Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - L'aggressore è stato ucciso dagli agenti - Fermate altre 9 persone

Professore decapitato vicino Parigi, aveva mostrato in classe le caricature di Maometto

Condividi la notizia:

Polizia francese

Polizia francese

Parigi – Professore decapitato vicino Parigi, aveva mostrato in classe le caricature di Maometto.

Orrore in Francia dove un professore, che aveva mostrato in classe alcune caricature di Maometto, è stato decapitato nel pomeriggio di venerdì. L’aggressione al docente è avvenuta poco prima delle 17 davanti alla sua scuola, nell’hinterland di Parigi.

Autore del gesto è un 18enne che avrebbe urlato “Allah Akbar” prima di uccidere il docente. Le immagini dell’insegnante decapitato sarebbero anche state postate sul profilo Twitter dell’aggressore con un messaggio di rivendicazione: “Allah, ho ucciso un cane dell’Inferno che ha osato infangare il tuo nome”. Gli scatti sono stati criptati dal social network.

Sul posto è immediatamente intervenuta la polizia, allertata da alcuni testimoni. Probabilmente con un giubbetto esplosivo sotto la giacca e il coltello insanguinato ancora in mano, l’aggressore non si è fermato all’alt e gli agenti lo hanno colpito. Il 18enne è morto per le ferite riportate.

Sul posto anche gli artificieri per verificare se il ragazzo indossasse realmente il giubbotto esplosivo.

Il folle gesto sarebbe collegato alla scelta del professore di mostrare in classe, durante una lezione, alcune caricature di Maometto. Le immagini erano state esposte in aula durante un dibattito sollevato dopo la ripubblicazione delle vignette di Maometto sul giornale Charlie Hebdo. 

Da quanto si apprende, nella notte nove persone sono state fermate in relazione alla barbara uccisione del docente. Si tratterebbe di persone che fanno parte dello stretto entourage dell’assalitore, fra cui due genitori di allievi della scuola in cui insegnava la vittima e un minore.

Nel pomeriggio di oggi è attesa una conferenza stampa del capo della procura anti terrorismo, Jean-François Ricard.


Condividi la notizia:
17 ottobre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR