Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Coronavirus - Il presidente dell'istituto superiore di sanità Brusaferro: "Arrivano segnali di efficacia delle misure"

“La curva dei contagi comincia ad appiattirsi”

Condividi la notizia:

[DTDinfo id=”adsenseinterno”]

Silvio Brusaferro

Silvio Brusaferro

Roma – “La curva dei contagi comincia ad appiattirsi e il rischio di saturazione dei posti letto per gli ospedali è più lontano”. Il presidente dell’istituto superiore di sanità Silvio Brusaferro vede segnali incoraggianti negli ultimi dati sui contagi in Italia, che indicano “un rallentamento dell’incidenza del Covid”.

Brusaferro, durante la conferenza sull’analisi dei dati del monitoraggio regionale della Cabina di regia, ha spiegato come l’obiettivo non sia “una crescita lenta ma è una decrescita rapida perseguibile solo con l’rt sotto 1, una soglia dove il tracciamento sistematico sia possibile”. 

L’appiattimento della curva però non permette di “cantar vittoria” ma “dobbiamo rispettare le misure perché l’rt è pari a 1,18 e questo significa che i casi continuano a crescere anche se più lentamente”. “Ci troviamo in una fase di rischio alto in tutto il paese”, ha spiegato Brusaferro “ma arrivano segnali di efficacia delle misure”.

Segnali di timido ottimismo anche da Franco Locatelli, il presidente del consiglio superiore della sanità. “I dati sono evidentemente indicativi di uno spiraglio significativo che si apre, ma questa è una ragione per insistere” ha sottolineato, aggiungendo che “dobbiamo evitare di ripetere l’errore dell’estate, quando si è pensato fosse tutto alle spalle”.


Condividi la notizia:
20 novembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR