Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Mafia viterbese bis - Sconto di un terzo della pena per l'abbreviato - Verranno processati col rito ordinario i fratelli Rebeshi - Vittime due imprenditori

Estorsione con metodo mafioso, i tre complici condannati a 9 anni e 4 mesi ciascuno

di Silvana Cortignani
Condividi la notizia:

Ismail Rebeshi

Ismail Rebeshi

Mafia viterbese - Il blitz dei carabinieri del 28 novembre in cui è stato catturato David Rebeshi

Mafia viterbese – Il blitz dei carabinieri del 28 novembre in cui è stato catturato David Rebeshi

Roma – Mafia viterbese bis, tre condanne e due rinvii a giudizio per estorsione con metodo mafioso ai danni di due imprenditori viterbesi.

Saranno processati col rito ordinario dal collegio del tribunale di Viterbo i fratelli Rebeshi, mentre sono stati condannati a 9 anni e 4 mesi ciascuno, con lo sconto di un terzo della pena del rito abbreviato, i tre presunti complici Must Lleshi, FIavio Hysa e Alban Kacorri.

A tutti e tre gli imoutati ricorsi al rito alternativo, difesi dall’avvocato Samuele De Santis (“Siamo pronti a ricorrere in appello”, preannuncia) è stata riconosciuta l’aggravante del metodo mafioso.

La decisione e arrivata alle 19,30 di ieri dopo un’udienza fiume durata oltre sei ore, al termine della quale si sono separate le strade dei cinque presunti criminali che sarebbero tutti legati dal comune filo conduttore di appartenere alla bandacdel boss Ismail.

I fratelli albanesi Ismail e David Rebeshi, di 37 e 31 anni, considerati esponenti di spicco della criminalità viterbese, difesi dall’avvocato Roberto Afeltra, sono stati rinviati a giudizio dal giudice Gaspare Sturzo del tribunale di Roma con l’accusa di estorsione aggravata dal metodo mafioso.

Presunte vittime un ristoratore di 53 anni e il titolare di una concessionaria di 40, entrambi viterbesi, dai quali avrebbero preteso con la forza la restituzione di somme di denaro, rispettivamente 4500 e 500 euro, che sarebbero state dovute per affari legati al salone Auto Riga di Bagnaia del boss Rebeshi, imprenditore anche nel settore dei locali notturni oltre che presunto narcotrafficante di cocaina.

Il ristoratore 53enne sarebbe stato minacciato di morte assieme alla sua famiglia nel locale che gestiva a Tuscania- E’ stata la sua richiesta di aiuto a far scattare la trappola dei carabinieri lo scorso 28 novembre. Due giorni prima, il 26 novembre, il concessionario quarantenne sarebbe stato inseguito in auto e messo all’angolo nella piazzola di sosta di un distributore quindi costretto con le minacce a versare la somma richiesta.

A chiedere il processo per i fratelli Rebeshi è stato lo stesso pm della Dda di Roma Fabrizio Tucci, già titolare col collega Giovanni Musarò dell’inchiesta “mafia viterbese”, della quale la vicenda sarebbe lo scontato seguito in quanto, secondo l’accusa il boss Rebeshi senior (condannato a 12 anni con l’aggravante del 416 bis lo scorso 11 giugno nell’ambito dei tredici arresti del 25 gennaio 2019 dell’operazione Erostrato) sarebbe il mandante dal carcere dei due episodi di estorsione con metodo mafioso sfociati il 28 novembre dell’anno scorso nell’arresto in flagranza di Rebeshi Junior e degli altri tre albanesi.

Il movente starebbe nella necessità da parte di Ismail di trovare urgentemente quattrini, recuperare soldi rivendicando crediti veri o presunti, per pagarsi le spese legali, in vista dei vari procedimenti penali che ormai da due anni a questa parte coinvolgono il presunto boss. Dall’operazione antidroga Ichnos, per cui è in carcere dal 26 novembre 2918 ed è stata chiesta la condanna di Ismail a sei anni per traffico di cocaina (si decide a gennaio) a “mafia viterbese”, la cui prima udienza si sarebbe celebrata di lì a breve a Roma, il 21 dicembre 2019, alla vigilia di Natale.

Silvana Cortignani


Condividi la notizia:
26 novembre, 2020

Mafia viterbese bis ... Gli articoli

  1. Bocciato il ricorso di David Rebeshi. restano sotto sequestro 22.500 euro provento di spaccio
  2. Estorsione con metodo mafioso, al via a gennaio il processo ai fratelli Ismail e David Rebeshi
  3. Mafia viterbese bis, udienza preliminare per i fratelli David e Ismail Rebeshi
  4. Mafia viterbese bis, udienza preliminare per i fratelli David e Ismail Rebeshi
  5. Oltre 22mila euro della droga sotto sequestro, bocciato il ricorso della moglie di Ismail Rebeshi per averli
  6. Alla sbarra per estorsione con metodo mafioso i fratelli Rebeshi, vittime un ristoratore e un concessionario
  7. Un anno a David Rebeshi, implicato in "mafia viterbese due" e clandestino in Italia
  8. Mafia viterbese bis, ecco perché resta in carcere la banda di David Rebeshi
  9. Estorsione con metodo mafioso, via da Mammagialla la banda di David Rebeshi
  10. "Rebeshi e i tre ventenni sono accusati di metodo mafioso, non è competenza della Dda"
  11. Mafia viterbese bis, David Rebeshi chiede la libertà
  12. "Minacce di morte in albanese, ma si facevano capire con gesti e sguardi"
  13. Estorsione con metodo mafioso, il caso "David Rebeshi" alla Dda di Roma
  14. Estorsione con metodo mafioso, David Rebeshi e i tre complici chiedono la libertà
  15. "Ti ammazzo la famiglia"
  16. Estorsione con metodo mafioso, arrestato il fratello di Ismail Rebeshi
  17. Tentano di estorcergli dei soldi e lo minacciano di morte
  18. Ha una bimba neonata e un lavoro, bloccata l'espulsione di David Rebeshi
  19. Beccato mentre faceva visita alla moglie che aveva appena partorito
  20. Trafficante di droga espulso, rientra in Italia col cognome della moglie
  21. "David Rebeshi capace di delinquere"
  22. I soldi del narcotraffico nascosti tra le medicine
  23. Narcotraffico, sequestrati 22.250 euro in banconote da 50
  24. Sequestrati 38 chili di marijuana

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR