Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Buenos Aires - Confinamento solo per due città, ma ovunque vige il distanziamento sociale - Si lavora intanto al piano vaccini

In Argentina contagi in calo e fine del lockdown, ma le folle per la morte di Maradona fanno temere nuovi picchi

di Barbara Bianchi
Condividi la notizia:

Buenos Aires

Buenos Aires

Buenos Aires – I contagi costantemente in calo registrati per tutto il mese di novembre in Argentina fanno sperare che il picco dell’ondata di Covid-19 che ha investito il paese da giugno sia ormai alle spalle. E l’annuncio della fine del lockdown su tutto il territorio nazionale ne è il principale riflesso. 

Confinamento finito, dunque, tranne che in due città, come spiega il presidente Alberto Fernández che sottolinea come “grazie ai positivi risultati ottenuti con le misure di contrasto della pandemia da Coronavirus, l’Argentina esce da oggi (ieri, ndr) dalle misure di confinamento, adottando però ovunque unicamente un meccanismo di distanziamento sociale preventivo obbligatorio”. Che durerà fino almeno al 20 dicembre prossimo. 

Le più rigide restrizioni resteranno ancora a Bariloche, a Río Negro, e Puerto Deseado, a Santa Cruz, dove per il momento “la situazione non è migliorata abbastanza” da allentare le misure. Ma, ha proseguito il presidente mostrando ottimismo, “stiamo entrando in una nuova fase”. 

L’Argentina, dall’inizio della pandemia, ha registrato oltre un milione e 300mila contagi e circa 40mila morti, raggiungendo il picco della curva epidemiologica a metà ottobre, quando in un solo giorno, in accordo ai dati diffusi dall’Organizzazione mondiale della sanità, c’è stato un incremento percentuale del 44,32 per cento. 


 
I dati Covid-19 in Argentina diffusi dall’Organizzazione mondiale della sanità

Dati Covid in Argentina - Oms


Negli ultimi sette giorni, il trend è visibilmente in miglioramento. I casi sono in calo e l’incidenza dei contagi si attesta su un -22,98 punti percentuale. 
 
A preoccupare al momento, sono però gli assembramenti e le adunate che si sono venute a creare per la morte di Diego Armando Maradona lo scorso 25 novembre. Moltissime persone si sono riversate nella capitale argentina per rendere omaggio all’ex numero 10 della nazionale e del Napoli nel giorno della sua scomparsa e nei giorni successivi, compreso quello del funerale. Folle oceaniche che potrebbero, tra qualche tempo, tradursi in un nuovo picco di contagi.

La folla ai funerali di Diego Armando Maradona

La folla ai funerali di Maradona


Sul fronte vaccini, il presidente Alberto Fernández ha spiegato come al governo siano al lavoro per “vaccinare tutte le persone a rischio tra gennaio e febbraio”. “Siamo in trattative per acquistare vaccini che sarebbero disponibili a marzo, e stiamo lavorando a pieno ritmo con la Russia in modo che tra gennaio e febbraio possiamo vaccinare circa 10 milioni di argentini”, ha aggiunto. “Il numero totale di persone che dovremmo vaccinare tra gennaio e marzo è di 13 milioni di persone, ovvero circa il 25% degli abitanti dell’Argentina. 
 
Barbara Bianchi

Condividi la notizia:
29 novembre, 2020

Covid nel mondo ... Gli articoli

  1. “La Turchia conteggiava come Covid solo i sintomatici, i dati sono ancora ribassati”
  2. Milioni di americani in viaggio per il giorno del ringraziamento, gli Usa temono un aumento dei contagi
  3. "Entro la fine dell'anno al via la vaccinazione di massa in Russia"
  4. Covid - Uccisi 17 milioni di visoni, è bufera politica sulla gestione della crisi sanitaria in Danimarca
  5. Più di 4mila contagi nelle ultime 24 ore, da oggi la Croazia entra in lockdown parziale
  6. Più di 500 nuovi positivi per la prima volta da marzo, la Corea del Sud alle prese con la terza ondata
  7. Lo Zambia dichiara l'insolvenza dei debiti, è la prima nazione in era Covid
  8. Precedenza al personale sanitario e agli ospiti delle Rsa, la Spagna prepara il suo piano vaccini
  9. “Rinunciate ai brevetti sui vaccini, nessun paese può essere lasciato indietro”
  10. Calano i contagi e la pressione sul sistema sanitario, il Regno Unito verso la fine del lockdown
  11. In lockdown parziale da metà ottobre, calano i contagi in Olanda
  12. Superati i 9 milioni di contagi in India, è il secondo paese più colpito nel mondo
  13. Un "compagno di coccole" per superare il secondo lockdown in Belgio
  14. Crescono i contagi in Romania, il presidente: “Riformeremo da zero il sistema sanitario”
  15. I contagi si stabilizzano ma lentamente, la Merkel punta a misure più restrittive
  16. Gli effetti del lockdown d'oltralpe, la Francia si lascia alle spalle il picco dei contagi
  17. Accelerano i contagi in Iran, oltre 100 città in zona rossa
  18. Isola felice del Covid, da tre giorni il Nicaragua è senza nuovi contagi
  19. Contagi costantemente in calo, così l'Arabia Saudita sta sconfiggendo il Coronavirus
  20. Il Covid in Giappone torna a far paura, in arrivo la terza ondata
  21. Solo 10 casi nelle ultime 24 ore, dopo mesi di lockdown l'Australia è quasi Covid-free
  22. "La tregua di quest'estate è finita, ora anche in Svezia la situazione è molto grave”
  23. La seconda vita di Wuhan, da focolaio mondiale a locali aperti e niente mascherina

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR