Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Coronavirus - Il ministro per le Politiche giovanili e lo Sport, Vincenzo Spadafora: "Non esistono condizioni sanitarie"

“Difficile la riapertura di palestre e centri sportivi a dicembre”

Condividi la notizia:

Vincenzo Spadafora

Vincenzo Spadafora

Roma – “Credo che non esistano purtroppo le condizioni sanitarie in questo momento per poter prevedere nel prossimo dpcm, quello che andrà in vigore dal 4 dicembre, le aperture” di palestre e centri sportivi. Lo ha detto il ministro per le Politiche giovanili e lo Sport, Vincenzo Spadafora, nel corso della di Porta a Porta in onda ieri sera su Raiuno.

“Capisco che sarà una sofferenza ulteriore per tutto questo mondo però oggi non esistono le condizioni, quindi è bene anche prepararsi direi certamente al fatto che ci sarà una proroga delle chiusure”, ha aggiunto Spadafora, il quale ha poi evidenziato che lo stesso discorso si estenderà a “tutte le realtà chiuse con l’ultimo dpcm, dai teatri ai musei. Sicuramente sarà difficile”. 

“Naturalmente – ha aggiunto il ministro – questo vorrà dire che aiuteremo questi settori anche per tutto il tempo ulteriore in cui resteranno chiusi. Aiuti anche per i collaboratori sportivi. Abbiamo già dato a queste figure le garanzie che meritano, un bonus per marzo, aprile e maggio di 600 euro al mese e lo stesso abbiamo fatto per il mese di giugno e da domani mattina la società Sport e Salute erogherà il bonus per il mese di novembre che questa volta è di 800 euro. E’ evidente – ha proseguito il ministro – che questi lavoratori continueranno a dicembre a non essere impiegati in queste strutture e noi dovremo prevedere per loro altrettante misure anche a dicembre”.

“Ma oltre ai lavoratori il problema sono proprio la sopravvivenza delle società e delle associazioni sportive che pagano affitti, che pagano utenze, che hanno pagato spese di sanificazione perché pensavano di poter andare avanti e per questo noi abbiamo in legge di stabilità incentivato il fondo perduto a tutte queste asd e ssd di tutta Italia per poter sopperire a queste spese”.


Condividi la notizia:
19 novembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR