Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Mercoledì 25 novembre un evento in collaborazione con l’associazione Differenza donna

Giornata di studi all’Unitus contro la violenza sulle donne

Condividi la notizia:

Viterbo - Università della Tuscia - Santa Maria in Gradi

Viterbo – Università della Tuscia – Santa Maria in Gradi

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – “Le radici culturali della violenza di genere. Dai pregiudizi alle strategie di contrasto” questo il tema di una giornata studi on line organizzata dal dipartimento di Scienze politiche e delle Relazioni Internazionali dell’Unitus mercoledì 25 novembre, in occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne.

L’evento è in collaborazione con l’associazione Differenza donna ong. L’iniziativa, volta a promuovere una riflessione sui retaggi culturali alla base della violenza maschile contro le donne e una discussione sulle strategie di contrasto al fenomeno, si pone in continuità con le attività del progetto di ricerca “Step–Stereotipo e pregiudizio”, coordinato dall’Università degli studi della Tuscia, in partnership con l’associazione Differenza donna ong e realizzato con il contributo della presidenza del consiglio dei ministri – Dipartimento per le pari opportunità.

Il progetto si propone di indagare gli stereotipi e i pregiudizi che colpiscono la donna vittima di violenza in ambito giudiziario, nelle forze dell’ordine e nella stampa e concorrono, di fatto, alla riproduzione di quel contesto culturale che rappresenta la condizione e la premessa della violenza maschile contro le donne.

I lavori si apriranno alle 10 con i saluti istituzionali del rettore Stefano Ubertini e della referente per l’inclusione e l’equità, Daniela D’Ottavio. Seguirà una tavola rotonda che ospiterà gli interventi della professoressa Flaminia Saccà, presidente del corso di laurea in Scienze politiche e delle relazioni internazionali e coordinatrice scientifica del progetto Step, di Elisa Ercoli, presidente dell’associazione Differenza donna ong, di Maria Spiotta, responsabile del “N. antiviolenza 1522”, e della professoressa Fabrizia Giuliani, dell’Università di Roma “La Sapienza” consulente linguista nel progetto Step.

La tavola rotonda si concluderà con gli interventi di Michele Negri e Luca Massidda, docenti di Sociologia presso l’Università della Tuscia. La giornata di studi proseguirà con un workshop, coordinato da Donatella Selva e Rosalba Belmonte, che coinvolgerà attivamente gli studenti del corso di laurea triennale in Scienze politiche e delle relazioni internazionali, i quali saranno chiamati a confrontarsi sui temi discussi nel corso della tavola rotonda.

L’evento sarà trasmesso in live streaming attraverso la piattaforma Zoom, all’indirizzo: https://unitus.zoom.us/j/99466313783.

Università della Tuscia


Condividi la notizia:
23 novembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR