Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Economia - Esclusi dal rimborso gli acquisti fatti online

Cashback di Natale, 150 euro per chi paga con carte di credito e bancomat

immobiliari-560x80-presentazione--trova-la-tua-casa

Condividi la notizia:

Una carta di credito

Una carta di credito

Roma – Un rimborso fino a 150 euro per chi a dicembre fa almeno 10 spese con carte e app in negozi fisici.

Il governo sta lavorando per accelerare l’extra cashback, una sorta di bonus natalizio che dovrebbe prendere il via nei giorni proprio a ridosso delle festività di fine anno. L’obiettivo è quello di rilanciare i consumi in vista di una delle festività più importanti.

Stando alle indiscrezioni, il rimborso natalizio riguarderà indistintamente qualsiasi tipologia di spesa pagata in modalità elettronica, quindi gli acquisti di generi alimentari, di capi di abbigliamento, spese mediche, i pagamenti nei ristoranti o tutte le altre tipologie di spesa, escluse quelle fatte online. Questa scelta servirebbe a dare una spinta agli acquisti nei negozi tradizionali. 

I 150 euro pensati dal governo per Natale sarebbero aggiuntivi rispetto a quanto già previsto dal piano cashback, che prevede rimborsi del 10% sui pagamenti elettronici, super cashback con rimborsi da 3 mila euro e lotteria degli scontrini a premi per chi paga con moneta elettronica. In totale, dunque, chi usa i metodi di pagamento digitali potrà ottenere fino ad un massimo di 3450 euro nel prossimo anno sommando i vari rimborsi: l’extra cashback di Natale (150 euro); il cashback (da 300 euro); il super cashback (da 3000 euro).


Condividi la notizia:
24 novembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR