Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Coronavirus - Governo al lavoro su allentamenti e deroghe che potrebbero scattare da dicembre - Massima attenzione però sulla curva dei contagi

Nuovo dpcm in vista del Natale, ecco le possibili misure

Condividi la notizia:

[DTDinfo id=”adsenseinterno”]

Locali chiusi

Locali chiusi

Roma – Il governo sta studiando una nuova serie di provvedimenti da inserire nel dpcm di dicembre in vista delle feste di Natale. Allentamenti e deroghe che potrebbero scattare dal prossimo 4 dicembre, quando il decreto firmato a inizio novembre non avrà più validità. E, si spera, avrà sortito i suoi effetti, abbassando la curva dei contagi e l’indice rt.

Per quella data, sperano a Palazzo Chigi, la maggior parte delle regioni dovrà essere in fascia arancione o gialla: uno scenario di rischio meno grave, che consentirebbe di inserire nel prossimo decreto alcune aperture in vista del Natale. Anche se il ministero della Salute al momento frena: “È presto per parlarne”. 

Come anticipa il Corriere della sera, se la curva epidemiologica dovesse abbassarsi potrebbero però scattare davvero nuove regole per lo shopping e per i giorni festivi. Tra queste potrebbero essere previste alcune modifiche all’orario di apertura dei negozi e deroghe rispetto alla serrata di bar e ristoranti per dare fiato anche alle attività economiche nel periodo che certamente è uno dei più redditizi dell’anno. Con l’accordo di prevedere, poi, nuove chiusure intorno al 21 o 22 dicembre, subito prima delle festività.

Se ne discuterà nel vertice tra governo e regioni in programma per oggi pomeriggio. 

Tra le ipotesi al vaglio, per non mortificare i consumi, ci sarebbe la possibilità di tenere i negozi per lo shopping aperti nei weekend e anche di sera tardi, per spalmare le entrate dei clienti e favorire comunque il commercio. Un altro punto in discussione sarebbe la riapertura dei bar e ristoranti la sera nelle zone gialle e in parte della giornata anche in quelle arancioni. Per quanto riguarda il cenone, possibile che non si potrà essere più di sei a tavola, condividendo il momento di festeggiamenti solo con conviventi e parenti stretti. 


Condividi la notizia:
19 novembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR