Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Covid-19 - La capogruppo M5s alla regione Lazio Roberta Lombardi in un post su Facebook

“Troppo comodo scaricare sulla scuola il problema dei contagi, le falle sono i trasporti e la sorveglianza sanitaria”

Condividi la notizia:

[DTDinfo id=”adsenseinterno”]

Roberta Lombardi

Roberta Lombardi

Roma – “Troppo comodo scaricare sulla scuola il problema dell’aumento dei contagi, quando le falle nel sistema, molto più gravi, sono altrove, e si rivelano con drammaticità nell’inefficienza nella gestione dei trasporti e della sorveglianza sanitaria”. Così Roberta Lombardi, capogruppo M5s alla regione Lazio, in un post su Facebook

“Anche ‘Nature’ – si legge nel post – che è una delle riviste scientifiche più prestigiose del mondo, ha fatto propria questa tesi, dimostrando, con uno studio, come gli istituti scolastici non siano focolai di Coronavirus”.

E ancora: “In Italia, nelle 65mila scuole riaperte a settembre, al 6 ottobre sono stati individuati casi di positività solo in 1212 istituti, vale a dire il 2%. E nel 93% dei casi è stata riscontrata la positività di un solo alunno che non ha trasmesso il virus a compagni e docenti. Lo stesso presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro ha dichiarato che l’ambito scolastico rappresenta il 3,8% di tutti i contagi”.

“I dati parlano chiaro – aggiunge Lombardi – e non possono essere politiche di parte a determinare la perdita del diritto all’istruzione per le giovani generazioni, con conseguenze che possono segnare pesantemente l’armonia dello sviluppo evolutivo. E sono eloquenti anche i numeri che giungono da altri stati europei, i quali, sebbene in molti casi alle prese con l’aumento vertiginoso dei contagi molto più che in Italia, hanno deciso di mantenere le scuole aperte senza nessuna conseguenza negativa sulla curva epidemiologica.

Nel post anche il riferimento alla didattica a distanza e alle criticità riscontrate. “Senza parlare delle difficoltà della didattica a distanza – continua – per la quale molto poco è stato fatto dalle regioni, nonostante i fondi stanziati dal governo da diversi mesi, che avrebbero potuto agevolare quella disparità di trattamento per gli studenti che non possono permettersi l’utilizzo di strumenti indispensabili come tablet, pc o smartphone e avrebbero dovuto dotare gli istituti di una connessione adeguata, nella malaugurata ipotesi di un ricorso, per brevi periodi, alla didattica digitale o integrata”.

Per Lombardi la diffusione dei contagi è collegata non alla scuola, ma ad altri ambiti. “Far pagare alle famiglie le inefficienze della politica – scrive – e della cattiva amministrazione, significa mettere la testa sotto la sabbia per non ammettere l’incapacità delle regioni e dei comuni nel potenziamento dei mezzi pubblici e per non riconoscere  l’inadeguatezza della sanità territoriale che già soffriva di forti carenze e per la quale da marzo scorso non si sono visti provvedimenti seri per renderla più efficace”

“E allora basta con questo rimbalzo di responsabilità – conclude – perché la scuola, oltre ad essere un luogo molto più sicuro di altri, è imprescindibile per lo sviluppo armonico dei nostri ragazzi e delle nostre ragazze e va garantita in presenza per non rendere ancora più acute le difficoltà delle famiglie già pesantemente gravate dall’emergenza sanitaria che sta sconvolgendo la quotidianità. Che sia chiaro una volta per tutte che i contagi in ambito scolastico non sono la causa, ma l’effetto della pandemia”.


Condividi la notizia:
2 novembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR