Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Terni - Polizia - Sorpresi in un parcheggio con hashish e marijuana - Il questore: "Fare quadrato contro lo spaccio per non piangere i nostri giovani"

Droga nella minicar, arrestati due 16enni

Condividi la notizia:

La polizia di Terni

La polizia di Terni

Terni – Spaccio, arrestati due 16enni. 

La squadra volante della polizia li ha trovati nel parcheggio esterno di un centro commerciale, mercoledì, durante un controllo di routine, mentre armeggiavano in tre intorno a una minicar.

Quando gli agenti si sono avvicinati, hanno notato un certo nervosismo: mani tremanti e grande imbarazzo. A quel punto hanno controllato la minicar.

Nel cassettino, come riporta una nota degli agenti, “hanno trovato un sacchetto di sostanza stupefacente e un bilancino elettronico di precisione. I ragazzi, tutti e tre di 16 anni, sono stati accompagnati in questura, dove sono stati convocati i genitori; la sostanza stupefacente è risultata essere marijuana per circa 20 grammi e 0,5 grammi di hashish”.  

La nota della polizia spiega ancora che dalle indagini, coordinate dal sostituto procuratore Flaminio Monteleone della procura dei minori di Perugia, “è emerso che uno dei tre era l’acquirente, mentre gli altri due erano i venditori: l’autista da questa estate accompagnava con la minicar a fare le consegne, sia nei parcheggi che a domicilio, a una fitta rete di clienti anche minori”.

A Terni è ancora fresca la ferita della morte di Flavio Presuttari e Gianluca Alonzi, uccisi dalla droga a 15 anni, quest’estate. “Durante gli interrogatori – si legge nel comunicato dei poliziotti – è emerso che tutti e tre conoscevano bene Flavio e Gianluca, i due ragazzi morti per droga a luglio a Terni”.

Il questore Roberto Massucci ha ringraziato la dirigente delle volanti Anna Maria Mancini per questi controlli, a tutela innanzitutto dei ragazzi. “È necessario fare quadrato intorno a queste vicende per evitare di dover ancora piangere i nostri giovani”, ha dichiarato Massucci, come è scritto nella nota. 

Per i due arrestati, venerdì, nell’udienza di convalida, il gip Giuseppina Arcella ha disposto i domiciliari.

L’accusa, riportano i poliziotti, è “detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti in concorso, con l’aggravante di averla spacciata a minori”.


Condividi la notizia:
28 novembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR