Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Ripartiamo da San Pellegrino - Risalirebbe al XVI secolo anziché al XIX, come finora s'era creduto - Restituito alla città un pezzo di storia - FOTO E VIDEO

Il balcone delle meraviglie in piazza del Comune…

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:


Viterbo – Sistemare una facciata costa. Nemmeno tanto. Ma costa sicuramente di più non farlo. La dimostrazione è il balcone di piazza del comune. Quello che sta a ridosso di via Ascenzi e sopra il bar Centrale, dove una volta c’era la stazione dei pompieri. Di fronte al palazzo della prefettura e a due passi dal cortile di piazza dei priori. Un balcone delle meraviglie. Un’importante vittoria per la città alla quale vengono restituiti un monumento e un pezzo di storia. Sani e salvi.

“Un monumento molto interessante, ma poco conosciuto”, dice subito Emanuele Ioppolo, restauratore. Infatti, prima che addosso ci mettessero l’impalcatura, del balcone quasi non se ne accorgeva nessuno. Se non il sindaco che da quelle parti ha l’ufficio.


Viterbo - Il balcone di piazza del comune

Viterbo – Il balcone di piazza del comune prima dei restauri


“I testi datano il balcone al 1816 – spiega Ioppolo – che è il periodo in cui viene ristrutturato palazzo dei priori”. E invece “siamo convinti che sia molto più antico. Dovrebbe infatti risalire al 1561-1563 quando il palazzo viene restaurato dopo il crollo della torre della chiesa di Sant’Angelo in Spatha”. Ed è soltanto la prima delle novità che stanno accompagnando i restauri. A qualche mese dalla fine.



I lavori sono stati voluti dal comune, assessorato ai lavori pubblici e si sono svolti sotto l’alta sorveglianza della soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio. L’intervento di restauro è stato condotto dall’impresa appaltatrice Art.Novae. Costano in tutto 20 mila euro e si dovrebbero concludere entro la fine dell’anno.


Viterbo - Il restauratore Emanuele Ioppolo

Viterbo – Il restauratore Emanuele Ioppolo


“Restaureremo anche l’affresco all’interno della lunetta – dichiara l’assessora ai lavori pubblici del comune di Viterbo, Laura Allegrini -. Verranno restaurate anche altre due lunette, quella a fianco del portale municipale e quella che si trova sotto i portici di palazzo dei priori”.



Un intervento che rientra all’interno di “un progetto complessivo di riqualificazione della piazza – prosegue Allegrini – che parte dalla torre dell’orologio e si ricollega alla musealizzazione del piano terra di palazzo dei priori. Passando per l’apertura del Ganfione, un vicolo storico chiuso da molto tempo”.


Viterbo - Piazza del comune

Viterbo – Piazza del comune


I lavori per restaurare gli affreschi delle lunette costeranno “15 mila euro – ha detto l’assessora -. Per il Ganfione spenderemo 240 mila euro. Per la torre, 580 mila euro. Il completamento della parte sinistra dei portici dovrebbe infine venire a costare attorno ai 600 mila euro”.


Viterbo - L'assessora Laura Allegrini

Viterbo – L’assessora Laura Allegrini


Il cantiere del balcone, compreso il recupero dell’affresco sopra al finestrone, si dovrebbe chiudere definitivamente entro febbraio del prossimo anno. “Salvo piogge”, come ha precisato Allegrini.


Viterbo - Il balcone di piazza del comune

Viterbo – Il balcone di piazza del comune


“La datazione del balcone – racconta Emanuele Ioppolo, che si sta occupando anche del recupero di un affresco del settecento in via Saffi – l’abbiamo riconosciuta subito dopo la pulitura. Si nota infatti che gli stemmi datati 1816 hanno una patina più giovane rispetto a quella del balcone. Questo ci ha fatto rendere conto che il balcone è più antico degli stemmi”.

Dal punto di vista conservativo e di restauro “siamo poi intervenuti – prosegue Ioppolo – perché il balcone soffriva di un degrado molto intenso. Una situazione abbastanza grave. Quindi, il primo intervento è stato quello di messa in sicurezza per garantire l’incolumità delle persone”.


Viterbo - Il balcone di piazza del comune

Viterbo – Il balcone di piazza del comune


Un degrado notevole e pericoloso. Il restauro ha permesso invece di salvare un monumento e restituire alla città una nuova storia da raccontare ai turisti.

“Ci siamo accorti – spiega Ioppolo – che con il tempo il peso del balcone ha lentamente inclinato il piano di calpestio. Questo comportava che l’acqua non riusciva più a defluire dai tubi che si trovano nella parte bassa del balcone. Quindi il peperino, che è un materiale spugnoso, si riempito d’acqua e con gli sbalzi di temperatura si stava lentamente spaccando”. Una situazione di degrado cui si aggiungevano “croste nere, polveri, prodotti inquinanti e sgretolamento del peperino derivante dalla presenza di acqua e dall’inquinamento ambientale”. Senza considerare il nido fatto dai piccioni sopra uno degli stemmi. “Un nido enorme – ha sottolineato Ioppolo -. Abbiamo infatti previsto una rete per evitare che la cosa si ripeta”.


Viterbo - La lunetta affrescata del balcone di piazza del comune

Viterbo – La lunetta affrescata del balcone di piazza del comune


Un’altra scoperta. “Abbiamo trovato del pigmento – ha evidenziato Ioppolo -. Probabilmente questo balcone erano completamente scialbato per simulare una pietra più preziosa, forse un marmo o un travertino”. 

Il balcone ha coppie di leoni scolpite con una palma al centro. “Qui – prosegue Emanuele Ioppolo – l’intervento di restauro ha eliminato i difetti di coesione, le lacune e le lesioni presenti. Ci siamo preoccupati anche di conservare anche il vecchio restauro, considerandolo storicizzato. Un’altra interessante scoperta sono le paraste del finestrone sul quale c’era molto probabilmente una voluta molto più ampia rispetto a quella che abbiamo adesso. Una voluta che poi con il tempo si è deciso di rimuovere”. 


Viterbo - Il restauratore Cristian Pedone

Viterbo – Il restauratore Cristian Pedone


Infine l’ultima scoperta. La racconta Cristian Pedone, anche lui restauratore al lavoro sul cantiere in piazza del comune. “Durante l’intervento di restauro è emersa una cosa molto particolare. Probabilmente le due coppie di leoni e la palma potrebbero essere state pensate per un altro balcone e poi reimpiegate in questo. Lo abbiamo capito dal degrado differente di questi elementi rispetto agli altri e dalla loro altezza”.

“Una balaustra – ha concluso infine Ioppolo – che probabilmente viene da un’altra opera. Forse da una loggia che già stava nell’antico palazzo del podestà che è stato realizzato nel XIII secolo”.

Daniele Camilli


Multimedia: Fotogallery: Il balcone di piazza del comuneI restauri – Video: Il balconeGli interventi realizzati


Condividi la notizia:
28 novembre, 2020

Ripartiamo da San Pellegrino ... Gli articoli

  1. Piazza San Carluccio, i cavi sono stati tolti e il muro ripulito
  2. "Che fine hanno fatto i pesci e le tartarughe di pratogiardino Lucio Battisti?"
  3. Verranno restituiti alla città i quadranti dell'orologio della torre di piazza del Comune
  4. Necropoli di Norchia, tombe etrusche e "bocconi avvelenati"
  5. "Via San Lorenzo, un tratto di strada vergognoso, i lavori non potevano più rinviare"
  6. Via San Lorenzo, i lavori che tagliano in due la città
  7. "Ho comprato la torre della Malta per amore di Dante e di Viterbo"
  8. Le cinque discariche della stazione dei treni di Porta Romana
  9. Buche, crepe e sampietrini al catrame, lo stato indegno delle strade di Viterbo
  10. Il comune di Viterbo taglia l'ortica in centro e fa le pulizie di Pasqua
  11. Anche palazzo dei Priori è stato gettato alle ortiche...
  12. "Decoro urbano, il comune di Viterbo può richiedere contributi fino a 20 milioni di euro"
  13. Suffragio, via Bussi e Sant'Egidio... un centro storico buttato alle ortiche
  14. "Pratogiardino Lucio Battisti verrà restituito ai viterbesi"
  15. Giovanni Arena: "Cassia sud... adesso mi incazzo!"
  16. Cassia sud, la strada riapre ma gli operai del cantiere si oppongono...
  17. Bullicame, torna a ribollire l'acqua di Dante... ma il parco è deserto
  18. Cassia sud, due discariche di rifiuti abusivi all'ingresso del parco di Cornelia
  19. Il marciapiede "dimezzato" di Ponte dell'Elce...
  20. Crocetta, a rischio crollo la balaustra della chiesa
  21. Il comune punta a rilanciare e riqualificare il museo civico e il ponte Camillario
  22. Il centro storico assediato da transenne e lavori in corso
  23. Capriate, termoconvettori, telecamere e luci... lavori in corso al museo Rossi Danielli
  24. Giovanni Arena: "Scatole e fili abbandonati vanno tolti, altrimenti interverrà il comune"
  25. Dipinti distrutti e legno sgretolato, le porte cittadine nel degrado e abbandonate
  26. A Viterbo una transenna non si nega a nessuno, nemmeno al ponte Camillario...
  27. I cavi di piazza San Carluccio stanno ancora lì, nonostante l'intervento di prefetto e vigili del fuoco
  28. Unitus, una discarica nell'ex caserma di via Palmanova
  29. Biblioteche Viterbo, "la maleducazione dell'università della Tuscia" e il manifesto di viale Trento...
  30. Polo Unitus all'ex caserma Palmanova, al via i lavori
  31. Biblioteca comunale di Viterbo... quando parcheggiavano il motorino in mezzo ai libri antichi
  32. "Biblioteca Viterbo, il comune farà la sua parte per salvare e valorizzare Palazzo Santoro"
  33. "Per valorizzare le fontane di Viterbo va istituito un Commissario delle acque"
  34. Laura Allegrini: "Fontane, condivido le parole di Ricci e sono pronta a sostenere il suo emendamento"
  35. Alvaro Ricci: "Le fontane si potevano salvare, ma la giunta Arena disse no..."
  36. Degrado in città, transenne "pericolose" per i pedoni al semaforo di porta Romana
  37. Transenne di Natale in via San Girolamo...
  38. Il Paese delle fiabe compie tre anni
  39. "Salvato l'affresco di Matteo Giovannetti a Pianoscarano, capolavoro del Trecento viterbese"
  40. Giovanni Arena: "Museo civico, positiva e importante la proposta di rilancio presentata dall'opposizione"
  41. Decine di opere d'arte del museo civico Rossi Danielli sparse per la città...
  42. Rilancio del museo civico: trenta per cento di spazi in più, sotterranei visitabili e un meeting point
  43. "Il museo civico è abbandonato e le sue opere sono tenute male..."
  44. "Pietà e Flagellazione sono tenute male e il civico più che un museo sembra un magazzino"
  45. La torre "azzoppata" di via della Pace...
  46. "Museo civico, chiederò l'accesso agli atti per capire meglio cosa hanno fatto gli studenti di beni culturali e a che titolo"
  47. L'eterna saga dei cavi a Piazza San Carluccio che il comune ancora non ha tolto...
  48. Pianoscarano, l'erba in via dei giardini ha circondato pure Padre Pio...
  49. "Appena possibile il dipinto del '700 sarà nuovamente visibile"
  50. Il ponte Camillario rischia di scomparire e con i luoghi dove furono uccisi Ilario e Valentino
  51. Sebastiano del Piombo danneggiato e trafitto dall'incuria
  52. Topi, insetti, polvere e incuria... l'abbandono del museo civico di Viterbo
  53. Lo scandalo della facciata graffita di via Annio, violentata da tubi, incuria e abbandono
  54. "Centro storico, per risolvere i problemi di incuria e degrado ci sono soldi e strumenti, ma il comune non ha idee e non vuole farlo"
  55. "Ho ripulito la zona davanti a Santa Maria delle Fortezze, il comune venga almeno a ritirare i sacchi"
  56. Il dipinto del '700 "scomparso" sta per essere restaurato
  57. Il dipinto del '700 "scomparso" in via Saffi...
  58. Il cimitero di San Lazzaro tra monumenti e degrado
  59. L'arco dell'incuria, abbandonato a sè stesso e con le transenne che stanno lì da mesi
  60. Nella Spoon River cittadina ci sono testimoni preziosi e irripetibili
  61. Via delle Mole... dove per colpa del degrado la gente rischia di rompersi il collo
  62. Niente museo della macchina di santa Rosa, il centrodestra preferisce le lucine di Natale
  63. "Ecco come viene tenuto in considerazione il nostro patrimonio culturale"
  64. "Salvaguardiamo la bellezza del quartiere San Pellegrino che tutto il mondo ci invidia"
  65. Il muro a piazza San Carluccio verrà ripulito per poi mettere in sicurezza i cavi...
  66. Salviamo la Spoon River della città di Viterbo
  67. E' il tempo che abbiamo speso per la nostra città a renderla così importante...
  68. Il degrado parte dal centro storico e arriva fino alle frazioni
  69. Va in malora pure la finestra di piazza del comune da cui si sono affacciati papi e primi ministri
  70. "Il sindaco pensa al quartiere medievale mentre Bagnaia rimane un territorio di serie C"
  71. "La questione del centro storico va risolta e i cavi elettrici deturpanti vanno sistemati..."
  72. Transennato anche il muro che rischia di cadere davanti alla stazione di porta Romana
  73. L'abbandono di via delle Caprarecce, tra buche e transenne che stanno lì da anni
  74. Viterbo-Amsterdam 1-0, a piazza San Carluccio cavi elettrici transennati
  75. "Abbiamo restaurato il ponte sul torrente Freddano per amore della nostra terra"
  76. A San Pellegrino? Facciamo un po' come cazzo ci pare...
  77. Sopralluogo di e-distribuzione nel quartiere medievale "per effettuare lavori sugli impianti"
  78. Fogne a cielo aperto a via Santa Maria delle Rose, in pieno centro storico
  79. I cavi elettrici di piazza San Carluccio stanno ancora lì... nonostante tutto
  80. Incredibile il sindaco Arena non è ad Amsterdam e afferma: "Indecorosi i cavi esterni che deturpano le facciate..."
  81. I cavi elettrici di piazza San Carluccio pendono ancora sulle teste delle persone
  82. Cavi elettrici a rischio a San Carluccio, ci mette mano il prefetto
  83. "Viterbo 'turistica' sotto il palazzo dei Papi"
  84. Ma se non riescono a togliere fili pericolosi o stappare un tombino, come fanno a guidare una città?
  85. Cavi elettrici a rischio e incuria a piazza San Carluccio
  86. I fili e l'incuria che strangolano via e piazza San Pellegrino...
  87. Ebbene sì, il sindaco e la sua giunta vivono ad Amsterdam...
  88. Ma il sindaco Arena e la sua giunta vivono ad Amsterdam?
  89. Il muro di fronte alla stazione dei treni di Porta Romana rischia di crollare
  90. "Ho pulito il marciapiedi davanti alla stazione di Porta Romana perché mi sono vergognato per come era tenuto"

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR