Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Ripartiamo da San Pellegrino - Alvaro Ricci (Pd): "La giunta ha bocciato anche un provvedimento che prevedeva una serie di agevolazioni per chi metteva mano alle facciate, risolvendo anche il problema dei cavi elettrici"

“Centro storico, per risolvere i problemi di incuria e degrado ci sono soldi e strumenti, ma il comune non ha idee e non vuole farlo”

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:


Viterbo – Lo strumento c’è. Per affrontare i problemi di degrado, incuria e abbandono dei quartieri medievali a Viterbo. I soldi pure. Una delibera ancora in vigore, approvata dal consiglio comunale nell’ottobre del 2013, quando a dirigere il comune era il sindaco Leonardo Michelini. Un provvedimento voluto dall’allora assessore all’urbanistica Alvaro Ricci. “Il problema vero – precisa Ricci, capogruppo Pd a Palazzo dei Priori – è che sul centro storico la giunta di Giovanni Arena non ha idee e non vuole intervenire. Non solo, ma recentemente ha bocciato anche un emendamento dell’opposizione che prevedeva 50 mila euro e tutta una serie di agevolazioni per chi metteva mano alle facciate, risolvendo anche il problema dei cavi elettrici”.


Alvaro Ricci

Viterbo – Il consigliere comunale Alvaro Ricci


Consigliere Ricci, cosa prevedeva la delibera sul centro storico approvata quando Michelini era sindaco?
“La delibera prevedeva due cosa. Un metodo di coinvolgimento e di ascolto e poi un metodo operativo. Il primo era quello di istituire un osservatorio aperto a tutti i portatori di interessi del centro storico. Associazioni datoriali, sindacati, associazioni dei consumatori, culturali, di volontariato, residenti. Feci anche un avviso pubblico per divulgare il più possibile la partecipazione. Il secondo l’istituzione di un ufficio speciale per il centro storico. La delibera è ancora in vigore e lo resterà finché non decideranno di cambiarla”.

In quanti risposero?
“In 40. Numeri importanti”.

L’osservatorio fu costituito?
“Sì, l’osservatorio fu costituito. E lì l’amministrazione, tramite il sottoscritto, iniziò a dialogare con la città Perché io credo alla rappresentanza”. 

Quali erano i poteri dell’osservatorio?
“Ascoltare, dare indicazioni e confrontarsi con l’amministrazione, con l’assessore che aveva il compito di fare la sintesi. E molti dei provvedimenti emanati sono stati frutto di quel lavoro”.



Oltre all’osservatorio, la delibera prevedeva anche un ufficio per il centro storico…
“Sì, e si trattava di un ufficio speciale per il centro storico. Cosa mai vista. All’interno dell’amministrazione, c’è già un ufficio per il centro storico, ma è una branca dell’urbanistica. La mia idea era un’altra”.

Quale?
“Il centro storico si interessa di lavori pubblici, commercio, urbanistica. L’idea era fare un ufficio intersettoriale della Polizia locale dove l’ufficio aiutasse l’assessore a concretizzare e rendere attuative le linee di indirizzo previste che andavo ad emanare previa condivisione con l’osservatorio e il consiglio comunale”. 

Quali erano le linee guida previste dalla delibera?
“La delibera elencava una serie di punti. L’istituzione della zona traffico limitato (Ztl) di via San Lorenzo, attualmente smontato dall’amministrazione comune. I cambi di destinazione dei locali posti al piano terra nel centro storico  per farli diventare attività commerciali oppure laboratori artigianali. Migliorare e studiare un nuovo piano parcheggi nel centro storico. Studiare e modificare la viabilità di via Marconi e comunque di accesso e uscita dal parcheggio del Sacrario. Incentivi sul recupero delle facciate del centro storico. Rivalorizzare il patrimonio storico e artistico della città per migliorarne l’appeal e far diventare Viterbo città rustica cosa che, prima dell’amministrazione del sindaco Leonardo Michelini, non lo era. Parliamoci chiaro. E se oggi si parla di turismo è grazie a quell’amministrazione e soprattutto dell’ex assessore Giacomo Barelli”. 

Chi lavorava nell’ufficio speciale per il centro storico?
“Ci lavoravano funzionari comunali, non a tempo pieno. Ci vedevamo una volta a settimana, il pomeriggio. E c’era un entusiasmo incredibile, una voglia di fare straordinaria. E di questo ringrazio anche i dirigenti che misero a disposizione dell’ufficio grandi funzionari”. 


Piazza San Pellegrino nel degrado più completo

Viterbo – Piazza San Pellegrino nel degrado più completo


Quali sono i lavori portati avanti e realizzati grazie al lavoro dell’ufficio per il centro storico?
“Il primo atto, faticosissimo, è stata l’istituzione della Ztl in via San Lorenzo. Fu un lavoro enorme di partecipazione e condivisione. Scrivemmo a tutti i residenti del centro storico. Il parcheggio fuori Porta Faul, che è frutto del lavoro dell’amministrazione Michelini, così come i parcheggi delle Fortezze e di via Sant’Antonio”.

E per quanto riguarda il centro storico?
“Per il centro storico furono redatti progetti importantissimi, che partivano da Palazzo dei Priori. Oppure la Torre civica a piazza del comune. Per la torre si prevedeva l’accessibilità, attraverso una scala interna che avrebbe consentito pure il miglioramento civico della struttura. Non era possibile fare l’ascensore. Abbiamo anche stanziato 200 mila euro per rifare la pavimentazione in via Chigi, ripristinando i vecchi basolati. La stessa cosa è stata fatta in via San Lorenzo e via dei Fattungheri. E’ stata poi fatta la seconda fermata dell’ascensore di Valle Faul con tanto di parcheggio. Tutto questo è stato realizzato in un anno e mezzo. E questo perché c’era un’idea di fondo in continuità con quanto già realizzato con il Plus dalla vecchia giunta del sindaco Giulio Marini. Un’idea che l’amministrazione di Giovanni Arena non ha. Un’idea e al tempo stesso un ragionamento che con Michelini ha portato all’apertura del Teatro Unione, rimasto chiuso per anni”.

E per i quartieri medievali della zona di San Pellegrino cosa è stato fatto?
“Oltre alla riduzione del traffico, ci fu pure un altro punto che andò in porto con risultati straordinari. Misi a disposizione 100 mila euro per dare un contributo a fiondo perduto del 20% per il recupero delle facciate. Per far scomparire i fili sulle facciate. Con quel finanziamento partirono subito 30 cantieri. Un esempio su tutti, il restauro della facciata di Palazzo della pace a piazza delle Erbe. Fu la mia più grande soddisfazione, perché ogni volta che vedevo quel palazzo mi sentivo. I progetti erano su domanda. Riuscimmo a realizzarne 28. Ne realizzato alcuni anche lungo via Cardinal La Fontaine. Per le facciate avevo inoltre previsto 100 mila euro all’anno per tre anni. Feci anche approvare dal consiglio comunale un regolamento con cui veniva definita la distribuzione delle risorse. Il direttore dei lavori dichiarava la regolarità degli stessi e il comune dava il 20% a fondo perduto. Stabilimmo anche dei contatti con Enel per agevolare questi interventi. I fili dalle facciate vanno tolti utilizzando questo metodo e facendo riferimento a questo provvedimento”.

Che fine hanno fatto questi provvedimenti?
“E che te devo dì Camì… bisognerebbe chiederlo a chi m’ha sostituito, cioè a Raffaella Saraconi (l’assessora all’urbanistica che sostituì Ricci ndr)”.  


Piazza San Pellegrino nel degrado più completo

Viterbo – Piazza San Pellegrino nel degrado più completo


Dove si trovava l’ufficio del centro storico?
“Negli uffici che stavano sotto i portici a piazza del comune. Non lo potevamo fare a via Garbini. L’ufficio doveva stare a diretto contatto con il centro. L’idea era anche quella di un monitoraggio continuo. Un responsabile, in questo modo, poteva uscire dall’ufficio, farsi una passeggiata per i quartieri e tenere sotto controllo, rendendosene subito conto, tutte le possibili irregolarità in termini di decoro urbano che potevano di volta in volta insorgere. Bastava alzare gli occhi. Sarebbe bastato questo a fermare gli scempi fatti e quelli futuri”.

Che fine hanno fatto l’osservatorio e l’ufficio speciale per il centro storico?
“Sono morti. Sono stati lasciati morire. Non esiste più. Era un ufficio a tempo. Non è stato più rinnovato”. 

Per quanto tempo ha funzionato?
“Per un anno. Dal 2013 alla fine del 2014”.

Però l’ha chiuso l’amministrazione Michelini…
“Eh, chi mi sostituito, cioè Saraconi, ha preferito fare altre scelte. Tuttavia Saraconi aveva un’altra visione. Anche se secondo me andava fatto il lavoro che la nuova assessora voleva, ma non andava abbandonato quello che era già stato creato e avviato”. 


Piazza San Pellegrino nel degrado più completo

Viterbo – Piazza San Pellegrino nel degrado più completo


Cosa rimprovera all’amministrazione Arena in merito alla gestione del centro storico?
“Gli rimprovero di non avere idee. Zero. Prendono solo le idee che già c’erano e fanno cose su cui Laura Allegrini (attuale assessore comunale ai lavori pubblici ndr) non ha mai messo becco. La situazione è questa, ed è inutile fare passeggiate romantiche per il centro con il sindaco per vedere come stanno messe le facciate”.

Ci sono progetti per il centro l’amministrazione Michelini ha elaborato oppure messo sul tappeto e che non sono mai stati realizzati?
“Sì, almeno tre. Il primo riguardava un progetto di riqualificazione alle Fortezze con un percorso turistico che avrebbe unito Porta San Leonardo con Porta San Pietro. Un progetto rimasto fermo lì. Il secondo. Una società privata ha presentato due validissimi progetti di parcheggio alle Fortezze e a piazza della Rocca. Anche questa proposta è rimasta lettera morta. Infine, il terzo. In tal caso riguardava il palazzo in via San Pietro. L’idea era quella di adibirlo a servizi e casa dello studente. Anche in tal caso nessuna conseguenza. Insomma, sembra quasi un porto delle nebbie”.


Piazza San Pellegrino nel degrado più completo

Viterbo – Piazza San Pellegrino nel degrado più completo


I soldi per intervenire su facciate e incuria in centro ci sono?
“Sì, certo che ci sono. Ci sono ancora 2 milioni di euro da spendere. E come opposizione siamo disponibili al confronto. Un confronto che l’amministrazione però sembra non voler accettare”.

Perché non intenderebbe accettarlo?
“Un esempio su tutti. Un emendamento riguardante le facciate recentemente bocciato da maggioranza, giunta e assessore”. 

In cosa consisteva?
“L’emendamento, presentato da tutta quanta l’opposizione, partiva dal bonus facciate con cui lo stato assicura a chi interviene sulle facciate il 90% di detrazioni d’imposta in 10 anni. L’idea era quella di fare in modo che il comune aggiungesse il 10% di tasca propria e un ulteriore 10% per tutti coloro che nel rifare la facciata avessero previsto di nascondere anche i cavi elettrici. Lo stanziamento previsto in emendamento era di 50 mila euro. Non tantissimo, ma sufficiente ad intervenire almeno su una ventina di facciate. Alla fine l’emendamento è stato bocciato con il parere contrario della giunta del sindaco Giovanni Arena e dell’assessora Laura Allegrini”.

Daniele Camilli


Multimedia: Fotogallery: Lo scandalo di via delle Caprarecce – Piazza San Carluccio in sicurezza – Il sopralluogo di e-distribuzione – Piazza San Carluccio – Video: Transennati cavi e scatole – Cavi pericolosi  – Fotogallery: Una via strangolata dai filiPiazza San Pellegrino deturpata – Video: I cavi lungo la strada 


Condividi la notizia:
4 novembre, 2020

Ripartiamo da San Pellegrino ... Gli articoli

  1. Piazza San Carluccio, i cavi sono stati tolti e il muro ripulito
  2. "Che fine hanno fatto i pesci e le tartarughe di pratogiardino Lucio Battisti?"
  3. Verranno restituiti alla città i quadranti dell'orologio della torre di piazza del Comune
  4. Necropoli di Norchia, tombe etrusche e "bocconi avvelenati"
  5. "Via San Lorenzo, un tratto di strada vergognoso, i lavori non potevano più rinviare"
  6. Via San Lorenzo, i lavori che tagliano in due la città
  7. "Ho comprato la torre della Malta per amore di Dante e di Viterbo"
  8. Le cinque discariche della stazione dei treni di Porta Romana
  9. Buche, crepe e sampietrini al catrame, lo stato indegno delle strade di Viterbo
  10. Il comune di Viterbo taglia l'ortica in centro e fa le pulizie di Pasqua
  11. Anche palazzo dei Priori è stato gettato alle ortiche...
  12. "Decoro urbano, il comune di Viterbo può richiedere contributi fino a 20 milioni di euro"
  13. Suffragio, via Bussi e Sant'Egidio... un centro storico buttato alle ortiche
  14. "Pratogiardino Lucio Battisti verrà restituito ai viterbesi"
  15. Giovanni Arena: "Cassia sud... adesso mi incazzo!"
  16. Cassia sud, la strada riapre ma gli operai del cantiere si oppongono...
  17. Bullicame, torna a ribollire l'acqua di Dante... ma il parco è deserto
  18. Cassia sud, due discariche di rifiuti abusivi all'ingresso del parco di Cornelia
  19. Il marciapiede "dimezzato" di Ponte dell'Elce...
  20. Crocetta, a rischio crollo la balaustra della chiesa
  21. Il comune punta a rilanciare e riqualificare il museo civico e il ponte Camillario
  22. Il centro storico assediato da transenne e lavori in corso
  23. Capriate, termoconvettori, telecamere e luci... lavori in corso al museo Rossi Danielli
  24. Giovanni Arena: "Scatole e fili abbandonati vanno tolti, altrimenti interverrà il comune"
  25. Dipinti distrutti e legno sgretolato, le porte cittadine nel degrado e abbandonate
  26. A Viterbo una transenna non si nega a nessuno, nemmeno al ponte Camillario...
  27. I cavi di piazza San Carluccio stanno ancora lì, nonostante l'intervento di prefetto e vigili del fuoco
  28. Unitus, una discarica nell'ex caserma di via Palmanova
  29. Biblioteche Viterbo, "la maleducazione dell'università della Tuscia" e il manifesto di viale Trento...
  30. Polo Unitus all'ex caserma Palmanova, al via i lavori
  31. Biblioteca comunale di Viterbo... quando parcheggiavano il motorino in mezzo ai libri antichi
  32. "Biblioteca Viterbo, il comune farà la sua parte per salvare e valorizzare Palazzo Santoro"
  33. "Per valorizzare le fontane di Viterbo va istituito un Commissario delle acque"
  34. Laura Allegrini: "Fontane, condivido le parole di Ricci e sono pronta a sostenere il suo emendamento"
  35. Alvaro Ricci: "Le fontane si potevano salvare, ma la giunta Arena disse no..."
  36. Degrado in città, transenne "pericolose" per i pedoni al semaforo di porta Romana
  37. Transenne di Natale in via San Girolamo...
  38. Il Paese delle fiabe compie tre anni
  39. "Salvato l'affresco di Matteo Giovannetti a Pianoscarano, capolavoro del Trecento viterbese"
  40. Giovanni Arena: "Museo civico, positiva e importante la proposta di rilancio presentata dall'opposizione"
  41. Il balcone delle meraviglie in piazza del Comune...
  42. Decine di opere d'arte del museo civico Rossi Danielli sparse per la città...
  43. Rilancio del museo civico: trenta per cento di spazi in più, sotterranei visitabili e un meeting point
  44. "Il museo civico è abbandonato e le sue opere sono tenute male..."
  45. "Pietà e Flagellazione sono tenute male e il civico più che un museo sembra un magazzino"
  46. La torre "azzoppata" di via della Pace...
  47. "Museo civico, chiederò l'accesso agli atti per capire meglio cosa hanno fatto gli studenti di beni culturali e a che titolo"
  48. L'eterna saga dei cavi a Piazza San Carluccio che il comune ancora non ha tolto...
  49. Pianoscarano, l'erba in via dei giardini ha circondato pure Padre Pio...
  50. "Appena possibile il dipinto del '700 sarà nuovamente visibile"
  51. Il ponte Camillario rischia di scomparire e con i luoghi dove furono uccisi Ilario e Valentino
  52. Sebastiano del Piombo danneggiato e trafitto dall'incuria
  53. Topi, insetti, polvere e incuria... l'abbandono del museo civico di Viterbo
  54. Lo scandalo della facciata graffita di via Annio, violentata da tubi, incuria e abbandono
  55. "Ho ripulito la zona davanti a Santa Maria delle Fortezze, il comune venga almeno a ritirare i sacchi"
  56. Il dipinto del '700 "scomparso" sta per essere restaurato
  57. Il dipinto del '700 "scomparso" in via Saffi...
  58. Il cimitero di San Lazzaro tra monumenti e degrado
  59. L'arco dell'incuria, abbandonato a sè stesso e con le transenne che stanno lì da mesi
  60. Nella Spoon River cittadina ci sono testimoni preziosi e irripetibili
  61. Via delle Mole... dove per colpa del degrado la gente rischia di rompersi il collo
  62. Niente museo della macchina di santa Rosa, il centrodestra preferisce le lucine di Natale
  63. "Ecco come viene tenuto in considerazione il nostro patrimonio culturale"
  64. "Salvaguardiamo la bellezza del quartiere San Pellegrino che tutto il mondo ci invidia"
  65. Il muro a piazza San Carluccio verrà ripulito per poi mettere in sicurezza i cavi...
  66. Salviamo la Spoon River della città di Viterbo
  67. E' il tempo che abbiamo speso per la nostra città a renderla così importante...
  68. Il degrado parte dal centro storico e arriva fino alle frazioni
  69. Va in malora pure la finestra di piazza del comune da cui si sono affacciati papi e primi ministri
  70. "Il sindaco pensa al quartiere medievale mentre Bagnaia rimane un territorio di serie C"
  71. "La questione del centro storico va risolta e i cavi elettrici deturpanti vanno sistemati..."
  72. Transennato anche il muro che rischia di cadere davanti alla stazione di porta Romana
  73. L'abbandono di via delle Caprarecce, tra buche e transenne che stanno lì da anni
  74. Viterbo-Amsterdam 1-0, a piazza San Carluccio cavi elettrici transennati
  75. "Abbiamo restaurato il ponte sul torrente Freddano per amore della nostra terra"
  76. A San Pellegrino? Facciamo un po' come cazzo ci pare...
  77. Sopralluogo di e-distribuzione nel quartiere medievale "per effettuare lavori sugli impianti"
  78. Fogne a cielo aperto a via Santa Maria delle Rose, in pieno centro storico
  79. I cavi elettrici di piazza San Carluccio stanno ancora lì... nonostante tutto
  80. Incredibile il sindaco Arena non è ad Amsterdam e afferma: "Indecorosi i cavi esterni che deturpano le facciate..."
  81. I cavi elettrici di piazza San Carluccio pendono ancora sulle teste delle persone
  82. Cavi elettrici a rischio a San Carluccio, ci mette mano il prefetto
  83. "Viterbo 'turistica' sotto il palazzo dei Papi"
  84. Ma se non riescono a togliere fili pericolosi o stappare un tombino, come fanno a guidare una città?
  85. Cavi elettrici a rischio e incuria a piazza San Carluccio
  86. I fili e l'incuria che strangolano via e piazza San Pellegrino...
  87. Ebbene sì, il sindaco e la sua giunta vivono ad Amsterdam...
  88. Ma il sindaco Arena e la sua giunta vivono ad Amsterdam?
  89. Il muro di fronte alla stazione dei treni di Porta Romana rischia di crollare
  90. "Ho pulito il marciapiedi davanti alla stazione di Porta Romana perché mi sono vergognato per come era tenuto"

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR