Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - Gennarino De Fazio, segretario generale della Uilpa: “Ennesimo successo del nucleo investigativo centrale della polizia penitenziaria a seguito di una brillante operazione condotta con la collaborazione della finanza"

Evaso da Mammagialla, catturato pericoloso latitante

Condividi la notizia:

[DTDinfo id=”adsenseinterno”]

Il carcere di Mammagialla

Il carcere di Mammagialla

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – “Ennesimo successo del nucleo investigativo centrale della polizia penitenziaria che, a seguito di una brillante operazione condotta con la collaborazione dei baschi verdi della guardia di finanza, ha assicurato alla giustizia un pericoloso latitante”.

Così, Gennarino De Fazio, segretario generale della Uilpa polizia penitenziaria commenta la cattura di R.P., origini albanesi, 15 anni di pena definitiva ancora da scontare ed evaso, a seguito di un permesso, dalla casa circondariale di Viterbo il 13 agosto scorso.

De Fazio, poi, prosegue: “Il Nic della Polizia penitenziaria, sapientemente guidato dal dirigente Augusto Zaccariello, ha ormai raggiunto livelli di specializzazione di prim’ordine e quest’ulteriore risultato, non privo di rischi considerato anche che il latitante era armato, lo conferma nuovamente.

Crediamo peraltro – aggiunge ancora il leader della Uilpa polizia penitenziaria – che il Nic vada adeguatamente potenziato sia negli organici, sia nelle dotazioni tecnologiche e strumentali, così come pensiamo che non siano più accettabili ulteriori ritardi nell’emanazione del decreto ministeriale che deve disciplinarne le modalità d’individuazione dei comandanti regionali.

Proprio perché si tratta, non solo di un fiore all’occhiello per il corpo di polizia penitenziaria, – spiega De Fazio – ma soprattutto di un settore essenziale per la collettività e la sicurezza del paese, espletando attività d’intelligence per la prevenzione e per la repressione di reati che abbiano origine o comunque punti di contatto con gli ambienti penitenziari, dalla radicalizzazione di matrice islamica allo spaccio di stupefacenti, passando per reati di mafia e molto altro, reputiamo che non siano giustificabili vuoti normativi che, in uno, rischiano di comprometterne efficacia ed efficienza a ogni livello e fanno anche sorgere legittimi dubbi sulla trasparenza e l’imparzialità delle modalità di reclutamento.

Nel rivolgere, pertanto, al Comandante Zaccariello e a tutte le donne e gli uomini del Nic i complimenti e i ringraziamenti della Uilpa polizia penitenziaria – conclude –, invitiamo il ministro Bonafede a completare il processo riorganizzativo del Nic superando gli ingiustificabili ritardi sin qui accumulati”.

Uilpa polizia penitenziaria


Condividi la notizia:
6 novembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR