Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Lazio - Silvia Blasi: "Si andrà a riconoscerli anche come strumenti di valorizzazione dei territori"

Biodistretti, M5s: “Approvato il regolamento con le nostre osservazioni”

Condividi la notizia:

La consigliera regionale Silvia Blasi

La consigliera regionale Silvia Blasi

Roma – Riceviamo e pubblichiamo – “Sono soddisfatto per l’approvazione del regolamento odierno che pone in attuazione la recente legge regionale sui biodistretti. Mettiamo al centro, infatti, lo sviluppo dell’agricoltura biologica, dei territori e la possibilità per i nostri imprenditori agricoli di fare rete ed essere più competitivi sul mercato”.

Lo dichiara Valerio Novelli, Presidente della Commissione Agricoltura e Ambiente che ha approvato in data odierna il regolamento relativo alla legge regionale che istituisce i Biodistretti.

“E’ stato un regolamento molto partecipato con 31 osservazioni – conclude Novelli –  segno che la Commissione, che mi onoro di presiedere, fornisce sempre ampio spazio a tutte le forze politiche e trova sempre una sintesi che va di pari passo con le esigenze dei territori”.

“Con questo regolamento si andrà a riconoscere i Biodistretti, anche come strumento di valorizzazione dei territori – ha sottolineato Silvia Blasi – ed a definire le aree di eccellenza dal punto di vista biologico, per questo bisogna fare in modo che ci siano elementi di qualità  che li caratterizzino,  li distinguano e assicurino l’uso di coltivazioni meno impattanti.  E’ necessaria la definizione di parametri,  anche minimi, che garantiscano il mantenimento di alcuni requisiti, sia a tutela dei fruitori che delle stesse aziende virtuose a cui vanno riconosciute le buone pratiche in agricoltura.

Anche l’innalzamento del numero di imprenditori che occorrono per certificare un Biodistretto, da tre a cinque, va in questa direzione perché mette dei paletti un po’ più stringenti per la costituzione di un marchio che è e deve essere garanzia di alta qualità ambientale. Mi auguro che le nostre osservazioni, recepite dall’Assessore Onorati in Commissione, siano tradotte in fatti e che si arrivi a rendere operativo questo strumento nel pieno rispetto del principio per il quale è nato, vale a dire la promozione dei prodotti biologici e del territorio attraverso le risorse naturali”.

M5S Regione Lazio


Condividi la notizia:
24 novembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR