Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Vendesi casale in ottimo stato di 185 mq - Castel Firenze e le isole Gallinara e Bisentina sono gli altri casi che sollecitano delle riflessioni

A proposito della messa in vendita della Torre di Pasolini…

di Francesco Mattioli
Condividi la notizia:

Chia - La torre di Pasolini

Chia – La torre di Pasolini

Francesco Mattioli

Francesco Mattioli

Soriano nel Cimino – Molti anni fa, eravamo ancora negli anni ’70, partecipai a un convegno di Italia Nostra dove si discuteva della tutela dei beni storici e artistici da parte dei privati. Il tema allora sembrava scottante per l’influenza di una deriva di ispirazione statalista; tuttavia esso è tuttora all’ordine del giorno, perché presenta problematiche e interrogativi irrisolti che chiamano anche in causa il ruolo delle Sovrintendenze e, forse soprattutto, la cronica mancanza di risorse destinate alla cultura.

Un fatto è certo. Per tanti motivi storici, politici, economici, di opportunità una cospicua parte dei beni storici e artistici del paese è in mano a privati. Non può essere diversamente, sia chiaro, ma ne vengono inevitabili criticità.

Recentemente alcuni fatti di cronaca hanno riportato la questione all’attenzione del pubblico, ma non è che essa avesse mai realmente goduto di un periodo di “remissione”. Citerò quattro casi, non so se siano da considerare emblematici, ma comunque possono essere interessanti da valutare.

Iniziamo con il caso salito recentemente alle cronache nazionali, quello della vendita dell’Isola Gallinara, in Liguria, ad un magnate ucraino. Apriti cielo, l’opinione pubblica si indigna, lo stato blocca tutto per sostituirsi nell’acquisto esercitando il diritto di prelazione  Non è il solo caso, sia chiaro: di isole e isolotti sul mercato ve ne sono parecchi, ma qui il progetto è quello di sostituire il salone delle feste sognato dal magnate con un centro di osservazione della fauna marina.

A proposito di isole, restiamo a casa nostra: l’Isola Bisentina, che dopo la morte del Principe Del Drago versava in condizioni critiche,  viene acquistata dalla famiglia Rovati, con l’intento di restaurarne i preziosi monumenti e la ricca vegetazione. L’idea originaria, dibattuta anche durante una presentazione pubblica alla Rocca di Montefiascone, è quella di farne,  piuttosto che un buen retiro familiare, un  centro culturale  e convegnistico internazionale. I tempi, ovviamente, non sono brevissimi; c’é chi storce il naso e chi si entusiasma. Dipende dall’evolversi degli eventi.

Il terzo caso, che personalmente forse enfatizzo più del dovuto, ma che a me sembra sintomatico di una criticità non risolta, riguarda Castel Firenze a via della Grotticella. Una abitazione che ricordava Palazzo della Signoria di Firenze, ispirata ad un tardo liberty che trova riscontri nel quartiere Coppedé a Roma, di cui è coevo. Castel Firenze, certo un pochino malridotto, viene abbattuto qualche anno fa per farne un condominio. Non ha protezione da parte della Sovrintendenza, anche se ha un valore documentale, paesaggistico, urbanistico e storico perché parte integrante dello sviluppo architettonico e culturale della città. Per molto meno, il Casale Federici, di fine ottocento, trecento metri più oltre, viene restaurato e rigenerato come civile abitazione, mantenendo intatta la sua fisionomia originaria e allo stesso tempo rispondendo in pieno alle esigenze abitative del XXI secolo.

Il quarto è per l’appunto il complesso residenziale di Pasolini a Torre di Chia, messo in vendita come “casale” a una cifra tutto sommato neppure così alta, ottocentomila euro, e oggetto della preoccupazione di chi ha a cuore le memorie dello scrittore e della sua presenza nella Tuscia.

Tutte le questioni ruotano intorno al ruolo delle istituzioni pubbliche. Perché se un luogo è vincolato per le sue qualità storiche, artistiche, culturali o  paesaggistiche, certamente viene protetto contro la speculazione, lo straniamento, la distruzione che un privato potrebbe avere in mente di compiere.

Tuttavia per la salvaguardia occorrono almeno due condizioni. Innanzitutto, che le istituzioni applichino il vincolo con criteri non solo condizionati da parametri standardizzati di carattere temporale, funzionale o estetico, ma anche da considerazioni socioantropologiche legate al profilo del territorio e della città. In secondo luogo, studiando e monitorando il territorio ed esercitandovi il dovuto controllo.

Ma è anche vero che le istituzioni pubbliche devono disporre delle risorse finanziarie per acquistare, intervenire, progettare, manutenere, valorizzare; altrimenti, tanto vale affidarsi alle solerti e amorose cure di un privato innamorato del luogo e disposto a metterlo in comune con il pubblico, almeno in certi periodi e a certe condizioni. 

Prendiamo il caso dell’Isola Bisentina: lo stato, la regione Lazio, sarebbero intervenute per risollevarne le sorti? E prendiamo il caso del Casale Pasolini; ammesso (e non concesso) che il Castello e la Torre siano di per sé protetti dalle leggi dello stato (ma Pasolini dovette intervenire su quei ruderi in disfacimento), gli ambienti –moderni! – in  cui il poeta, scrittore, regista dimorò e lavorò, sono passibili di riuso e di trasformazione privata o meriterebbero di diventare la sede di un progetto di comunicazione culturale legato alla figura di Pasolini? Lo stato, la regione avrebbero le risorse, non solo finanziarie, ma anche progettuali e culturali per intervenire?

Insomma il problema è tutto qui: attenzione, sensibilità, certo, che possono essere anche stimolate dall’opinione pubblica; ma poi anche disponibilità finanziaria, progettualità, vigilanza, capacità di valorizzare stabilmente il luogo. Altrimenti ci prendiamo tutti quanti in giro, magari facendo riaffiorare limitatezze ideologiche, burocratiche e intellettuali.

Francesco Mattioli


Multimedia: La Torre di Pier Paolo Pasolini – Pier Paolo Pasolini nella casa studio di Chia – Video: La casa dove Pasolini visse i suoi ultimi anni

 


Condividi la notizia:
23 novembre, 2020

Torre Pasolini ... Gli articoli

  1. "Lanciamo l'idea dell'acquisto a grosse organizzazioni tipo Mediaset che vivono di immagini e scrittura..."
  2. "Torre di Pasolini, anche noi vogliamo contribuire al recupero"
  3. "Facciamo diventare la Torre di Pasolini una casa per scrittori, poeti registi contro..."
  4. Per Pasolini la torre e il Viterbese erano "il paesaggio più bello del mondo"...
  5. "Non vorremmo che per la latitanza di Zingaretti la Torre di Chia fosse trasformata in un b&b o cadesse preda del degrado"
  6. "Torre di Pasolini, avviata interlocuzione con il Mibact per la salvaguardia e tutela"
  7. La Torre di Pasolini svetta lì in mezzo, a guardia di un territorio pieno di storia...
  8. "Pasolini ha amato Viterbo e la Tuscia, il Mibact acquisti la Torre di Chia"
  9. "Torre di Pasolini, possibile che lo Stato non abbia i soldi per comprarla?"
  10. Franceschini affida ai suoi tecnici il dossier sulla Torre Chia per un eventuale acquisto...
  11. Salviamo il luogo dove Pier Paolo Pasolini avrebbe desiderato essere sepolto
  12. "La torre di Pasolini venga acquistata dallo stato..."
  13. “Zingaretti al lavoro per la tutela della torre di Pier Paolo Pasolini”
  14. "Richiesta urgente per esercizio del diritto di prelazione per l'acquisto della Torre di Chia"
  15. "Per la torre di Chia va studiato un progetto culturale puntuale e sostenibile anche economicamente"
  16. La regione Lazio deve salvare la Torre di Chia di Pier Paolo Pasolini, a tutti i costi
  17. “Torre di Pasolini: prezzo troppo alto per il comune, ci aiuti il ministero”
  18. Zingaretti compri quella torre e ne faccia qualcosa di bello e di umano
  19. "Torre di Chia, perché non comprarla in gruppo?"
  20. "Salviamo la torre che fu di Pasolini"
  21. "Si acquisti la Torre di Chia per farne una delle sedi permanenti di studi pasoliniani"
  22. La torre di Chia resti, oggi e per sempre, “la Torre di Pasolini”
  23. "Franceschini trasformi la Torre di Pasolini in museo"
  24. "La Torre di Pasolini sia acquistata dallo stato"
  25. La Torre di Pasolini venduta per 800mila euro come "casale in ottimo stato di 185 mq"
  26. "Un centro studi per indagare gli aspetti meno conosciuti del lavoro di Pier Paolo"
  27. "La torre di Pasolini? Tra i luoghi più importanti della storia della letteratura mondiale"
  28. "Trasformare lo studio di Pier Paolo in casa vacanze sarebbe solo uno sfregio"
  29. "La torre di Pasolini va tutelata e valorizzata"
  30. "Pier Paolo si rivolterebbe nella tomba..."
  31. La torre di Pasolini non può diventare una banale casa vacanze
  32. "Salviamo la Torre di Pasolini sotto il segno del peperino"
  33. Siamo pronti a costruire sinergie con Civita di Bagnoregio
  34. Ancora e sempre il poeta abita qui...
  35. Nessuno tocchi la torre di Pier Paolo Pasolini...
  36. Che fine ha fatto il progetto del Parco letterario Pasolini?
  37. La Torre di Pier Paolo Pasolini rischia di diventare una casa vacanze
  38. "Pier Paolo passò qui il suo ultimo capodanno, con Bertolucci e Taviani"

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR