Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cina - La denuncia di Animal equality Italia: “Sono un pericolo reale e concreto per l’uomo, il sangue bagna i pavimenti delle bancarelle”

“Ancora aperti i mercati di animali, sono una minaccia per la salute pubblica”

Condividi la notizia:

[DTDinfo id=”adsenseinterno”]

Cina, i mercati degli animali

Cina, i mercati degli animali

Pechino – “La minaccia per la salute e la sicurezza pubblica nei mercati di animali in Cina continua”.

È la denuncia di Animal equality Italia che torna nuovamente a chiedere la chiusura definitiva dei ‘wet market’, i mercati cinesi di animali a cielo aperto.

“Il materiale che siamo riusciti a riprendere tornando in Cina – si legge in un comunicato di Animal equality Italia – rivela che la minaccia per la salute e la sicurezza pubblica continua. Nonostante i mesi terribili che hanno cambiato le nostre vite, questi mercati, dove si ritiene abbia avuto origine il COVID -19, sono ancora aperti al pubblico, ricevono folle di persone e, peggio ancora, tutti i tipi di animali continuano ad essere brutalmente venduti e uccisi”.

“In questi luoghi vengono venduti e uccisi tartarughe, rane, anatre, oche, piccioni e pesci – prosegue l’associazione -, riunendo specie che nella vita naturale non coesisterebbero mai e aumentando il rischio di trasmissione di malattie tra uomo e animale. Gli animali continuano a essere uccisi pienamente coscienti e il loro sangue bagna i pavimenti delle bancarelle. Le condizioni igienico-sanitarie sono pessime e i controlli di sicurezza sanitaria continuano a essere inesistenti in questi luoghi”.

“Questi wet market – conclude la nota – sono una minaccia alla salute pubblica  e causano incredibili sofferenze agli animali selvatici e da allevamento. È per questo che Animal Equality chiede alle Nazioni Unite di vietare tutti i wet market. Questi mercati non solo rappresentano un pericolo reale e concreto per l’uomo, ma sono anche fonte di sofferenze estreme per gli animali”.


Condividi la notizia:
20 novembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR