Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - Il premier: "Una settimana di socialità scatenata significherebbe pagare a gennaio un innalzamento brusco della curva"

Conte: “Natale più sobrio degli anni scorsi, veglioni e festeggiamenti non sono possibili”

Condividi la notizia:

Giuseppe Conte

Giuseppe Conte

Roma – “Dobbiamo già predisporci a passare delle festività in modo più sobrio rispetto agli anni scorsi. Veglioni, festeggiamenti, baci e abbracci non sono possibili”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte intervenendo all’assemblea dell’Associazione nazionale comuni italiani.

“È chiaro che c’è molta attenzione verso le festività natalizie, che sono quelle più sentite. Il governo sta rilevando che ci sono alcuni segnali positivi per quanto riguarda l’andamento della curva epidemiologica. Le misure che abbiamo adottato iniziano a rivelare i primi segni positivi. In questo momento nessuno, e neppure gli scienziati, si avventurano a dire quale sarà la situazione dell’andamento della curva epidemiologica durante le festività natalizie. Dobbiamo quindi arrivare in prossimità e capire come dosare bene i nostri interventi. Ci stiamo preparando a vari scenari”

“Dobbiamo già predisporci a passare delle festività in modo più sobrio rispetto agli anni scorsi e, ci auguriamo, rispetto al Natale prossimo – ha continuato Conte -. Veglioni, festeggiamenti, baci e abbracci non sono possibili. Al di là delle valutazioni scientifiche, occorre buonsenso. Una settimana di socialità scatenata come quella che di solito ci accompagna durante le festività natalizie significherebbe pagare a gennaio un innalzamento brusco della curva in termini di decessi e di nuovo stress sulle terapie intensive e sull’area medica. Non ce lo possiamo consentire, sarebbe folle”.

“Dobbiamo predisporci a un Natale più sobrio – ha concluso il presidente del consiglio -. Ci auguriamo che l’economia possa comunque svilupparsi, che si possano comunque fare degli acquisti e scambiarsi dei doni. Ma certo baci, abbracci e festeggiamenti non sono pensabili indipendentemente dalla curva epidemiologica”.


Condividi la notizia:
19 novembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR