il Covid non risparmia i più piccoli: ricoverato bimbo di 12 mesi, positivi uno di 2 e un altro di 3 anni
  115. Casi all'istituto Villa Santa Margherita, il direttore Mancini: "Positivo anche un ospite"
  116. Cresce la curva dei contagi, oggi 11mila 705 nuovi casi e 69 morti
  117. "Coronavirus, oggi nel Lazio 1.198 positivi, 6 decessi e 49 guariti"
  118. "Più alternanza della didattica a distanza e altre modalità di ingresso-uscita dalle scuole"
  119. Coronavirus sempre più in alto: altri 71 casi, più della metà a Viterbo
  120. Coronavirus, morta una donna di 39 anni
  121. Coronavirus, leggermente in calo i positivi nell'Alto Lazio
  122. "Covid, didattica a distanza nelle scuole del capoluogo a partire da lunedì"
  123. Coronavirus, oggi 10mila 925 nuovi casi e 47 morti
  124. Assessora positiva, sindaco Bartolacci e giunta per precauzione in quarantena
  125. Quasi mille casi oggi nel Lazio, 12 i morti e 62 guariti
  126. 74 positivi oggi nella Tuscia, quasi la metà a Viterbo
  127. Sette nuovi positivi oggi, 3 ricoverati a Malattie infettive
  128. Coronavirus, morto anziano di Capranica e positiva una bimba di 2 anni in Sabina
  129. Continua la crescita dei nuovi casi in Italia, oltre 10mila nelle ultime 24 ore
  130. "Sport a porte chiuse, stop a mercato settimanale e più didattica a distanza"
  131. Nuova impennata di casi: oggi 80 positivi, 4 in terapia intensiva e un morto
  132. Coronavirus, operativo il drive-in al Riello
  133. Bimba positiva al Covid, chiusa la scuola d'infanzia di Farnese
  134. Coronavirus, ieri 94 i casi nell'Alto Lazio
  135. Il contagio non rallenta: 8804 casi e morti quasi raddoppiati rispetto a ieri
  136. I positivi tornano a salire, oggi sono 39
  137. "Due nuovi positivi oggi, sono in isolamento domiciliare"
  138. Il sindaco chiude la scuola e una palestra: "È atteggiamento dittatoriale? Non me ne frega un c...o"
  139. Contagiati dieci sanitari della Asl - Aumentano i ricoverati, c'è anche una ragazza
  140. Oggi 7332 nuovi casi, è il nuovo record assoluto
  141. Coronavirus: 25 positivi oggi, 4 ricoverati a Malattie infettive
  142. "Un nuovo positivo a Civita Castellana"
  143. "Il Covid fa paura ma il Colasanti è una scuola sicura"
  144. Mille contagi nella Tuscia, più di 400 positivi e 850 persone in quarantena
  145. Coronavirus, nuovo picco di contagi: oggi 5901
  146. "Balzo in avanti dei positivi nel Lazio: 579 - Aumenti importanti dei casi a Viterbo e Latina"
  147. "Balzo in avanti dei positivi nel Lazio: 579 - Aumenti importanti dei casi a Viterbo e Latina"
  148. Coronavirus, mai così tanti casi: oggi 69 positivi
  149. Sei nuovi positivi a Civita Castellana, casi all'istituto Colasanti
  150. Contagiati un primario di Belcolle e il presidente dell'ordine degli avvocati
  151. Test anti-Covid sulla popolazione, seconda tranche negativa
  152. Covid a Viterbo, il virus si insinua alle superiori
  153. 4mila 619 nuovi casi e 39 morti nelle ultime 24 ore
  154. Dal basket al calcio, niente sport di contatto al chiuso - Per tutte le attività due metri di distanza tra gli atleti
  155. 36 nuovi casi nella Tuscia, 10 presentavano sintomi
  156. "Il sistema-treni finora regge, ma solo perché siamo in pochi a viaggiare..."
  157. Cento casi a Viterbo
  158. In Italia ci sono 79mila 075 attualmente positivi
  159. Da domani drive-in a Tarquinia e da mercoledì a Civita Castellana, quello di Viterbo da Belcolle al Riello
  160. A Viterbo 41 casi, a Frosinone 35, a Latina 25 e a Rieti 7
  161. Altri 42 casi, gli attualmente positivi sono più di 300
  162. Aumentano i casi all'istituto Meucci
  163. Ancora nuovi contagi, la Tuscia è il territorio più colpito
  164. Niente sport da contatto per 30 giorni, alle comunioni misurazione della febbre e in chiesa solo genitori e fratelli
  165. 29 morti e 5724 nuovi casi, oltre mille solo in Lombardia
  166. Nuovi casi in lieve diminuzione (384), sei i morti
  167. Covid, altro boom: 40 positivi e 625 persone in quarantena
  168. Nepi vuole anticipare tutti: stop a sport da contatto e limiti alle feste
  169. Superati gli 800 contagi nella Tuscia: positive intere famiglie, studenti e sportivi
  170. "La Tuscia verso un mini-lockdown"
  171. Casi alla Fantappiè e alle superiori, aumentano i positivi all'Ellera
  172. "Coronavirus, oggi nel Lazio 387 casi, 47 guariti e sei decessi"
  173. In Italia 5372 nuovi positivi e 28 morti nelle ultime 24 ore
  174. Coronavirus, venerdì nero - 44 positivi, 11 sono sintomatici e tre ricoverati
  175. "Dodici positivi in una palestra a Nepi, tre contagiati a un battesimo a Corchiano"
  176. Coronavirus, vigile del fuoco positivo e una squadra in quarantena
  177. Il Covid colpisce alcuni alunni della Tuscia, lezioni a distanza e classi in quarantena
  178. Covid, partite le indagini delle forze dell'ordine per i volantini antimascherine
  179. 18 nuovi positivi al Coronavirus, 8 solo a Viterbo
  180. Nuovi casi di Covid, classe d'asilo in quarantena all'istituto Marconi di Vetralla
  181. Tamponi a tutta la classe e bambini isolati per 14 giorni
  182. "La pandemia è falsa, un popolo impaurito è più facile da manovrare"
  183. "Nel Lazio 357 nuovi casi e 6 morti nelle ultime 24 ore"
  184. Oggi 3678 nuovi casi, è il dato più alto da quasi sei mesi
  185. "In aumento casi da feste e cerimonie e in Rsa e case di riposo"
  186. Nuovo boom di casi: oggi 25 positivi
  187. "Tampone per tutte le persone coinvolte della classe"
  188. Il virus rallenta, Montefiascone e Carbognano di nuovo Covid-free
  189. Covid, volantini negazionisti distribuiti a Viterbo: "Non ci vaccineremo e non indosseremo le mascherine"
  190. A Vetralla positive anche due maestre, a Castel Sant'Elia scuole chiuse per Covid
  191. Coronavirus, in Italia si torna sopra i 60mila attualmente positivi
  192. Palestra alle porte di Nepi chiusa per Covid
  193. Oggi 8 casi e 3 guariti, stabile il numero dei ricoverati
  194. Giunta e dipendenti comunali non hanno il Covid, riapre il municipio
  195. "Fake news che ci sono altri casi a Ronciglione, presentata denuncia per procurato allarme"
  196. "Troppi assembramenti fuori dalle scuole e alle fermate dei bus, i giovani vanno sensibilizzati"
  197. Ancora uno studente positivo
  198. 248 casi, 7 positivi a un battesimo - Forte attenzione a Latina, vertice su restrizioni movida
  199. Nuovi casi in calo (2257), ma oltre 32mila tamponi in meno rispetto a ieri
  200. "Coronavirus, negativi gli allievi dell'Istituto alberghiero che si sono sottoposti al test rapido"
  201. Dieci nuovi casi a Civita Castellana, focolaio in una comunità religiosa
  202. Incubo Covid, 25 contagiati e nessun guarito
  203. "Una cena e una partita di calcetto all'origine del contagio"
  204. Coronavirus a scuola, positivo bambino delle elementari
  205. Nella Tuscia 48 casi in sette giorni
  206. Altri due alunni positivi, il sindaco chiude l'istituto Alighieri e la primaria Don Bosco
  207. Nelle ultime 24 ore 2mila 578 nuovi casi e 18 morti
  208. Altri sei positivi, quattro con i sintomi del Covid
  209. Nella Tuscia aumento di contagi, ricoveri e pazienti con sintomi
  210. Coronavirus, oggi 27 morti e 2844 nuovi casi
  211. Boom di positivi: 16 in un giorno, due sono ricoverati
  212. Alunni positivi al Covid, due classi in quarantena
  213. Caso di Covid in comune, test e tamponi per giunta e dipendenti
  214. Contagiati dopo una cena
  215. Oggi 2mila 499 casi, 23 morti e 1126 guariti
  216. 27 positivi a Latina, 17 a Frosinone, 10 a Rieti e 8 a Viterbo
  217. "Da domani mascherina all'aperto obbligatoria anche a Viterbo"
  218. Altri otto casi, gli attualmente positivi diventano 119
  219. Mascherina, scatta l'obbligo anche all'aperto nel Lazio
  220. Dipendente contagiato dopo una cena, il comune chiuso per Covid
  221. A Ronciglione positivo bambino di sei anni, primo caso a Calcata
  222. "Nel Lazio 5 morti e 265 casi, la gran parte per il non uso della mascherina"
  223. Oggi 2548 nuovi casi, mai così tanti dal 24 aprile
  224. Coronavirus, sette casi nelle ultime 24 ore
  225. Coronavirus, 23 nuovi casi e un morto nell'Alto Lazio

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR