Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Ripartiamo da San Pellegrino - Al cimitero San Lazzaro ci sono garibaldini, arditi del popolo, vittime dei bombardamenti e un ragazzo di 17 anni ucciso per rappresaglia dai nazisti - Uomini e donne di cui in molti casi si è persa memoria - Un romanzo collettivo e i primi ritratti fotografici della storia - FOTO

Salviamo la Spoon River della città di Viterbo

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:

Viterbo – Quasi 600 epigrafi. Lapidi senza corpi. Sui muri del cimitero San Lazzaro. La Spoon River di Viterbo, tra XIX e XX secolo. Come l’Antologia di Edgar Lee Masters o l’album di Fabrizio De André. Dimenticata ma ferma lì. Rischia di scomparire, mentre andrebbe salvata. Racconta una storia, quella della città. Con qualche sorpresa. Garibaldini, arditi e un ragazzo ucciso per rappresaglia dai nazisti.

Un racconto. Vero e proprio. Le vite degli altri. 584 lapidi ancora intatte. Qualcuna è caduta, qualcun’altra s’è persa.


Viterbo - La Spoon River del cimitero San Lazzaro

Viterbo – La Spoon River del cimitero San Lazzaro


Un patrimonio biografico. Medici, architetti, maestre, carabinieri, poliziotti, chimici, artisti, pittori, vigili del fuoco, presidenti dell’ordine degli avvocati, nobili, industriali, operai e contadini.



Inoltre, 5 garibaldini, un paio di arditi del popolo, che tra il 1921 e il ’22 si contrapposero armi in pugno ai fascisti, due vittime dei bombardamenti della seconda guerra mondiale e un giovanissimo volontario diciassettenne morto nella guerra del ’15-’18 una manciata di giorni dopo che era terminata. Infine un ragazzo ucciso a Viterbo dai nazisti per rappresaglia l’8 ottobre del 1943, un mese dopo l’8 settembre, l’inizio della guerra civile e partigiana contro tedeschi e fascisti.


Viterbo - La Spoon River del cimitero San Lazzaro

Viterbo – La Spoon River del cimitero San Lazzaro


Non da ultimo, su quelle lapidi ci sono i primi ritratti fotografici della storia. E in alcuni casi anche il nome del fotografo che li ha realizzati. La storia della fotografia è iniziata da poco. Siamo alla fine dell’ottocento. E quegli scatti sono i primi passi di qualcosa che cambierà per sempre l’immagine che ognuno avrà del mondo e di ciascuno. Una storia raccontata in fondo al San Lazzaro. Dove “ritrarre” qualcuno significa pure, in qualche modo, portarlo via, trarlo indietro, dalla morte. E da un oblio che su quei muri si fa invece memoria.


Viterbo - Il garibaldino Luigi De Franchis

Viterbo – Il garibaldino Luigi De Franchis


Viterbo - L'epigrafe in ricordo dei garibaldini uccisi a Porta della Verità

Viterbo – L’epigrafe in ricordo dei garibaldini uccisi a Porta della Verità


“Qui il popolo viterbese – sta scritto su una lapide del 1881 – ritoltele all’oscuro sepolcro, volle più onoratamente riposte le ossa gloriose di Luigi De Franchis, maggiore dell’esercito nazionale poi nelle schiere garibaldine che la notte del 24 ottobre 1867 espugnarono la porta San Matteo difesa dalle armi pontificie come uno dei trecento alle Termopile per l’Italia cadde ucciso”.


Viterbo - Un ritratto della Spoon River del San Lazzaro

Viterbo – Un ritratto della Spoon River del San Lazzaro


Un’altra lapide ricorda l’evento. Questa volta dove De Franchis, assieme a Gioacchino Alluminati, trombettiere, e Manetto Niccolini dell’ordine dei serviti, vennero assassinati. Porta della Verità, un tempo porta San Matteo. Tre anni dopo la morte, lo stato pontificio cadde e le truppe italiane nel settembre del 1870 entrarono a Roma. De Franchis, sepolto probabilmente come un bandito, venne spostato al cimitero San Lazzaro. Per dargli degna sepoltura. 


Viterbo - Un ritratto della Spoon River del San Lazzaro

Viterbo – Un ritratto della Spoon River del San Lazzaro


“Ahi forse prode – sta scritto infine sulla lapide che ricorda De Franchis – sospiravi più dolce riposo nella terra natale! Ma qualunque terra agl’incliti è ottima dove si muore per la libertà”.


Viterbo - Il garibaldino Giuseppe Fortini

Viterbo – Il garibaldino Giuseppe Fortini


Gli altri garibaldini sono Ludovico Pontiroli Gobbi (1910), Giuseppe Fortini (1920) e Gregorio Borghesi, quest’ultimo morto nel 1883 dopo aver combattuto le guerre di indipendenza del 1848-49, partecipò dunque alla repubblica romana di Mazzini, Saffi, Armellini e Garibaldi, del 1859, 1860-61 e 1866. 


Viterbo - Il garibaldino Giuseppe Fortini

Viterbo – Il garibaldino Giuseppe Fortini


C’è anche Angelo Papini, morto nel 1922, “costante esempio di democrazia pura” che “combatté volontariamente nelle guerre del 1866, del 1867, del 1870 e del 1915. Tutta la vita intemerata consacrò al lavoro, alla famiglia, alla patria”.


Viterbo - L'ardito del popolo Antonio Tavani

Viterbo – L’ardito del popolo Antonio Tavani


Ricordati sul muro del San Lazzaro, e uccisi durante gli scontri con i fascisti tra il 1921 e il 1922, anche Antonio Tavani (1922), “vigliaccamente assassinato per mano faziosa a 25 anni”, la cui memoria, insieme a quella di altri arditi viterbesi, è stata recentemente celebrata grazie a un’iniziativa dello storico Silvio Antonini. C’è pure Tommaso Pesci, “quarantacinquenne agricoltore integerrimo, ottimo padre di famiglia, socio della cooperativa agricola G. Toniolo, spento da brutale violenza il 10 luglio 1921”.


Viterbo - Tommaso Pesci ucciso negli scontri del 1921

Viterbo – Tommaso Pesci ucciso negli scontri del 1921


Le vittime dei bombardamenti aerei che colpirono la città di Viterbo nel 1944 sono Francesco Mogliazzi e Rinaldo Tonon. Ucciso da un mitragliamento aereo anche Adriano Gevi, un militare. Questa volta a Roma, il 10 ottobre 1943, lungo la linea ferroviaria.


Viterbo - Rinaldo Tonon ucciso durante i bombardamenti del 1944

Viterbo – Rinaldo Tonon ucciso durante i bombardamenti del 1944


Valerio Pallucca fu invece assassinato dai nazisti l’8 ottobre 1943. “Nel fiore degli anni – riporta la lapide che lo ricorda – vittima innocente di rappresaglia tedesca, cadeva colpito da arma micidiale, lasciando i genitori, i fratelli e le sorelle nel più profondo dolore”. Valerio Pallucca, quando venne ucciso, aveva solo 17 anni. Come Roberto Sandri Bontempelli, volontario nella prima guerra mondiale. Morto il 9 novembre 1918. A guerra finita, appena 5 giorni prima.


Viterbo - Valerio Pallucca ucciso dai nazisti nel 1943

Viterbo – Valerio Pallucca diciassettenne ucciso dai nazisti nel 1943


Tra le persone oggi ricordate solo dalle lapidi al San Lazzaro pure un vigile del fuoco morto mentre lavorava, Enrico Massantini, il chimico e pittore Felice Folchi (1885), l’agente di polizia Mario Di Mario, ucciso in servizio nel 1898, e il sacerdote del carcere di Santa Maria in Gradi, don Giovanni Olivieri, morto nel 1944. Un sacerdote che nel carcere di massima sicurezza vide passare i detenuti antifascisti, conobbe probabilmente Emilio Sereni e Altiero Spinelli, assistendo infine alla deportazione degli ebrei viterbesi diretti verso i campi di sterminio nazisti del nord Europa.

C’è poi Adelaide Fedeli, 19 anni, “maestra e studentessa universitaria”. Quando le donne non avevano ancora il diritto di voto, la famiglia di questa ragazza volle ricordare a tutte e a tutti un’importante conquista. Il diritto allo studio, anche per le donne.


Viterbo - Cesare Pinzi

Viterbo – Cesare Pinzi


Tra le lapidi del muro, ce n’è pure una che ricorda Cesare Pinzi, importante storico viterbese, che “porse alla città natale – sta scritto – affetto, servigi, decoro. Le millenarie storighe vicende acutamente indagate in eletta forma ne scrisse si che nei secoli vivrà col nome di Viterbo eterna la sua chiara memoria”.


Viterbo - Adelaide Fedeli "studentessa universitaria"

Viterbo – Adelaide Fedeli “studentessa universitaria”


Infine, Scipione Massarelli, nato nel 1813 e morto nel 1879. Una lapide, la sua, decisamente interessante. Per il motivo che riporta e la storia cui si collega. Storia di una borghesia risorgimentale viterbese le cui tracce sono ancora vive e presenti nel tessuto urbano della città.


Viterbo - Scipione Massarelli della società operaia

Viterbo – Scipione Massarelli della società operaia


Il testo che ha accompagnato Massarelli nell’al di là è il seguente: “Nei domestici negozi, negli uffici della città e della società operaia, solerte, onesto, schietto, coraggioso. Non dimentico mai della fede succhiata col latte la conservò solennemente nel letto di morte ricevendo con rara pietà i santissimi sagramenti”. Probabilmente un mazziniano che assieme al padre Giovanni, capomastro, partecipò prima, nel 1844, alla ricostruzione della chiesa di Santa Rosa e nel 1849 ai disordini nella città di Orte, quando a Roma i mazziniani avevano cacciato il papa e proclamato la Repubblica. E a Viterbo, nello stesso anno, dentro al bar Schenardi aveva sede un circolo anarchico, anch’esso d’ispirazione mazziniana.


Viterbo - Adelaide Fedeli "studentessa universitaria"

Viterbo – Adelaide Fedeli “studentessa universitaria”


Tracce di una città diversa da quella che ti aspetti. Segni sparsi un po’ ovunque. Dal profferlo in via dell’ortaccio al balconcino di palazzo Calabresi in via Roma con la Madonna di Pietro Vanni che dipinse anche la morte di Raffaello. Passando infine per pratogiardino dove il busto di Mazzini, voluto proprio dal circolo operaio di Viterbo nel 1891, anticipa quelli di Cavour, Garibaldi e Vittorio Emanuele. Sullo sfondo rispetto a quello di Mazzini, a sottolineare l’importanza di quest’ultimo per Viterbo. Oppure per il liberty di viale Trieste, riconducibile a sua volta a un pensiero politico radicale, o il teatro dell’unione, fatto costruire dall’alleanza di 70 imprenditori vicini a quelle idee.


Viterbo - Valerio Pallucca ucciso dai nazisti nel 1943

Viterbo – Valerio Pallucca diciassettenne ucciso dai nazisti nel 1943


Detto ciò, come tanti all’epoca, sul letto di morte Massarelli pare ritornasse all’ovile. Quando lo stato pontificio non c’era più e dei mazziniani si poteva anche fare a meno. Un ritorno all’antica “fede succhiata col latte” rimarcata con un epitaffio che, forse, sta a dire il contrario. Che quel ritorno da parte di Massarelli non c’è mai stato, figlio solo della volontà e della paura di chi gli è sopravvissuto. In una città diversa da come molti se l’aspettavano. 

…ad Antonello, infine, per tante cose belle. E a Luciano, in sua memoria.Oh, the wind, the wind is blowing,/ through the graves the wind is blowing,/ freedom soon will come;/ then we’ll come from the shadows” (Leonard Cohen, The Partisan).

Daniele Camilli


Fotogallery: San Lazzaro, la Spoon River della città


Condividi la notizia:
19 ottobre, 2020

Ripartiamo da San Pellegrino ... Gli articoli

  1. "Il museo civico è abbandonato e le sue opere sono tenute male..."
  2. "Pietà e Flagellazione sono tenute male e il civico più che un museo sembra un magazzino"
  3. La torre "azzoppata" di via della Pace...
  4. "Museo civico, chiederò l'accesso agli atti per capire meglio cosa hanno fatto gli studenti di beni culturali e a che titolo"
  5. L'eterna saga dei cavi a Piazza San Carluccio che il comune ancora non ha tolto...
  6. Pianoscarano, l'erba in via dei giardini ha circondato pure Padre Pio...
  7. "Appena possibile il dipinto del '700 sarà nuovamente visibile"
  8. Il ponte Camillario rischia di scomparire e con i luoghi dove furono uccisi Ilario e Valentino
  9. Sebastiano del Piombo danneggiato e trafitto dall'incuria
  10. Topi, insetti, polvere e incuria... l'abbandono del museo civico di Viterbo
  11. Lo scandalo della facciata graffita di via Annio, violentata da tubi, incuria e abbandono
  12. "Centro storico, per risolvere i problemi di incuria e degrado ci sono soldi e strumenti, ma il comune non ha idee e non vuole farlo"
  13. "Ho ripulito la zona davanti a Santa Maria delle Fortezze, il comune venga almeno a ritirare i sacchi"
  14. Il dipinto del '700 "scomparso" sta per essere restaurato
  15. Il dipinto del '700 "scomparso" in via Saffi...
  16. Il cimitero di San Lazzaro tra monumenti e degrado
  17. L'arco dell'incuria, abbandonato a sè stesso e con le transenne che stanno lì da mesi
  18. Nella Spoon River cittadina ci sono testimoni preziosi e irripetibili
  19. Via delle Mole... dove per colpa del degrado la gente rischia di rompersi il collo
  20. Niente museo della macchina di santa Rosa, il centrodestra preferisce le lucine di Natale
  21. "Ecco come viene tenuto in considerazione il nostro patrimonio culturale"
  22. "Salvaguardiamo la bellezza del quartiere San Pellegrino che tutto il mondo ci invidia"
  23. Il muro a piazza San Carluccio verrà ripulito per poi mettere in sicurezza i cavi...
  24. E' il tempo che abbiamo speso per la nostra città a renderla così importante...
  25. Il degrado parte dal centro storico e arriva fino alle frazioni
  26. Va in malora pure la finestra di piazza del comune da cui si sono affacciati papi e primi ministri
  27. "Il sindaco pensa al quartiere medievale mentre Bagnaia rimane un territorio di serie C"
  28. "La questione del centro storico va risolta e i cavi elettrici deturpanti vanno sistemati..."
  29. Transennato anche il muro che rischia di cadere davanti alla stazione di porta Romana
  30. L'abbandono di via delle Caprarecce, tra buche e transenne che stanno lì da anni
  31. Viterbo-Amsterdam 1-0, a piazza San Carluccio cavi elettrici transennati
  32. "Abbiamo restaurato il ponte sul torrente Freddano per amore della nostra terra"
  33. A San Pellegrino? Facciamo un po' come cazzo ci pare...
  34. Sopralluogo di e-distribuzione nel quartiere medievale "per effettuare lavori sugli impianti"
  35. Fogne a cielo aperto a via Santa Maria delle Rose, in pieno centro storico
  36. I cavi elettrici di piazza San Carluccio stanno ancora lì... nonostante tutto
  37. Incredibile il sindaco Arena non è ad Amsterdam e afferma: "Indecorosi i cavi esterni che deturpano le facciate..."
  38. I cavi elettrici di piazza San Carluccio pendono ancora sulle teste delle persone
  39. Cavi elettrici a rischio a San Carluccio, ci mette mano il prefetto
  40. "Viterbo 'turistica' sotto il palazzo dei Papi"
  41. Ma se non riescono a togliere fili pericolosi o stappare un tombino, come fanno a guidare una città?
  42. Cavi elettrici a rischio e incuria a piazza San Carluccio
  43. I fili e l'incuria che strangolano via e piazza San Pellegrino...
  44. Ebbene sì, il sindaco e la sua giunta vivono ad Amsterdam...
  45. Ma il sindaco Arena e la sua giunta vivono ad Amsterdam?
  46. Il muro di fronte alla stazione dei treni di Porta Romana rischia di crollare
  47. "Ho pulito il marciapiedi davanti alla stazione di Porta Romana perché mi sono vergognato per come era tenuto"

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR