Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Vendesi casale in ottimo stato di 185 mq - Il cantante lirico di fama internazionale scende in campo per difendere "un pezzo importante, fondamentale, della storia di un uomo il cui pensiero e la cui arte sono patrimonio dell’intera umanità"

La torre di Chia resti, oggi e per sempre, “la Torre di Pasolini”

di Alfonso Antoniozzi
Condividi la notizia:

Alfonso Antoniozzi

Alfonso Antoniozzi

La torre di Pasolini in vendita su immobiliare.it

La torre di Pasolini in vendita su immobiliare.it

Viterbo – Profetico, libero, lucido, poetico, intelligente, Pasolini fu con ogni probabilità l’ultimo grande intellettuale italiano capace non solo di leggere la realtà e di raccontarcela fornendoci una chiave di lettura mai asservita a logiche di partito, di ideologia o di corporazione ma anche di raccontarci quello che sarebbe avvenuto, quale fosse la strada che avevamo intrapreso e a quale destinazione portasse. Fu il primo a comprendere e a denunciare, voce che chiama nel deserto, che le logiche del conformismo, dettato in maniera subliminale dal potere della società dei consumi, altro non era che un totalitarismo ancora più subdolo (“nuovo fascismo”, lo chiamò) e ancora più totalizzante perché non reprimeva il dissenso ma, semplicemente, lo disinnescava alla radice.

In Petrolio, il suo romanzo incompleto e postumo immaginato nel silenzio della torre di Chia, l’ultimo tentativo di spronarci a cercare di cambiare il cammino che il Paese aveva intrapreso, ci racconta chiaramente di un popolo che ha perso la possibilità di sognare, di persone da cui non arriva più neppure uno sguardo di curiosità o di simpatia, la cui unica preoccupazione non è più quella di cercare la verità ma di essere impopolari.

Questa visione lucida della strada che stavamo percorrendo e il terribile dono, simile a quello Cassandra, di saper intuire con chiarezza quale ne fosse la destinazione furono, forse, il motivo per cui decise di vivere la maggior parte degli ultimi anni della sua vita in quella torre, in una dimensione contadina in cui ancora resistevano quei valori umani che altrove gli si sgretolavano sotto gli occhi.

Conobbe quella torre, con ogni probabilità, quando scelse le cascate del fosso Castello per girare la scena di Giovanni Battista nel Vangelo Secondo Matteo e se ne innamorò. “La torre di Viterbo che non riesco a comprare, nel paesaggio più bello del mondo”, scrisse. Riuscì ad acquistarla sei anni dopo. Per tutti noi, nel lessico quotidiano, quella torre si chiama ormai “la Torre di Pasolini”.

La notizia che questo pezzo importante, fondamentale, della storia di un uomo il cui pensiero e la cui arte sono patrimonio dell’intera umanità, sia finito sul listino di vendita di un’agenzia immobiliare come “casale” è di quelle che fanno stringere il cuore e non solo perché Stato, Regione o Provincia non si fanno avanti ora né si sono mai fatte avanti in passato per trasformarla, come sarebbe giusto, in un luogo di memoria e magari di riflessione ma perché è la dimostrazione pratica di quanta ragione avesse Pasolini se quella torre dovesse, chissà, diventare un agriturismo.

Sarebbe invece questa l’occasione, per la politica, di far finalmente pace con la figura di un uomo la cui lucidità artistica fu troppo spesso scambiata per provocazione, la cui onestà intellettuale fu bollata come “controversa”, la cui omosessualità fu, anche dai compagni di partito, “tollerata”, con la figura di un uomo di cui ancora oggi si stenta a comprendere l’oggettiva grandezza e lo sconfinato amore che aveva per questo Paese e per i suoi cittadini solo perché aveva la scomoda usanza di raccontare in ogni modo possibile la verità.

Salviamo quella torre, facciamo in modo che la torre di Chia resti, oggi e per sempre, “la Torre di Pasolini”: lo dobbiamo alla nostra storia, alla nostra cultura, alla nostra coscienza civile.

Alfonso Antoniozzi


Articoli: Massimiliano Smeriglio: “Salviamo la torre che fu di Pasolini” – Giancarlo Torricelli: “Si acquisti la Torre di Chia per farne una delle sedi permanenti di studi pasoliniani”  – Rotelli e Mollicone (FdI): “Franceschini trasformi la Torre di Pasolini in museo” – Battistoni (FI): “La Torre di Pasolini sia acquistata dallo stato”  – La Torre di Pasolini venduta per 800mila euro come “casale in ottimo stato di 185 mq” di Carlo Galeotti

Multimedia: La Torre di Pier Paolo PasoliniPier Paolo Pasolini nella casa studio di Chia – Video: La casa dove Pasolini visse i suoi ultimi anni


Condividi la notizia:
10 novembre, 2020

Torre Pasolini ... Gli articoli

  1. "Lanciamo l'idea dell'acquisto a grosse organizzazioni tipo Mediaset che vivono di immagini e scrittura..."
  2. "Torre di Pasolini, anche noi vogliamo contribuire al recupero"
  3. "Facciamo diventare la Torre di Pasolini una casa per scrittori, poeti registi contro..."
  4. A proposito della messa in vendita della Torre di Pasolini...
  5. Per Pasolini la torre e il Viterbese erano "il paesaggio più bello del mondo"...
  6. "Non vorremmo che per la latitanza di Zingaretti la Torre di Chia fosse trasformata in un b&b o cadesse preda del degrado"
  7. "Torre di Pasolini, avviata interlocuzione con il Mibact per la salvaguardia e tutela"
  8. La Torre di Pasolini svetta lì in mezzo, a guardia di un territorio pieno di storia...
  9. "Pasolini ha amato Viterbo e la Tuscia, il Mibact acquisti la Torre di Chia"
  10. "Torre di Pasolini, possibile che lo Stato non abbia i soldi per comprarla?"
  11. Franceschini affida ai suoi tecnici il dossier sulla Torre Chia per un eventuale acquisto...
  12. Salviamo il luogo dove Pier Paolo Pasolini avrebbe desiderato essere sepolto
  13. "La torre di Pasolini venga acquistata dallo stato..."
  14. “Zingaretti al lavoro per la tutela della torre di Pier Paolo Pasolini”
  15. "Richiesta urgente per esercizio del diritto di prelazione per l'acquisto della Torre di Chia"
  16. "Per la torre di Chia va studiato un progetto culturale puntuale e sostenibile anche economicamente"
  17. La regione Lazio deve salvare la Torre di Chia di Pier Paolo Pasolini, a tutti i costi
  18. “Torre di Pasolini: prezzo troppo alto per il comune, ci aiuti il ministero”
  19. Zingaretti compri quella torre e ne faccia qualcosa di bello e di umano
  20. "Torre di Chia, perché non comprarla in gruppo?"
  21. "Salviamo la torre che fu di Pasolini"
  22. "Si acquisti la Torre di Chia per farne una delle sedi permanenti di studi pasoliniani"
  23. "Franceschini trasformi la Torre di Pasolini in museo"
  24. "La Torre di Pasolini sia acquistata dallo stato"
  25. La Torre di Pasolini venduta per 800mila euro come "casale in ottimo stato di 185 mq"
  26. "Un centro studi per indagare gli aspetti meno conosciuti del lavoro di Pier Paolo"
  27. "La torre di Pasolini? Tra i luoghi più importanti della storia della letteratura mondiale"
  28. "Trasformare lo studio di Pier Paolo in casa vacanze sarebbe solo uno sfregio"
  29. "La torre di Pasolini va tutelata e valorizzata"
  30. "Pier Paolo si rivolterebbe nella tomba..."
  31. La torre di Pasolini non può diventare una banale casa vacanze
  32. "Salviamo la Torre di Pasolini sotto il segno del peperino"
  33. Siamo pronti a costruire sinergie con Civita di Bagnoregio
  34. Ancora e sempre il poeta abita qui...
  35. Nessuno tocchi la torre di Pier Paolo Pasolini...
  36. Che fine ha fatto il progetto del Parco letterario Pasolini?
  37. La Torre di Pier Paolo Pasolini rischia di diventare una casa vacanze
  38. "Pier Paolo passò qui il suo ultimo capodanno, con Bertolucci e Taviani"

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR